Blog: http://orione.ilcannocchiale.it

THE DARK SIDE OF THE WEB


“Ciao, sono Rascatripas e questo mi è successo perché non ho capito che non avrei dovuto postare cose sui social network”. Lo “strimpellatore”, Rascatripas, è stato trovato senza testa e con le mani legate dietro la schiena alla periferia di Nuevo Laredo, città messicana al confine con il Texas. Sul corpo del blogger trentacinquenne, che gestiva un sito che denuncia i cartelli della droga messicana, l’intimidazione di massa.

A partire dalla metà di settembre altri tre blogger sono stati uccisi dai narcos-killer riconducibili al cartello di Los Zetas. Una ragazza e un ragazzo sono stati appesi a un ponte mentre Maria Elisabeth Macìas, “La Nena del Laredo” che moderava il sito insieme a Rascatripas, è stata sequestrata, decapitata e il corpo è stato fatto trovare sotto la statua di Cristoforo Colombo, a Nuevo Laredo, dove qualche giorno dopo hanno trovato quello del suo socio.

I messaggi di rivendicazione sono stati tutti firmati con la “z” di Los Zetas che fa tanto Zorro. Per non lasciare adito a dubbi, certo, ma forse anche per ingaggiare una battaglia iconografica con quelli che stanno tentando di metterli alla berlina, in Rete. Tra cui non potevano mancare gli Anonymous che, dietro l’effigie altrettanto simbolica di Guy Fawkes (esondata dalla Rete alla realtà nelle piazze di tutto il mondo), hanno dichiarato guerra al narcotraffico lanciando la campagna #OpCartel.

A questo giro però il 5 novembre, data-simbolo per eccellenza (anniversario dell’arresto di Guy Fawkes sotto la Camera dei Lords, con la miccia in mano) e giorno delle annunciate rivelazioni sul cartello e sui suoi fiancheggiatori, non è successo niente. L’attivista di Anonymous sequestrato da Los Zetas il mese prima era stato liberato e la minaccia di ammazzare dieci persone della sua famiglia per ogni nome di narcotrafficante o fiancheggiatore svelato è risultata convincente.

Anonymous, dopo aver passato l’ultimo anno e passa a buttar giù come birilli i siti di corporation, Stati e polizie, aveva cominciato la sua campagna di repulisti della Darknet (omicidi su commissione, droga, armi, pedofili) col vento in poppa. “Siamo qui per proteggere gli innocenti. Attenti, pedofili”. Una quarantina di siti di pornografia infantile sono stati oscurati e centonovanta indirizzi IP di presunti pedofili sbattuti in chiaro, nella gogna telematica chiamata #OpDarknet. Poi i giustizieri della Rete oscura hanno alzato troppo la posta.

Cia, Mossad, diaboliche corporation, dittatori sanguinari e malvagi pedofili da una parte, romantici combattenti per la libertà dall’altra: gli Anonymous erano gli eroi digitali senza macchia e senza paura. Nell’attuale deriva dei continenti, epoca in cui la percezione d’impotenza delle strutture del passato (Stati, monete, mercati) si salda alla sfiducia più assoluta nei confronti del loro futuro, le azioni degli Anonymous hanno avuto sinora ragione dei blabla inconcludenti dei loro detrattori.

Disgraziatamente per loro, però, in ultima istanza aveva ragione Tibor Fischer e “avere in mano una pistola è come essere dalla parte giusta in un dialogo socratico”. Anonymous dunque ha perso per abbandono la partita contro Los Zetas (e forse, si spera, qualcuno ci ha guadagnato la pelle). Ci si dovrebbe guardare dal dichiarare le guerre che non si possono vincere, specialmente se si ha fama di Batman e il proprio film preferito si chiama V per Vendetta. Chi la scampa (la vendetta) ha vinto due volte.

L'articolo (con foto) è stato pubblicato su The FrontPage.

Pubblicato il 24/11/2011 alle 16.27 nella rubrica SpiderWeb.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web