Blog: http://orione.ilcannocchiale.it

NON SONO UNA SIGNORA


“E neanche una blogger lesbica e sostenitrice della rivoluzione araba. Mi chiamo Tom Mac Master e vengo dalla Georgia.” Potrebbe cominciare così l’autobiografia di sicuro successo dell’uomo che ha finto per quattro mesi di essere Amina, icona dell’illuminismo arabo in Siria per tutti i fessacchiotti che ci sono cascati, ed è stato capace di inventarsi una vita talmente interessante e paradigmatica da catalizzare l’attenzione dei media di tutto il mondo e di una cerchia di persone che si sono considerate sue ammiratrici, sostenitrici, amiche, una addirittura la sua fidanzata.

Alla fine il buon Tom, in vacanza in Turchia con la moglie, si è sentito in dovere di dire la verità e di scusarsi proprio con loro, gli amici e le amiche di Amina, che l’hanno fatto sentire una sorta di ladro d’affetto. Per darsi un contegno l’ha anche buttata in politica.

“Non mi aspettavo un livello di attenzione del genere – scrive -. Mentre il personaggio era di fantasia, i fatti raccontati su questo blog sono veri e non fuorvianti rispetto alla situazione sul campo. Io credo di non aver danneggiato nessuno. Gli eventi vengono plasmati dalle persone che li vivono su base quotidiana. Ho solo cercato di gettare luce su di essi per un pubblico occidentale. Questa esperienza ha tristemente confermato il mio modo di sentire riguardo alla copertura spesso superficiale del Medio Oriente e la presenza pervasiva di forme di Orientalismo liberale. In ogni caso sono rimasto profondamente toccato dalle reazioni dei lettori”.

In realtà il cerchio intorno alla finta Amina si stava già chiudendo e la situazione è precipitata dopo le finte foto (segnalate dalla proprietaria della faccia, inglese) e con la traccia lasciata su un forum, il classico passo falso: l’indirizzo di una casa a Stone Mountain, in Georgia. Da anni il proprietario risultava essere Thomas MacMaster (che ci aveva pure invitato gli amici al barbecue su Facebook). Non è un bel periodo per chi gioca al Luther Blissett o comunque bisogna essere ancora più bravi di Tom e signora per reggere più di quattro mesi, nel sontuoso lusso di prendere per il naso tutti i New York Times del pianeta.

Nel suo articolo sul blog del Corriere, Viviana Mazza punta i fari sull’apparente contraddizione fra la sentenza fotografica di Peter Steiner (sopra), “Su Internet nessuno sa che sei un cane”, e la teorizzata fine dell’anonimato in Rete: “Su Internet tutti sanno che sei un cane”. Secondo la sociologa Zeynep Tufekci, nell’epoca di Facobook&co non si scappa più e in un modo o nell’altra la traccia di una grigliata alla fine salta fuori. La vicenda dei coniugi MacMaster è un buon argomento per l’una e per l’altra tesi: li hanno beccati, è vero, ma per tre mesi hanno preso per il culo il mondo intero.

L'articolo (con foto) è stato pubblicato su The FrontPage.

Pubblicato il 15/6/2011 alle 16.46 nella rubrica SpiderWeb.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web