.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

18 maggio 2012

ASSALTO AL PARTITONE: BUDRIO

“Piccolo motto conclusivo per i dirigenti nazionali del Pd: quando i gatti han lo stesso colore scorazzano le volpi. E non son solo grilline. Occhio ragazzi!” Mauro Zani, ex leader comunista (e per un po’ pure post), chiudeva così la sua intervista a FrontPage. È passato un anno e mezzo, sembra cambiato ancora una volta il mondo e le volpi (solo) grilline scorrazzano nell’intera regione all’inseguimento del Pd.

A parte Piacenza, dove la Seconda Repubblica tiene e centrosinistra e centrodestra si misurano nella classica bipolar tenzone, a Parma, Comacchio e Budrio Pd & soci (a formazioni variabili) se la devono vedere con i candidati del Movimento 5 Stelle. Il centrodestra e la Lega Nord, esclusi dai ballottaggi e prosciugati elettoralmente, si attestano su una schizofrenia politica che fa propendere i caporioni locali per Grillo, per l’astensione o (senza dichiararlo a chiare lettere) per il centrosinistra.

“La piccola comunità di Budrio, con eroico coraggio e indomito spirito patriottico, contribuiva alla lotta di Liberazione, dando ospitalità e rifugio a gruppi di partigiani. Subiva una feroce e cieca rappresaglia da parte delle truppe tedesche che trucidarono civili inermi, tra cui donne e giovani adolescenti e incendiarono alcuni edifici. Ammirevole esempio di spirito di sacrificio ed amor patrio.”

Budrio, medaglia d’argento al valor civile, è un paese di quasi 18000 abitanti in provincia di Bologna, sulla strada per il mare, le cui più antiche vestigia risalgono ai temi dei romani. La cittadina sulla San Vitale è celebre in tutto il mondo per l’ocarina, uno strumento musicale inventato dal budriese Giuseppe Donati e il candidato sindaco del Pd, Giulio Pierini, suona la sesta ocarina nell’Ocarina Ensemble Budrio.

Pierini lo conosco da dieci anni, da quando faceva il segretario della Sinistra Giovanile (i giovani dei Ds) di Bologna e gli curavo le campagne di comunicazione. Ora di anni ne ha quasi trentaquattro e dopo aver fatto il responsabile comunicazione per il Pd bolognese e l’assessore alla cultura e al bilancio di Budrio è stato scelto come candidato unico a sindaco, senza primarie (“non c’erano sfidanti”).

Ha accettato di confrontarsi sui temi più spinosi della sua campagna elettorale: centrali a biomasse di Mezzolara, centro commerciale e Imu (il “super-Imu” di Budrio, secondo le gazzette locali). Contro le centrali è sorto un comitato di cittadini capitanato dal magistrato Enzo Roi e si è cementato il consenso della lista di Grillo il cui candidato, Antonio Giacon, non ha risposto alla richiesta d’intervista via e-mail né ai messaggi su Facebook.

Giulio Pierini, reduce da una campagna particolarmente dura (“con attacchi personali gratuiti e offensivi”), ha accettato di raccontarsi sulla chat di Facebook e quello che segue è il copia e incolla di com’è andata.

Giulio Pierini, candidato sindaco di Budrio, ti aspettavi il ballottaggio?
“Eravamo sette candidati a sindaco; il ballottaggio poteva starci. Con il M5S al 20% e la lista “Noi per Budrio” al 14% arrivare così vicini al 50% è stato un bel risultato. Ci poteva stare…”

La lista Noi per Budrio è frutto di una scissione del centrosinistra, o sbaglio?
“Non è esattamente una scissione. È una lista politica formata da cittadini ma soprattutto da ex amministratori, che negli anni scorsi erano all’interno del centrosinistra.”

Quali sono le differenze fondamentali fra il centrosinistra, diciamo così, storico, la lista Noi Budrio e il Movimento 5 Stelle? Perché a occhio parte del 62% preso dal sindaco uscente, Castelli, è andato lì…
“Con coloro che hanno formato la lista Noi per Budrio non ci siamo trovati d’accordo sul giudizio sull’amministrazione uscente. Nonostante ne abbiano fatto parte per dieci anni, hanno deciso di esprimere un giudizio negativo sul Sindaco Castelli. Per noi questo era semplicemente sbagliato. Con il Movimento 5 Stelle, invece, non abbiamo mai avuto nessun confronto. Se escludiamo idee diverse sui temi dello spostamento dello stabilimento Pizzoli, la nascita di un centro commerciale e la strumentalizzazione delle biomasse a Mezzolara, il M5S ha un programma in buona parte condivisibile e su molti punti già realizzato o in via di realizzazione.”

Perché dici “strumentalizzazione delle biomasse a Mezzolara?” Io ho letto che sono contrari al progetto, ho visto il video dell’area che dovrebbe ospitare il sito delle quattro (?) centrali e assistito a progetti di questo genere, un po’ in tutta la regione… Qual è l’idea del Pd e del suo candidato? Mi spiego meglio: a cosa serve? Chi ci guadagna? Ci sono rischi per la salute? Cosa cambia per l’ambiente? Per la Valle dei Benni?
Pierini: “Strumentalizzazione perché, se il progetto è ben fatto, i comuni hanno pochissimi poteri in merito: è un impianto privato su area privata autorizzato dalla Conferenza dei Servizi provinciale sulla base di una legge nazionale. In Italia, tutti i ricorsi dei comuni e dei comitati hanno avuto esito negativo. Il Comune di Budrio, con il dialogo e il confronto serrato nel merito dei problemi, ha convinto il privato a modificare il progetto: spostamento del sito in una zona lontana dal centro abitato, riduzione dell’impianto a 2 MW; trasporto delle materie prime fuori dei centri abitati; controllo continuo delle emissioni prodotte da parte dei cittadini e degli enti preposti… Deve cambiare la legislazione nazionale per ridare agli enti locali il potere di individuare i siti e le modalità di alimentazione degli impianti, in modo da premiare gli impianti piccoli che utilizzano scarti della produzione agricola e zootecnica. Gli impianti a biomasse possono rappresentare così un’integrazione al reddito degli agricoltori, contribuendo a sviluppare fonti energetiche alternative, senza sacrificare il paesaggio né la vocazione agricola del territorio, sennò chi ci guadagna sono grandi investitori. Se ci sono rischi per la salute gli enti preposti in Conferenza dei Servizi bloccano il progetto rigettandolo. Sulla Valle Benni, poi, conviene sfatare un mito: l’area umida non verrà intaccata per nulla e comunque anche quella è un’area privata attualmente inaccessibile ai cittadini e utilizzata per la caccia.”

Quindi se tu diventi sindaco e decidi che la campagna deve rimanere campagna e che nessun mega-impianto dev’essere costruito, a parte quelli piccoli di produzione del biogas, non hai il potere di farlo?
Pierini: “Nessun sindaco ha il potere di farlo, se i progetti sono ben fatti sulla base della legge nazionale e delle prescrizioni regionali. In assenza di una vera autonomia dei comuni su questa materia, quello che si può fare è una sorta di “moral suasion” che permetta di difendere il territorio e rispondere alle preoccupazioni di cittadini e agricoltori.”

Sono previsti sconti sulle bollette dell’energia per chi abita nei pressi della centrale?
“La legge non prevede compensazioni di questo tipo. Gli impianti a biomasse in realtà producono una certa quantità di calore che in gran parte viene dispersa: con il teleriscaldamento si potrebbe riutilizzarlo, ma nel caso di Mezzolara è impossibile, con l’allontanamento dell’impianto che anche il Comune ha chiesto.”

Ma perché il M5S è contrario al centro commerciale?
“Non hanno compreso che senza un investimento come quello di un centro commerciale (che va poi a utilizzare una potenzialità prevista dal 1997) l’azienda Pizzoli se ne sarebbe andata da Budrio in un’altra regione o all’estero. In questo modo invece siamo riusciti ad avere la mole adeguata di investimenti per realizzare la prima APEA (area produttiva ecologicamente attrezzata) della provincia di Bologna. Perché nel 1997 gli amministratori decisero per un possibile centro commerciale? Io ero minorenne, ma probabilmente già allora era chiaro che senza strutture medio-grandi i budriesi facevano le loro spese in gran parte fuori dal loro Comune.”

Ultima domanda, forse la più spinosa: il super-Imu di cui parlano i giornali? A parte le ragioni di bilancio, quasi tutti i comuni sono messi male dopo dieci anni di tagli e di aumento della spesa di stato e regioni… Ma proprio adesso? A un mese dal voto?
“L’Imu è una tassa ingiusta, soprattutto sulla prima casa, ed è pesante anche da spiegare e gestire in piena campagna elettorale. La cosa più brutta, insieme all’esborso per i cittadini, è che non c’è ancora nulla di chiaro e certo. I comuni hanno poca autonomia e sono praticamente esattori dello Stato. Bisogna insistere per rendere l’Imu più equa e meno pesante: servono ulteriori detrazioni prima casa per le famiglie a basso reddito, agevolazioni alle persone in difficoltà (per esempio chi ha perso il lavoro, anziani soli); riduzioni per i comodati gratuiti a familiari e per la proprietà indivisa; aliquote più basse per le imprese, per il commercio e per i terreni coltivati direttamente dai proprietari.”

Vabbè, ma Budrio ha applicato quasi l’aliquota massima, sia per terreni che per seconde case… e pure sulla prima casa ha picchiato duro. O no?
“Assolutamente no. Innanzitutto non abbiamo ancora applicato niente perché con le modifiche alla legge “Salva-Italia” bisogna rifare i conti. Noi abbiamo trovato un equilibrio, in un quadro comunque pesante: lo 0,48% per la prima casa (il massimo è 0,6) e lo 0,92 sulle seconde (il massimo è 1,06) con riduzioni per artigianato e commercio allo 0,84 e forti agevolazioni per i comodati gratuiti e la proprietà indivisa. Sui terreni agricoli, quando abbiamo approvato la nostra variazione di bilancio, non erano ancora possibili riduzioni specifiche, ma adesso sulla modalità di conteggio in agricoltura cambierà tutto e confidiamo in un alleggerimento del prelievo perché c’è il rischio concreto che molte aziende agricole chiudano perché non possono pagare l’Imu.”

Meglio l’usato sicuro del buon vecchio Partitone, quindi… Perché, in una battuta?
“Qui non c’è la Casta e non ci sono privilegi: gli amministratori sono cittadini che si impegnano per il bene della loro comunità. Continuiamo con le buone politiche dell’amministrazione uscente, ma insieme a questo innoviamo e riformiamo profondamente il welfare che oggi non regge più di fronte ai nuovi bisogni, investiamo in politiche ambientali, energetiche e della mobilità sostenibile, valorizziamo il nostro patrimonio di eccellenze produttive e culturali.”

(2 – continua)

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

3 dicembre 2010

"MEGLIO IL FUOCO DELLA BATTAGLIA"

“Due canaglie votate al male. Concentrato di malefica intelligenza. Subodoro una trappola. D’accordo. In chat su fb.” Mauro Zani non ha dubbi e, brusco e bonario come l’archetipo di emiliano che incarna, accetta su due piedi la mia intervista per tFP. “È il blog diretto da Velardi&Rondolino che mi dicono di salutarti (consapevoli del rischio di essere mandati a cagare per interposta persona) e mi piacerebbe sapere il tuo parere su Pd, Bologna, rapporto con la Rete. Se ti piace l’idea possiamo anche fare in chat, qui su Facebook, su Skype o dove credi.” Dopo un paio di giorni, a sera tarda, abbiamo combinato. Ecco il copia e incolla di com’è andata.

Zani (Z): “Forza”

Orione (O): “Dunque, Mauro Zani: consigliere comunale, consigliere provinciale, presidente della provincia di Bologna, segretario del Pci…”

Z: “Già, eccomi”

O: “Poi segretario regionale, consigliere regionale, deputato, eurodeputato e coordinatore della segreteria nazionale Pds-Ds, adesso blogger. Lei fa il blogger a tempo pieno? Ha smesso di fare politica attiva per davvero? Come si sente?”

Z: “Fermo lì. Una cosa per volta. Faccio il blogger certo. La politica la osservo e se del caso la critico. Son come quei pensionati che s’aggirano intorno agli operai al lavoro e… mugugnano, e… avanzano rilievi critici…”

O: “Ci tiene a rimarcare che ha smesso con la politica attiva, l’ho letto più volte. Dal distacco etereo del blog com’è, la politica?”

Z: “Già. Niente politica attiva. Altrimenti mi pensano in agguato dietro una siepe… il lupo cattivo… La politica non sta tanto bene”

O: “Lo stato di salute di Pd e Pdl sembrano darle ragione… Perché, secondo lei, dal ‘92 ad oggi il grado di consunzione di partiti e leader politici è così alto? A sinistra, in particolare, è un’ecatombe”

Z: “M’interessa più stare a ridosso del Pd naturalmente. E… son così annoiato d’aver sempre ragione”

O: “Occhetto, D’Alema, Veltroni, Fassino, Cofferati, Franceschini, Bersani, Prodi… ne ho perso qualcuno?”

Z: “Beh, consunzione dei leaders? Forse, resta che s’avvicendano più o meno gli stessi. Li conosco, a memoria… Appunto son quelli”

O: “Ma perché nessuno molla, come lei? Non lo capisco. Voglio dire, ha una bella pensione, un sacco di amici sparsi per il mondo, parecchi libri da leggere in sospeso…”

Z: “Questione egoica. Hanno poco rispetto per le loro persone… e poi in pensione non si sta tanto bene. Meglio il fuoco della battaglia. Per mollare basta andare per cinque anni nel Parlamento Europeo. E non vedi l’ora che finisca! In sostanza per mollare bisogna fare un apposito training… io modestamente lo feci”

O: “Si vede… Devo confessarle che all’inizio non ci credeva nessuno…”

Z: “Già. Poi però non mi va di starmene zitto e buonino…”

O: “Nono, intendo che nessuno credeva che fosse lei”

Z: “Prego?”

O: “Alcuni hanno insinuato che fosse un vero e proprio furto d’identità… un gesto dadaista”

Z: “Fantastico, è un mondo pieno di matti!”

O: “Un erede di Guy Debord si era impadronito del brand ‘Mauro Zani’ e le stava suonando a tutti di brutto… beh, non era una tesi tanto campata in aria. C’era una discreta differenza tra il prima e il dopo di Mauro Zani”

Z: “In verità c’è chi sa bene che io ho sempre suonato, adesso ho semplicemente cambiato strumento. E non mi dispiace”

O: “Comunque, sono felice che quello che diceva che Zani era morto e il blogger era uno sciacallo identitario si fosse sbagliato…”

Z: “Comunque quello vero è il blogger, seppur in erba”

O: “Bene: da bolognese chiedo al blogger, che dal cv mi pare informato dei fatti, che sta succedendo a Bologna?”

Z: “Sono informato anche dei misfatti”

O: “Immagino… lo spettacolo penoso che la riportò in città nel ‘99 si sta ripetendo o è una mia idea?”

Z: “A Bologna assistiamo con ogni probabilità all’ultimo atto di una lunga storia. Quella di una sinistra al governo per mezzo secolo e che dopo la nascita del Pd s’appresta a passare il testimone ad altri. Difficile dire adesso come andranno le cose, ma può persin darsi che, con l’aiuto di Vendola, Dossetti si prenda una rivincita post-mortem. Naturalmente non ho nulla contro gli eredi di Dossetti, tanto più che fino a qualche mese addietro, era persin possibile che la rivincita la prendessero i legittimi inquilini di Via Altabella. Sì, insomma, per i non bolognesi la Curia. In sostanza non si sta ripetendo semplicemente lo ‘spettacolo’ del ‘99. Con la meravigliosa idea che ha fatto frettolosamente nascere il Pd tutto lo scenario è cambiato. Non son sicuro che a Bologna e a Roma se ne abbia contezza”

O: “Lo scenario è cambiato, non solo a Bologna e in Italia. Non mi pare che il Pse goda di ottima salute… I socialisti stanno perdendo ovunque in Europa, mentre la sinistra conquista il Sudamerica stato dopo stato, facendo la sinistra per davvero… Qual è la lezione?”

Z: “Infatti. Perciò, modestamente, a suo tempo spiegai che si trattava di cercare una nuova (parolone antico) sintesi. Un progetto demosocialista. L’idea, semplice, che siamo tutti democratici dopo l’89, e che quindi definirsi semplicemente tali è come cercar d’afferrare il nulla. Calci al vento. Perché la sinistra in America del sud vince? Semplice: perché critica la liberaldemocrazia nei fatti e non con la semplice ideologia, della serie siamo socialisti, punto. O siamo democratici, punto. Morale. Ci vuole un’identità definita. Per me basterebbe definirsi come democraticiesocialisti tutt’attaccato. Insomma ripartire bisogna, a costo d’attraversare il deserto.”

O: “Ok, e cosa significa, con un esempio, essere democisalisti? Demosocialisti, faccio fatica a scriverlo…”

Z: “Capire che tutte le democrazie sono alla prova della globalizzazione dell’economia e dei mercati, ad esempio, e di conseguenza imprimere efficacia alla democrazia chiudendo la fase (novecentesca) della liberaldemocrazia. Come? Recuperando e facendo circolare ideali, valori di giustizia sociale nella democrazia. Ed è chiaro che ciò significa promuovere taluni interessi contro taluni altri. Se son bigi tutti i gatti allora le persone stanno a casa. A guardare (quando va bene) la politica dallo schermo”

O: “Ultima domanda: perché non si è candidato lei sindaco di Bologna? Lo sa, vero, che con una buona campagna, lei poteva vincere…?”

Z: “Per la ragione che avrei avuto contro prima di tutto il Pd. E anche per il solito egotismo. Della serie: se non mi vogliono peggio per loro. In più io non son adatto per le autocandidature. Proprio per niente: all’ego s’aggiunge, paradossalmente, una ritrosia innata. Insomma siam mal fatti!”

E’ mezzanotte passata, l’intervista è agli sgoccioli e Zani si concede un’ultima zampata.

“Piccolo motto conclusivo per i dirigenti nazionali del Pd: quando i gatti han lo stesso colore scorazzano le volpi. E non son solo grilline. Occhio ragazzi!”

Il blog di Mauro Zani è qui.
L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

19 novembre 2010

BOLOGNA LA ROTTA

“Le primarie si chiamano così perché il Pd le perde prima?” Dopo Milano, va a finire che anche a Bologna ha ragione Crozza. Di certo sembra che il Pd stia facendo tutto il possibile per perdere: l’ex sindaco Flavio Delbono (che aveva sconfitto, nell’ordine, Cevenini, Merola e Forlani alle ultime primarie) si è dimesso a seguito dell’ormai celebre Cinziagate (sordida vicenda di piccoli vantaggi che l’ex vice-presidente dell’Emilia-Romagna si autoassegnava insieme alla sua compagna, prima della separazione e della conseguente retrocessione professionale di lei), e da quel momento sono iniziati i dolori.

Al coma semivigile del partito hanno fatto da contraltare l’iperattivismo dei suoi dirigenti, fiancheggiatori e amici, tutti proiettati a tentare la scalata allo scranno più importante dell’amministrazione cittadina, costi quel che costi. E le primarie, nate come strumento di selezione democratica, a Bologna si sono trasformate nell’arma perfetta per un redde rationem vorticoso che dura da diversi mesi tra capi e capetti, civici e politici.

Sembrava che il tipo adatto a “pacificare” fosse Maurizio Cevenini, già mister preferenze alle ultime regionali (quasi ventimila voto raggranellati), sindaco dello stadio (con lo striscione personale che sventola dalla tribuna e la Smart rossoblu che lo scarrozza in giro per la città) e recordman dei matrimoni (ha da poco superato il tetto delle 4000 cerimonie celebrate). Il “popolo della Festa dell’Unità” lo amava (scrivevano le gazzette cittadine), i volontari che friggono salsicce, impastano tortellini e passano le serate a servire montagne di friggione e di tagliatelle al ragù, l’avevano già incoronato sul campo della pesca gigante della festa provinciale, prima che un attacco ischemico gli facesse cambiare idea.

Prima di lui aveva abbandonato, a sorpresa, Duccio Campagnoli (ex segretario della Camera del Lavoro di Bologna, ex assessore alle Attività produttive della Regione), che era sembrato sino a quel momento l’avversario più solido del Cev. e aveva addotto motivazioni parapolitiche al suo gesto promettendo, poi, di farsi sentire all’interno del partito. Anche l’italianista Anselmi gliel’aveva già data su, a molti era sfuggito anche che s’era candidato, annunciando il proprio sostegno a Cevenini, che non aveva mancato di ricompensare il prof con il prestigioso incarico di “ambasciatore del Cev. presso l’ateneo”.

Chi non si è tirato indietro è Benedetto Zacchiroli, 38 anni, ex collaboratore del sindaco Cofferati (ha curato le relazioni internazionali di Bologna), consulente della città di Fortaleza (in Brasile) e dell’Unesco, incoronato “nuovo Renzi bolognese” da Lucio Dalla dopo l’azione virale con cui è stata lanciata la sua candidatura, che è stata in grado di cortocircuitare a proprio vantaggio la fame di news delle gazzette cittadine e la debolezza del fu partitone. Con lui in pista c’è Amelia Frascaroli, direttore della Caritas, sostenuta da Sinistra e Libertà e da ambienti prodiani. Dopo l’exploit di Milano del partito di Vendola, anche sotto le due torri è arrivata la nuova paranoia novembrina e i dirigenti del Pd stanno cominciando a temere che, in mezzo alla ressa, sia la canuta rappresentante del cattolicesimo più impegnato nel sociale a farcela (il leader della Caritas, Don Nicolini, è stato uno dei principali antagonisti della politica degli sgomberi di Cofferati).

Il vero affollamento, infatti, è dentro al Pd. Dopo la rinuncia di Cevenini sono riaffiorati pesantemente gli appetiti di partito. Virginio Merola, ex presidente di quartiere, ex assessore all’urbanistica di Cofferati, è stato il primo a rompere gli indugi, poche ore dopo l’annuncio del Cev., ma non è una gran novità visto che già alle scorse primarie aveva corso (e si era classificato al terzo posto, su quattro). Andrea De Maria, ex segretario della federazione di Bologna e storico antipatizzante di Merola gli è andato dietro al volo.

Anche la deputata Donata Lenzi per cinque giorni è stata candidata, poi ha annunciato il ritiro con una serie di dichiarazioni polemiche nei confronti del partito (sparare sulla croce rossa è sport diffuso) di cui quasi nessuno ha capito bene le ragioni. È finita, intanto, la telenovela-Segrè, iniziata dopo l’abbandono di Cevenini. Il preside della facoltà di Agraria (e fondatore di last minute market) voleva il sostegno unitario del fu partitone. Dopo Milano ha pensato bene di togliersi d’impaccio annunciando il sostegno alla Frascaroli (e l’arrivederci al Pd).

Last but not least, nelle ultime ore è spuntato il 36enne Ernesto Carbone, cosentino naturalizzato bolognese e direttore di Red. ”Mi piacerebbe candidarmi alle primarie ed è per questo che chiedo al segretario del Pd di Bologna, a questo punto, di rendere la partita aperta a tutti. Sono orgoglioso di fare parte del Pd e mi arrabbio con tutti quelli che parlano di società civile, ma non capisco perché io debba essere figlio di un dio minore e debba raccogliere il doppio delle firme rispetto agli altri. Se Donini non comprende questo, vorrà dire che dovrò restituirgli la tessera per raccogliere le 1500 firme come tutti gli altri“. Non ci sono più i dalemiani di una volta e Bersani alla fine ha spedito il non-commissario Davide Zoggia, a vigilare sull’anarco-Pd bolognese e sui suoi ultimi colpi di coda.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

28 gennaio 2009

L'ISPETTORE SARTI È MEGLIO DI LOST!


Il più bel telefilm della storia della Rai, l'unico che rende onore alla città più bella d'Italia. La mia.
Sovrasta Twin Peaks, Lost e Desperate Housewives di tre spanne.

Un Gianni Cavina gigantesco e un cast di caratteristi formidabili e di guappi veri e propri. Tra l'altro Iaccarino, l'assistente siciliano di Sarti è uguale al buon Valerio, uno degli attuali vicesceriffi del Sindaco.
La Bologna di vent'anni fa, poi, era ancora uno spettacolo. E i poliziotti della Questura di Sarti Antonio erano più di sinistra di Bertinotti.
Tratto dai romanzi di Loriano Macchiavelli, il telefilm passava su Rai Due all'inizio degli anni '90.

Questo è il primo gruppo su FB dedicato all'Ispettore di Bologna. Se hai informazioni, notizie, dispacci d'agenzia su di lui o sei hai idea di dove si sia cacciato - proprio adesso che c'è così tanto bisogno di lui - fammelo sapere!

L'immagine è stata presa in prestito qui.
Il gruppo su Fb è qui.

sfoglia
aprile        agosto