Blog: http://orione.ilcannocchiale.it

PORNOCRACY


"Per concludere questa classifica però vorrei mostrarvi una vera chicca, un orrore in cui mi sono imbattuto proprio la scorsa sera nella mia città. È una panineria che ha scelto come proprio nome Pane e Facebook e propone un menù nel quale ogni panino ha il nome di un diverso sito, Social Network, motore di ricerca ecc. Ma la cosa che più mi crea raccapriccio è sapere che esiste un panino che si chiama YouPorn."

Con snobismo un po’ naif Daniele Mannina su ninjamarketing.it liquida come “horror” una celebrazione pop dello sfondamento culturale della Rete, immortalata dal suo telefonino a quattro passi da casa, e si raccapriccia misteriosamente per il panino chiamato YouPorn. I gestori della paninoteca “Pane e Facebook”, invece, hanno democraticamente riconosciuto che YouPorn, con i suoi oltre 2 milioni e mezzo di visitatori al giorno (per oltre 23 milioni di pagine viste, quarantasettesimo sito più visitato al mondo), è uno dei protagonisti della rivoluzione tecnologica in corso.


YouPorn, RedTube e Fuckbook sono solo alcuni dei principali porno social network, l’altra metà del cielo rispetto ai Twitter, YouTube e Facebook canonici, che conta milioni di utenti in tutto il mondo e un sacco di soldi tra banner pubblicitari, siti e servizi (chat, videochat, web-cam) a pagamento, indotto. Con un click chiunque può avere accesso a contenuti pornografici gratis di qualunque genere, aggiornati in tempo reale con nuovi video amatoriali e trailer più o meno ben camuffati di siti a pagamento, concorrenti, vecchi film. Per andare oltre bisogna pagare.

Pensando alla diffusione capillare (quasi in ogni paninoteca d’Italia c’è qualcuno che ammette di conoscerne l’esistenza) e alla semplicità di utilizzo di questo e degli altri porno social network, le periodiche moraline contro tette in prima serata, fasce protette violate, film e videogiochi depravanti suonano sempre un po’ stupefacenti. La contemporaneità è talmente impregnata dal sesso da averlo trasformato in un vero e proprio totem, cartina di tornasole del potere come il denaro, e quindi moneta di scambio per affari e politica. Bipartisan. Chiunque ha amici maschi può fare rapidamente i conti di quanti, almeno una volta, hanno invidiato le giovani e avvenenti compagnie femminili del premier.

Il porno, quindi? “Un'istituzione benemerita, diffido profondamente da tutti quelli e da tutte quelle che fanno la faccia sbigottita e dicono di non averli mai visti”. Diceva Capezzone (quattro anni e due partiti fa).


L'immagine l'ho presa qui.

L'articolo è stato pubblicato (con un altro titolo) su "The Front Page".

Pubblicato il 12/4/2010 alle 22.40 nella rubrica SpiderWeb.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web