Blog: http://orione.ilcannocchiale.it

CESARE


Proprio adesso che il cesarismo è tornato di gran moda, che da destra e da sinistra si sente chiedere "legge e ordine" "tolleranza zero", decisionismo e potere;
proprio adesso che i vari Cesari in circolazione stanno dando il peggio di sè, sempre troppo bassi per immaginarseli in testa alla carica, il bianco destriero e il corno da caccia spianati, e sempre troppo striduli, nell'effettivo potere, per poter fare la voce grosse ai molti mali che affliggono le società;
proprio adesso che anche Hillary perde dei colpi mi sono venuti in mente i "Cesare" che ho conosciuto.

Il nome incide sul carattere (parlo per esperienza, ovviamente) e tutte le persone che ho ricordato sono, a loro modo, dei personaggi. Non privi di cesarismo, ma sempre annaffiato, stemperato, addolcito da un'autoironia brusca e consapevole.

L'ultimo "Cesare" che ho (ri)conosciuto è il Corvo, il gestore dell'Osteria del Legionario. L'ho incontrato al bar l'altro giorno, che smadonnava in giro sgranando gli occhi, e mi ha raccontato che ha chiuso i battenti nel 2005, più di due anni fa. Cazzo, erano anni che non ci andavo, mi sarebbe piaciuto tornarci. Ma si dice sempre così.

Chi c'era andato da poco la racconta così.
Nella foto il quadro che campaggiava nel locale del Corvo. Un Cesare coi baffi, del 1947.

Pubblicato il 28/11/2007 alle 17.30 nella rubrica GothamCity.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web