.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

23 febbraio 2012

TERZO MONDO FERROVIARIO


Mercoledì quindici febbraio, il sole in cielo e diversi giorni senza un fiocco di neve, mi arrischio a prendere un treno sulla famigerata tratta Ravenna-Bologna. La settimana prima, sempre di mercoledì (in piena bufera), il treno delle nove e tre quarti era stato soppresso e l’autobus sostitutivo ci aveva messo più di tre ore per raggiungere Bologna. Quindi opto per una postura guardinga e, nonostante il mio appuntamento in Fiera non sia prima delle undici e trenta, arrivo alla stazione di Russi alle otto e mezza.

Scopro subito di aver fatto bene, perché sia il treno prima che quello dopo sono stati cancellati e la gente (numerosissima al binario) non si capacità del perché. Dicono che le vetture sono da accomodare per via della nevicata, ma tutti sanno che le officine delle Ferrovie hanno licenziato a man bassa. Forse è per questo che ci mettono una settimana ad aggiustare una carrozza, penso fra me e me mentre il treno arriva con neanche dieci minuti di ritardo.

Quando le porte si aprono una muraglia umana ondeggia minacciosamente nella mia direzione ma, forte della convinzione che quella sarebbe stata la mia unica possibilità per andare al lavoro, mi acquatto sul gradino più basso in attesa di qualche pertugio. La stazione dopo, Bagnacavallo, stessa scena. Apertura porte, facce sbigottite, qualche spintone.

A Lugo il clima si surriscalda. Io nel frattempo sono riuscito a scovare un posto-acciuga in una carrozza e sto addirittura leggendo il mio Pynchon, ma fuori la gente non riesce a salire, scattano flash e volteggiano videocamere tra le minacce del capotreno ormai fuori controllo. A Castel Bolognese si sfiora la rissa, o forse no e si menano davvero, ma io riesco a vedere solo uno spintone e a sentire il ruggito del pendolare buggerato. A Imola il treno giunge tra ali di folla degne di un Gran Premio di Formula Uno. Ma nessuno potrà salirci sopra. Ancora grida e schiamazzi d’impotente frustrazione.

Intanto un rapido e intimo briefing con i compagni di sventura mi consente di mettere a fuoco le ragioni del delirio di giornata. Alla Fiera di Bologna oltre Univercity (dove devo andare io) c’è Alma Orienta, il giorno dell’orientamento per le aspiranti matricole dell’Alma Mater, e il nostro treno è l’unico in circolazione tra Ravenna e Bologna dalle otto del mattino e mezzogiorno. In più ha soltanto quattro carrozze e non è neanche una novità. I treni del mattino sono tutti così mentre quelli del pomeriggio, deserti, di solito ne hanno dalle dieci in su. Quando, qualche anno fa, ho chiesto lumi mi è stato risposto che dovevo organizzare una petizione di pendolari perché loro, i ferrovieri, non se li fumavano.

Quando ero piccolo l’Italia era un Paese sostanzialmente ricco e i bambini poveri erano quelli del Terzo mondo. Non era un modo di dire particolarmente elegante ma d’altronde neanche la povertà lo è. Nella bambagia del benessere anni ’80, “Terzo mondo” evocava lo spettro della povertà vera e nera, quella che avevano conosciuto solo i nostri nonni e che veniva esorcizzata di quando in quando da concerti benefici di pop star in cerca di redenzione e/o rilancio.

Il ventaglio delle metafore possibili per illustrare il declino italiano è davvero ampio, ma quella ferroviaria mi sembra la più indicata: negli ultimi vent’anni, i treni italiani sono rimasti sostanzialmente identici, come il loro Paese bipolaristicamente immobile. Carrozze, rotaie, motrici vecchie, sporche e mal funzionanti, sempre in attesa di una nevicata redentrice per potersi rinchiudere in officina mi parlano del mio Paese molto meglio delle proiezioni dotte di sociologi ed economisti.

Oggi a mio figlio racconto sempre che è un bambino fortunato, la povertà però non è più confinata ai documentari sull’Africa ma è diventata come lo spot della Vodafone: tutto intorno a te. L’Italia è un ricco Paese in decadenza, che si autoalimenta di scuse e alibi incrociati per non scommettere sul futuro, l’abbiamo ripetuto tutti talmente tante volte che mi annoio pure a scriverlo. Bisogna solo che ci rimbocchiamo le maniche e ci mettiamo a spalare a testa bassa, non ci sono cazzi.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

16 maggio 2011

MI ASSENTO

Per la prima volta in vita mia oggi non vado a votare. Non per snobismo rancido o cinismo disarmato, solo non sono più disponibile a subire il ricatto. Dell’emergenza democratica, del momento storico delicato, della chiamata alle armi, del richiamo della foresta. Sempre la stessa storia, sempre lo stesso ricatto che pesa come un macigno su chi ha una coscienza politica (o l’avatar spolpato che ne rimane) a cui rendere conto. Oggi smetto.

Se vivessi a Milano sceglierei Pisapia, se stessi a Torino Fassino, a Napoli sarei disperato e a Bologna almeno mi rimarrebbe Willie. Invece dovrei andare a votare per la Provincia di Ravenna e intendo illustrare qui le ragioni per cui non ho intenzione di farlo. Non per espiazione anticipata né (spero) per esibizionismo da blogger, è che mi pare giusto illuminare quella parolina che chiude un po’ mestamente le tabelle della tv: astenuti.

Forse tutti gli astenuti anonimi hanno una ragione valida per accettare di buon grado di finire così in basso nella gerarchia civica, proprio il giorno della festa della democrazia. Non più al calduccio di uno dei loghetti colorati che ornano (contornati da numeri e percentuali) le prime serate dell’Italia al voto, ma nel gelido e anaffettivo “astenuti” esclamato dallo speaker in tono ospedaliero a margine dei piatti forti del match politico di giornata. Chi legge penserà: ecchissenefrega di che fa Orione domenica? Non ha tutti i torti, ma in fondo leggere è come votare: si può smettere in ogni momento.

Dicevo: Ravenna, provincia. Il paese dove vivo da qualche anno è piccolo e privo di grossi problemi/opportunità. La dialettica politica di solito si risolve in saghe strapaesane dove maggiorenti, rampanti e famiglie che contano incrociano le lame per definire il perimetro del proprio potere. Lo dico senza astio né alcuna sfumatura moralista, sia ben chiaro, mi pare semplicemente la trasposizione contemporanea delle disfide tra famiglie ai tempi dei Comuni, delle Signorie, del Papato temporale e del Sacro Romano Impero. Nulla di male, niente di nuovo.

Il tema politico locale che interessa me è la costruzione della centrale a biomasse al posto dell’ex zuccherificio Eridania: un chilometro da casa, mezzo dall’asilo di mio figlio. Non starò a tediare sui dettagli (è tutto in Rete, come al solito), basti sapere che: a) in zona non ci sono biomasse; b) non sono previsti risparmi economici per i residenti; c) l’impatto ambientale mi preoccupa e le spiegazioni delle amministrazioni di centrosinistra non mi hanno convinto; d) la devastazione di Palazzo San Giacomo, perla del barocco italiano che ha la sfiga di essere stato costruito (quasi quattro secoli fa) affianco, è quasi certa; e) “riqualificare il territorio” a suon di camion e asfalto mi pare una roba barbarica e antistorica.

Naturalmente non c’è solo la centrale a biomasse di Russi nelle elezioni di domenica ma nella mia lista di priorità è al primo posto. Quindi gli sponsor, Pd, Pri (e mi sarebbe piaciuto votarla, l’Edera romagnola) & company, sono out: tutta la parte sinistra della scheda. Rimarrebbero quelli di Di Pietro (contrari e intruppati, come al solito), ma piuttosto voto per Berlusconi. Poi, tolti Storace e Forza Nuova, rimangono Lega-Pdl (contrari alla costruzione della moschea di Ravenna, vero e proprio spartiacque ideologico tra buoni e cattivi), Udc e Fli (pro-centrale) e l’appassita lista civica dei comitati anti-centrale di cui ho rimosso il nome, crudelmente cacofonico.

Di certo è colpa mia, non mi va mai bene niente / sono un bastian contrario (o un anarchico bolognese in trasferta, come me la racconto io), ma alla Provincia di Ravenna non so per chi votare. Quindi passo e cito La profezia dei Celestini di Stefano Benni, per darmi un contegno (che non ho) e portare un po’ di conforto ai compagni dell’anonima astenuti “negli angoli delle città e della storia”.

“Il Grande Bastardo disse ai suoi discepoli Pantamelo e Algopedante: ‘È proprio dei giovani come voi essere affascinati da stregoni e sortilegi, e pensare che a essi sia riservato il privilegio di donare la fortuna e cambiare la vita. Ma esistono altre persone che compiono miracoli e prodigi, nascoste negli angoli delle città e della storia. Se vedi uno stregone con un copricapo di piume di orokoko che cammina sopra i tetti, fa volare le edicole e fa cadere polvere d’oro sui passanti, può darsi che la tua vita stia per cambiare, ma molto più probabilmente stai vedendo un video musicale.

Se vedi una persona che non si rassegna alle cerimonie dei tempi, che prezioso e invisibile aiuta gli altri anche se questo non verrà raccontato in pubbliche manifestazioni, che non percorre i campi di battaglia sul bianco cavallo dell’indignazione, ma con pietà e vergogna cammina tra i feriti, ecco uno stregone. Quando non c’è più niente da imparare, vai via dalla scuola. Quando non c’è più nulla da sentire, non ascoltare più. Se ti dicono: è troppo facile starne fuori, vuol dire che ci sono dentro fino al collo. Vai lontano, con un passo solo’.”

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

22 settembre 2009

FROM RUSSI WITH LOVE


"Non so di dov'eri, non mi ricordo neppure il tuo nome, ma è certo che abbiamo fatto sesso. Se sei là fuori e vedi questo messaggio allora fatti vivo".
Karen è una giovane mamma danese e si affida a YouTube per trovare il padre del bimbo August, che tiene in braccio nel video-appello accorato.

Più di un milione di persone ci clicca sopra e se lo guarda nel giro di poche ore. Spuntano anche i primi volontari neopapà, peccato che è uno scherzo. Di più: si tratta di un'azione di marketing virale architettata da "Visit Denmark", l'ente del turismo danese.

Secondo Dorte Kiilerich, il responsabile dell'ente "La storia di Karen dimostra che la Danimarca è una società libera, dove le donne sono indipendenti e fanno le loro scelte".

L'articolo completom il Bianconiglio pubblicato oggi su Aprile, è qui.
L'immagine, una delle foto che ho scattato durante la Fira di Sett Dulur dello scorso anno, è qui.

17 febbraio 2009

THIS IS RUSSI!


L'altro giorno stavo andando in stazione a Russi, già piuttosto scazzato.
Mi ero svegliato presto e avevo un sacco di giri da fare, molto sonno, parecchi casini per la testa e poca voglia di comunicare. Nei pressi del sottopassaggio che conduce al binario 2 (quello su cui giunge la tradotta per Bologna) sento un gran casino. L'inconfondibile casino di un qualche disastro combinato dal bulletto sfigato di turno.
Mi dirigo con calma verso il timbratore, timbro il mio biglietto chilometrico e mi avvio a scendere le scale del sottopassaggio.

Con gioia crescente sento che il casino procede con una certa regolarità. Così avanzo e individuo l'origine del casino: qualche piccolo deficiente sta prendendo a sassate - con i ciottoli dei binari - l'unico cestino di latta in fondo al tunnel, facendo schizzare in quà e in là vetri e monnezza varia. Proseguo, raggiungo l'unica uscita e tenendomi rasente al muro (onde evitare sassate o vetri negli occhi) salgo le scale di soppiatto, pregustando la scena e le facce.
Come immaginavo, due adolescenti russiani sono troppo impegnati a saccheggiare i binari per badare al mio arrivo. Così posso urlare a squarciagola "mentecatti" e avvicinarmi con fare minaccioso a uno dei due malcapitati.

Il mio look: pantaloni militari, logora giacca di pelle (con un bottone su tre), timberland, busto sorreggivertebre e occhiali da sole anni '70.
Lui diventa tutto rosso e comincia a incolpare senza ritegno il compare. Quando mi giro per controllare, l'altro scatta verso la scala e comincia a correre giù per i gradini. In un attimo anche l'altro si dilegua, dopo avermi aggirato in tutta fretta. Come i miei gatti, quando ne combinano una delle loro.

I lati positivi della faccenda:
1 / sono stato di buon umore tutto il giorno
2 / i due sono tornati dopo due minuti a chiedermi scusa e a promettere che non lo rifaranno più, ma tenendosi sempre a distanza di fuga
3 / non credo che nessuno li abbia mai sgridati urlando mentecatti

Il lato negativo della faccenda:
dovrò rifarlo.

Sui giovani d'oggi ci scatarro su l'ho presa in prestito qui.

11 dicembre 2008

PRATELLI D'ITALIA


A Russi/Twin Peaks piove sempre.
Sono tornato qui da Osgard, Rebecca, Thor e Vanessa (schienata come me) da poche ore, dopo una tre giorni a Gotham/Bologna.

Il Pratello è sempre più scuro.
Lunedì sera sono andato all'URP (il localino perbene che ha preso il posto del Black B. - il circolo di disadattati di cui ero socio - colpito dall'ordinanza di Cofferati) e sulla porta ho incontrato Zanon, gli occhi più spiritati del solito, che quando gli ho chiesto "come va?" mi ha risposto solo "sono molto preoccupato per il Pratello", prima di sparire definitivamente dalla mia vista.
Osvaldo sembra che abbia chiuso i battenti del tutto - qualcuno mi ha detto che ha restituito le licenze al Comune - Abdel, il gestore del bar di fianco al Mammuth (l'URP) ha iniziato lo sciopero della fame.
Mario Gatti lavora all'Atc.

Per la strada poca gente "normale" e pratellari radi e incazzosi. La sentenza di Lucio "hanno già mollato" non sembra temere smentite e la mestizia prevale su ogni faccia, grinza di freddo.

A parte il Mago, che non metteva piede
a Bologna da otto anni e non è neanche rimasto abbastanza per il pellegrinaggio che si era ripromesso. Prima di celebrare la sua ultima cena a suon di tagliatelle della nonna di Poggio (insieme a me, Poggio, Savic, la Simo e Cuma) all'URP ha ritrovato il neopapà Benna e Zollo, reduce dalla creazione della sua prima chiesa su facciadilibro.

Davanti al bancone  - sotto il manifesto della mostra sulla nobiltà involontaria del Balcon - anche il neoparafarmacista di Sogliano Cavour (ex capo dei buttafuori dei Ds) Flynt era allegro, complici forse le tre bionde piccole ingurgitate a grande velocità e ha raccontato che al bar del paesello le prende di santa ragione a tressette. Lui era sù per la laurea di Antonella, ieri. 
Dietro al bancone la Vale smadonnava scuotendo la testa, ma dava da bere a tutti.


Tutto sommato lunedì sera sembrava ancora di essere a Bologna, al Mammuth. E la gente per un paio d'ore sembrava essersi dimenticata tutta la sua incazzatura.

Bologna continua, nonostante tutto.

La foto del Pratello crepuscolare viene dal mio album su Bologna, su Flickr.

6 ottobre 2008

REGRESSIONE DELLA SPECIE

 
Anche ieri sera ho guardato la tivù.
Ultimamente ho ripreso ad accenderla, per friggermi un po' il cervello dopo troppe ore passate sul mac a scrivere / navigare / cazzeggiare - dico io. Come faccio tutte le volte che vince le elezioni l'Avanzo di Balera - secondo Vanessa. Il fatto che mi soffermi sempre sui vari Santoro / Floris / Lerner / Mentana mi fa venire il sospetto che abbia ragione lei.

Ieri pomeriggio, al bar di Corso Farini (qui a Russi) sfogliavo la Stampa, quando ho visto uno speciale sulla decadenza della TV. Ascolti, qualità, investimenti pubblicitari: tutto in picchiata verticale, inesorabile.
L'articolo centrale diceva che finalmente l'adagio popolare "in tivù non c'è mai niente da vedere" ha trovato conferma nei dati di ascolto e nel parere di massmediologi e esperti vari (tra cui Enzo Bettiza - mitico - che diceva che l'unica cosa che riesce a guardare sono gli spot).

Forse per questo la sera ho acceso il vecchio Grundig (ereditato dalla nonna Venusta), con l'intenzione di vedere il programma di Fazio su Raitre - l'unica cosa guardabile per la guida tv - a cui danno con insistenza dell'intelligente. Boh.
Vedere Tronchetti Provera paladino dei consumatori contro gli speculatori - interrotto da scrosci di applausi - è stato già di per sé allucinante, la Littizzetto però forse è riuscita a fare peggio.

Dopo aver sruffianato senza vergogna il capo di Telecom, l'ex cabarettista ora testimonial di Tre - i peggiori cialtroni telefonici in circolazione a parere di chi le ha provate tutte (io) - si è lanciata in uno sproloquio contro "quei pirla che ogni estate invece di andare a Punta Ala si ostinano a scegliere posti rischiosi e quando vengono salvati non chiedono neanche scusa".
E quale sarebbe un paese non a rischio? L'Italia magari?

"Se due turisti vengono a Roma in bicicletta e si vanno ad accampare in un posto abbandonato da Dio e dagli uomini dopo aver chiesto consiglio su dove mettere la tenda a un branco di pastori immigrati, ebbene è difficile garantire loro la sicurezza: la loro è stata una grave imprudenza"
Per questa intervista il povero Alemanno neanche due mesi fa è stato crocifisso. Certo, lui è il sindaco di Roma "law and order" e lei la modella gracchiante della Tre, ciò non toglie che la gente - gli spettatori - è sempre la stessa. Che s'indigna contro il sindaco-balilla e sghignazza con la Littizzetto.

Fortuna che - se ha ragione la Stampa -  tra un po' finiscono le trasmissioni, del tutto.
Lo spot per tecnodementi di Tre / Littizzetto è stato preso in prestito qui.

12 agosto 2008

RADIO TBILISI


..
.questo è accaduto senza nostra conoscenza e contro la nostra volontà.

Annunciava a Radio Praga il Partito Comunista della Cecoslovacchia, mentre i carri armati dell'Unione Sovietica che entravano nella capitale mettevano fine alla Primavera di Praga, specificando bene ai fricchettoni disattenti cosa significasse la parola ortodossia.
Al potere non ci stava la fantasia ma i soliti - sempreverdi - stivaloni di regime.

Quarant'anni dopo le bombe di Putin (il figliol prodigo degli stivaloni sovietici) e soci su Tbilisi hanno avuto una tempistica impeccabile. Come ogni putch che rispetti.
Gli aerei sono partiti quando l'attenzione del mondo era rivolta allo splendido show messo in piedi dall'altro despota globale per dare lustro alla ritrovata potenza del suo impero millenario. Sui siti dei "media" le medaglie di Pechino si rincorrevano con le bombe di Tbilisi alla ricerca della piazza d'onore, la vetta del mainstream.

Intanto le tecniche del Kgb erano state implementate con le meraviglie dell'era informatica e gli "hacker" russi mettevano in ginocchio i siti nevralgici della Georgia.
Gli attacchi sembrano provenire dal Russian Business Network
(RBN), una delle più grandi organizzazioni di cybercrimine al mondo con sede a San Pietroburgo specializzata in attacchi di ogni tipo (spam, phishing, ecc.) e, secondo il Guardian, legata direttamente a esponenti politici russi.
Niente di nuovo: l'anno scorso l'Estonia aveva sperimentato lo stesso trattamento.

Il Ministero degli Affari esteri della Georgia, coi server che venivano giù uno dopo l'altro, ha deciso di fare la cosa più ovvia e rivoluzionaria: aprire un blog.
Da lì sta raccontando le bombe, i morti, la guerra, mentre i televisori d'agosto sparano le imprese dei campioni di Pechino, che hanno fatto dimenticare in fretta ogni velleità di boicottaggio e tutte le belle parole spese sui diritti umani capestati nel (e dal) Celeste Impero.

Come Radio Varsavia, che trasmise fino al primo ottobre del 1944 e chiuse le trasmissioni con "la Caduta di Varsavia" di Chopin, avvenuta infatti il giorno dopo con i nazisti che entravano in una città ormai rasa al suolo dai bombardamenti.

E come Radio Praga, che a
ll'una e mezzo del mattino del 21 agosto 1968 trasmise la prima notizia dell'invasione della Cecoslovacchia da parte delle truppe del Patto di Varsavia.
A mezzogiorno durante il notiziario risuonò l'inno nazionale interrotto da raffiche di mitragliatrice, in via Vinohradska erano ore drammatiche, gli studi della radio divennero teatro di veri combattimenti in cui persero la vita venti persone.

Il giorno dopo Radio Praga
cominciò a trasmettere clandestinamente da una villa di Nusle, la Georgia oggi
si è dovuta rifugiare su Google. Speriamo che vada a finire in un altro modo.

La cartolina di Radio Praga l'ho presa in prestito qui.

15 luglio 2008

COMINCIA L'ESODO


L'ora dei saluti si avvicina, i miciotti se ne stanno per andare.
Sono grandi ormai e neanche Madre Rebecca di Russi riesce più a tenerli a freno. Quando non dormono nascosti nei pertugi più improbabili o strettistretti sulla pedana del bagno (così di notte andare a far pipì diventa un'impresa funambolica) o pisciano / cagano (come mucche) o mangiano gli omogeneizzati tutti in circolo in un unico piatto, si scazzottano alla grande, masticano tutto e tentano di ciucciarci le dita dei piedi.

Sennò esplorano.
Non sono ancora capaci di fare i gradini, quindi gli manca il piano di sopra (da cui scrivo ora) ma giù hanno visto / annusato / strusciato tutto. Tra l'altro casa è ancora un magazzino (dobbiamo dipingere la libreria marcia dell'Ikea da due mesi) e in tutti i magazzini che si rispettano è pieno di assi in bilico da tirar giù, di casse polverose dietro cui pisciare, di quadri a cui aggrapparsi e fare tarzan.

La gita più gettonata è quella alla scoperta del Mostro (quando dorme).
L'aspirapolvere acceso incute nei miciotti un terror panico senza eguali (il bianco / grigio si è tuffato nella ciotola d'acqua una volta) e nel casino che regna sovrano spesso è abbandonato a sé stesso, smontato (è ad acqua) da qualche parte tra lo studio e l'ingresso. Prima o poi scatta sempre la perlustrazione di solito capitanata dalla grigina, che ha mostrato tenacia e carattere in questo suo primo mese di vita.

Stasera (o domani) la festa è finita per uno o due teppistelli.
Gli annunci su internet servono e Vanessa ha ricevuto già due proposte di adozione: una ragazza molto entusiasta si vuole portare a casa un maschietto, mentre un'altra ne vorrebbe addirittura due (e ne ha già un terzo a casa, a Ravenna!). Candidati: bianco / grigio e tigrato marrone.

Domenica se ne va di sicuro la grigina, ribattezzata Toffee da quel maraglio di Claudio (la Gigliola ha una bella sopportazione) e forse anche Tontaggine la segue a ruota.

Il Poppatore invece rimane con noi sino a settembre: Lucia (un'amica di mia mamma) ha chiesto un maschio di carattere, che tenga in riga gli altri micioni che girovagano nei pressi del loro giardino.
Sembra il ritratto del Poppatore, che ha cominciato a ciucciare la tetta di Rebecca che non era ancora uscito del tutto, è stato il primo a saltare fuori dalla cesta / casa e ad andare a esplorare il mondo e quando c'è da buttarsi non tira mai indietro le zampe.

Sopra botte tra titani, uno dei video girati da Vanessa, tutti su YouTube,

11 maggio 2008

IL KARMA, LO SCUDO E GLI STUPIDI / 2


Mi sa che l'ha presa proprio male il Karma.
Alla fine del giro in bicicletta con Vanessa, sull'argine del Lamone (tra Russi e Bagnacavallo), ci siamo fermati nel bar di fronte all'Eridania (lo zuccherificio) dove la barista mi ha confermato che l'Inter ha pareggiato in casa col Siena e la Roma ha battuto l'Atalanta.

Mo' so' cazzi loro.

Piesse
Per gli ultimi novanta minuti di campionato il Karma si chiamerà così.

6 maggio 2008

PESCI D'APRILE


Domani vado a Bologna.
In mattinata ho una riunione, un po' di lavoro, poi pranzo da mia nonna e nel pomeriggio vado a trovare Antonella, la copy che mi ha insegnato il mestiere quando ho cominciato. Ora è presidente di Kitchen, una coop di comunicatori bolognesi.

Fin qui tutto bene, poi arriva l'ora dell'aperitivo. Dove vado?
Hanno chiuso il baretto, cazzo. O meglio: i ragazzi si sono rotti i maroni di combattere con scartoffie, musi lunghi e vicini esauriti e hanno venduto ai cinesi.
Come dargli torto? Almeno loro hanno venduto.

Io però l'aprile scorso sono rimasto senza bar.
Dopo il trasferimento a Russi, la Twin Peaks di Romagna da dove sto scrivendo, il Gatto & la Volpe per me era come Piazza Maggiore, le Sette Chiese di Santo Stefano, la Virtus e Piazza Verdi in primavera dopo un esame, tutti insieme.

In uno dei rarissimi bar bolognesi doc rimasti (cioè immuni alla modernità) per due anni ci abbiamo pranzato e cenato, festeggiato compleanni e lauree, tirato gavettoni, organizzato riunioni di lavoro, set fotografici, feste in maschera, gare del bacio, celebrato processi, fidanzamenti e sfidanzamenti.
D'altronde giocare a briscola e tressette coi vecchietti, dopo pranzo, è una figata pazzesca, così come pranzare (ogni sabato che gli dei mandavano in terra) sotto il portico a suon di monumentali vassoi di spaghetti allo scoglio, cestelli col ghiaccio per il vino e limoncelli (branca menta per me) come se piovesse.
La gente che passava o ci guardava livida, a bocca aperta, indignata per l'assoluta assenza di compassato grigiore oppure empatizzava al volo e si illuminava.

Game over.
Aprile è così, tira brutti scherzi.
Dopo un Aprile del genere (bar chiuso, saluti romani in Campidoglio,
ogm marxisti-leghisti all'assalto del palazzo d'inverno, Avanzo di Balera di nuovo in pista) se fosssi una rivista di sinistra e mi chiamassi Aprile, credo che cambierei nome.

Il manifesto della Festa de l'Unità in Città, nel centro storico di Bologna, che ha accolto la nostra compagnia di mangiatori di tortellini a suon di spaghetti all'amatriciana (pesce d'aprile!), è opera di Vanessa per le Lance Libere.

Piesse
Rebecca è incinta. Le fuitine d'amore le ha fatte i primi d'aprile, quindi i miciotti dovrebbero nascere i primi di giugno, gemelli come Thor. Che sta ancora cercando di capirci qualcosa.

13 aprile 2008

LE PANCHINE DI RUSSI


Da qualche tempo l'asma è tornata. Prima con discrezione, la sera, negli utlimi giorni con arroganza, tutto il giorno. Brutta bestia l'asma, si dorme male, fiacca le energie e fa sembrare ogni piccola cosa una montagna.
Oggi comunque sto meglio, quando scrivo poi sto bene e se dormo abbracciato a Vanessa dormo da dio; domani poi starò ancora meglio, si vota finalmente.

Ho preso l'abitudine di andare a Bologna tre giorni la settimana, il lunedì, il mercoledì e il giovedì di solito. Il mercoledì sera si gica a tressette nella magione dell'amico Poggio, a San giorgio di Piano.
Barro mi viene a prendere al Gatto & la Volpe alle 8 e mezza, un mio espediente per fare incazzare Pietro che vorrebbe chiudere alle 8, poi abbiamo una mezzoretta di viaggio per chiacchierare di politica, spettegolare (con scarso successo) e pontificare alla bell'e meglio.

Mercoledì scorso tenevano banco le elezioni. Barro detesta l'Avanzo di Balera e l'Italia che rappresenta, quella destra che Prodi definì mirabilmente gente che lascia la macchina in doppia fila. Io che sono più liberale di lui (sono anche a favore dell'indulto) non riesco più a sopportare il vecchio palpaculi che zompetta da una tivvù all'altra, le sue battute, le gaffes, le minchiate sui comunisti e sono arrivato a credere che questa Italia se continua a votarlo forse si meriterebbe il Peron vero, non la sua versione light.
Continuare a pensare che gli elettori siano meglio degli eletti d'altronde è, nella migliore delle ipotesi, un esercizio mentale noioso, frustrante e autoassolutorio.

Prima mi sono messaggiato con Fede, che forse vota Bertinotti forse non vota per niente, la Sara invece vota di sicuro così come Cuma, veltroniano convinto. Alla cena da Poggio il Pd era in netta maggioranza anche se pure lì vale il motto "occhio ai silenziosi". Non è che se uno non spiccica parola (e magari sorride) mentre il Giampa della situazione si dichiara dalla parte di Uòlter vuol dire che è d'accordo. Un po' come le piazze: non è detto che se le riempi vinci anche le elezioni (certo, sempre meglio riempirle che farsi fischiare dai propri supporter mentre si sparano minchiate su Totti e Ronaldinho).
Pure Vanessa alla fine ha ceduto e anche se non posso scrivere su che simbolo mette la croce (mi spezza le gambine) di certo la posso prendere per il culo privatamente, dopo lunedì.

Se l'Avanzo di Balera non fosse scappato (ieri sera a Matrix ha addirittura esibito la sentenza che avrebbe impedito il faccia a faccia) e gli italiani avessero potuto vedere, anche solo per mezzora, lui e Uòlter uno di fianco all'altro non avrei avuto dubbi: vinceva Uòlter tutta la vita. Troppo vecchio, troppo esplicitamente pataccaro, consunto venditore in declino, troppo pateticamente uguale a sé stesso (ha i capelli come Big Jim ha ragione Barro!), il palpaculi candidato premier per la quinta volta non avrebbe avuto chances.
Me lo sarei giocato alla Snai o dagli inglesi, Uòlter, alla faccia dei sondaggi.

L'era della personalizzazione pura della poltica finalmente sembra essere giunta anche in Italia. Niente più partiti-chiesa e baracconi di falsi monaci che farneticano sui valori mentre puntano il portafogli, niente più (i hope) militanza demenziale in organizzazioni culturalmente fatiscenti per aspiranti nullafacenti disposti a farsi resettare il cervello (e a dire sempre di si) pur di arrivare.
Questa è la promessa della versione italiana del bipartitismo, incarnata da Pd, Pdl e (soprattutto) dai loro leader. Non mi sfuggono i rischi e i punti di debolezza, primo fra tutti la seria possibilità che i temi che dividono su basi etiche sono già di fatto espunti dall'agenda di governo di ognuno dei due.

Nonostante tutto ho fiducia, perchè la vedo come una questione generazionale, l'Italia è indietro sui diritti civili, sullo svilupppo della Rete, sulle libertà, perché è vecchia. Niente di più.
Cerco di farmi rassicurare dagli esempi:
1 / Pina Picierno, 26 anni ex Presidente dei giovani della Margherita e capolista per il piddì in Campania 2, ha votato quattro si al referendum sulla procreazione assistita ed è andata alla manifestazione di Arcigay per i Dico.
2 / Gabriele, 70 anni storico militante dei Ds (prima Pci- Pds) di dalemiana e comprovata fiducia, dopo un po' che ascoltava in silenzio la mia arringa a favore del matrimonio gay ha osservato che se fosse per me i busoni li metterei al muro.  

L'Avanzo di Balera a Matrix ci ha tenuto a precisare che i precari sono un problema sopravvalutato e il vero problema sono i pensionati (le pensioni minime sono un dramma sociale, è vero, ma non in contrapposizione alla precarietà). Il partito conservatore e quello progressita sono una realtà, basta sintonizzare il cervello e (per chi ha tempo e voglia) ci sono tutte le possibilità per influenzarne il cammino.
Per quanto mi riguarda credo che la poltica si debba occupare della cornice e (al massimo) dei colori, poi il proprio quadro ognuno deve poterselo dipingere da sé.

Lunedì e mercoledì mentre raggiungevo a piedi la stazione di Russi (il mio treno parte alle 8 e 48) l'asma mi stava piombando le gambe e il fiato mi si accorciava ogni volta che pensavo cazzo perdo il treno.
Ho dovuto fermarmi più volte per riprendermi, ma per fortuna c'era sempre una panchina nei paraggi.
Russi è un paese civile in cui ci sono ancora le panchine (dalle città le tolgono perché attirano i vagabondi) in mezzo alla strada.

Anche l'Italia ha il fiato corto e le panchine che ci sono non bastano più. Bisogna smetterla di fare i fighetti e chiedersi sul serio cosa si può fare per il Paese, non il contrario.
Soprattutto dal 15 aprile.

Nella foto (che sembra arrivare dal casting di qualche Drive-In di un secolo fa) l'Avanzo di Balera al lavoro con tre semiminorenni, interinali del jet-set. Povera Evita (e povera Italia).

6 aprile 2008

REBECCA È SCAPPATA DI NUOVO


Era tornata ieri notte, nera come uno spazzacamino, dopo due giorni in giro per Russi a cercar uccelli.
Ha mangiato come una bestia, si è fatta curare occhi e orecchie (la vita dell'avventuriera ha il suo prezzo) e ha preso le coccole tutto il giorno. Non si è fatta mancare niente, anche una pisciatina sul mio pigiama tanto per non perdere il vizio.
Poi, pochi minuti fa, è ripartita.

Thor che è un po' tonto non se n'è ancora accorto.
E dire che ha passato due giorni d'inferno tra sensi di colpa per la virilità mancata (e mancante) e semplice preoccupazione per la sorte sua avventurosa compagna di giochi. Lui è cresciuto in casa a differenza della trovatella Rebecca che durante il viaggio da Bologna a Russi, quando passavamo di fianco a tanto verde alzava il musetto con lo sguardo sognante.

Speriamo torni di nuovo, ci manca molto quando è via, anche se possiamo solo immaginare quanto se la spassa la zoccola!

Nella foto il ritorno della guerriera, ieri notte, alla fine del secondo piatto spazzolato.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bologna rebecca russi uccelli thor virilità

permalink | inviato da orione il 6/4/2008 alle 22:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

16 marzo 2008

IL CIELO SOPRA RUSSI


Oggi dal mio lucernario ho visto quanto rapidamente è cambiato il tempo.
Stavo lavorando, gambe incrociate sul letto con Thor e Rebecca a fare da sentinelle, e ogni tanto alzavo gli occhi e sbirciavo dalla finestrella. Sopra di me il sole e le nuvole si rincorrevano a ritmo forsennato, poi il primo ha cominciato a prevalere sempre più spesso, fino alla vittoria definitiva nel pomeriggio.
A sera il vento aveva spazzato via ogni resistenza, il cielo era limpido i colori splendidi: l'ideale per andare da Remo a prendere una birra per me e un cappuccione per Vanessa, che deve lavorare ancora a lungo.

Da Remo nessuna traccia del patacca del bar che mi ha copiato il look l'altro giorno. Ero così orgoglioso del mio spezzato estremista jeans sdruciti / gessato regimental / clark che quando sono arrivato al bar (dopo due giorni a Frosinone e Roma con Ciube) e ho visto il patacca vestito come me (in versione patacca ovviamente) ci sono rimasto di sale.
Sarò un patacca anch'io? Mi sono sorpreso a domandarmi, perlesso.

Birra alla mano, mi sono  accomodato al bancone con La Stampa di oggi.
Qui in Romagna, oltre a Mazzini, Garibaldi, Mussolini e Malatesta, hanno anche la bella abitudine di prendere La Stampa in tutti i bar, il giornale più decente in circolazione infatti è allegato al Corriere di Romagna. Sul quotidiano di Torino oggi c'era disfatta morale, un articolo di Barbara Spinelli sul penoso imbarazzo delle cancellerie democratiche sul massacro cinese in Tibet e sugli esiti disastrosi di quasi sette anni di politica di guerra dei cosiddetti neocons europei e nordamericani.

Il massacro dei monaci (ieri birmani, oggi tibetani) è uno schiaffo alla nostra falsa morale democratica (più o meno da esportazione), a cui non siamo in grado di reagire neanche con la verve dimostrata all'epoca della decapitazionne delle statue del Buddha in Afghanistan da parte dei talebani brutti e cattivi. Sempre buddhisti, sempre pacifici, sempre vittime, ma stavolta in carne ed ossa. Più di cento vittime, pare, in Tibet oggi, più di ducento in Birmania lo scorso settembre.
Stesso penoso balletto diplomatico, stesso sacro terrore di perderci i piccioli della locomotiva cinese, stessso squallido allineamento alla ragion di stato, vera e propria condanna della nostra civiltà.

In questo miserabile tramonto dell'Occidente solo i cattivi fanno i cattivi sul serio. Putin ha abolito le regioni per decreto, le teocrazie continuano a lapidare le adultere e la Cina (oltre a sparare sui monaci indifesi) sta oscurando YouTube da tre giorni, pare per ripicca. Alla faccia della globalizzazione.
Le democrazie, invece, dimenticano che se non sono loro a dare una mano alla voglia di libertà per cui i monaci muoiono in silenzio, avranno ragione le dittature. Prima dei monaci, poi delle democrazie.

Là sopra, fuori dal mio lucernario, sembra davvero un brutto mondo; ma qui a Russi l'aria sa già d'estate.

11 marzo 2008

FROM RUSSI WITH LOVE



Oggi sono rimasto a casa a lavorare.
Dovevo scrivere trecento strategie di comunicazione diverse, tutte oggi, tutte per clienti miei/nostri: sto tirando di lungo da quasi dieci ore. Al piano di sotto, nel nostro nuovo studio, Vanessa disegna e fa la grafica di svariati lavori (alcuni li stiamo facendo insieme), intanto trangugia enormi cappuccini.

Thor e Rebecca (i gatti che vivono con noi) sono al settimo cielo, tutti questi metri quadrati da annusare, correre e pisciare non li avevano mai avuti tra le zampe. Ieri sera quando sono arrivato da Bologna, verso le 9mezza, il furbastro era riuscito a rimanere fuori  casa, non si sa come. Sentivo un miagolìo straziante e speravo fosse un altro micio che corteggiava Rebecca. Macché era Thor il tonto che, oltre a non trombare, fa l'esploratore poi si caga sotto: quando l'abbiamo fatto entrare si è precipitato sul letto, esausto, e non si è più mosso.

Vanessa ed io viviamo ancora tra i cartoni (che sono molto diminuiti però) e ci vestiamo come capita (almeno io). Oggi lei ha trovato le mie vecchie All Star rosse, che mi sono messo per andare in giro per il centro a scoprire che i macellai (tutti) sono chiusi il martedì-mercoledì-giovedì pomeriggio. NIente castrato stasera, vacca boia.
Ho già individuato il matto del paese e alcune cartoline non indifferenti, tra cui il pizzaiolo mesto (ma bravo) di Imola dietro casa, che abbiamo già ufficialmente adottato.

Ci stiamo ambientando, nella nostra Twin Peaks di Romagna si sta bene e c'è sempre un gran bel cielo. Domani però riparto alla volta di Bologna (prima), di Frosinone e Roma (giovedì-venerdì).
Le Lance Libere (nell'immagine il logo) sono in gran sfrombolo, non c'è che dire.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rebecca russi vanessa thor orione lance libere

permalink | inviato da orione il 11/3/2008 alle 19:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

3 marzo 2008

LA PRIMAVERA DI RUSSI


Mentre Thor sta nascosto sotto il piumone, Rebecca piscia ed esplora la casa (è gigantesca almeno secondo i parametri nostri) e Vanessa apre cartoni (quasi 100 alla fine) e organizza, io lavoro sul mio mac e guardo in sù.

Dopo l'uno/due trasloco asma (ho cominciato a star male appena ho scritto che non prendevo più il Ventolin da quasi un mese, un genio), ieri e oggi il global warming ci ha regalato un trailer di primavera, che qui in Romagna sapeva già di mare, prosciutto e squacquerone.
Da domani Bologna, lavoro e neve.

Nella foto la finestra del nostro soppalco.

29 febbraio 2008

EXIT STRATEGY / FINAL CUT


Il trasloco è la terza ragione al mondo per potenza di stress, dopo la morte di un parente e il divorzio.
Non faccio che incontrare persone che me lo ripetono in questi giorni. D'altra parte sto traslocando e sono un po' stressato. Ero molto stressato, poi la crisi epilettica di giovedì scorso mi ha resettato il cervello per bene. Erano quasi due anni che non ne avevo una e negli ultimi tempi, forse a causa del ritorno dell'asma, mi ero sorpreso a sperare in una sorta di rentréè spazzatutto dell'epilessia.

Poi la crisi è arrivata. Lo stress in effetti è un po' diminuito ma io sono più rincoglionito di prima, il trasloco è giunto al suo atto finale, sono (siamo, Vanessa ed io) letteralmente assediato da lavori e impegni, però fortunatamente non ho bisogno di spruzzarmi in gola il Ventolin da almeno tre settimane. Da Marrakech.

Dopo tanti anni passati lamentarmi di Bologna e dei bolognesi, ora che me ne vado davvero comincio a riflettere, con un certo disagio, su quel (RA) che devo far mettere su passaporto e carta d'identità.
Intendiamoci, Russi è un paesino splendido così come la casa in cui andiamo a vivere, io sono stanco della città e mi sto preparando da un pezzo alla mia Twin Peaks di Romagna, però...
Però Bologna non è solo un luogo, ma è il luogo del mondo che più mi appartiene e in questi giorni mi sento come l'ispettore Sarti Antonio (nella foto), abbarbicato fra le cosce della mia città.
Consapevole che domani la pianto in asso.

La galleria di foto a Bologna, che ho messo su Flickr: qui.

3 febbraio 2008

UN BOLOGNESE A RUSSI


Entro la fine del mese Vanessa ed io ci trasferiamo a Russi, tra Ravenna e Lugo.
Due domeniche fa ci siamo andati per mostrare la casa ai miei. Era una giornata grigissima ma i (quattro) bar del paese erano
tutti aperti, pieni di gente. In piazza i vecchietti a capannelli dibattevano di sport e politica, davanti alle bacheche (tra gli altri) del PSI (con un'immagine di Pertini) e del PRI (nella foto). Bei tempi.
Mentre fotografavo la Torre dell'Orologio un vecchietto si è avvicinato e mi ha sorriso
stai facendo lo foto? ti piace?

Naturalmente adesso che levo le tende Bologna mi sembra bellissima.
Tutte le volte che mi ricordo prendo la macchina fotografica e parto a fare il giapponese, vagabondando per i vicoli del centro storico. Mi accanisco soprattutto sui dettagli. La volta
in legno del portico di via Nazario Sauro, un tag che accoltella un palazzo del '500, un cestino stracolmo in via dei Falegnami e poi porte, archi, bassorilievi mimitizzati, la finestra sul fiume Aposa. In via Piella.

Bologna è un mistero anche per i bolognesi.
Dietro ogni portone di ogni palazzo del centro storico si celano giardini, quadriportici, fontane inimmaginabili fuori, tra le cacche dei cani e il lezzo insopportabile di suv e scooter.
Autunno/inverno, questa, è la sua stagione. La nebbiolina umida e grigiastra interagisce con le luci giallognole di lampioni e faretti e creano l'atmosfera tipica, l'immagine mentale che conservo da sempre della mia città.

Io è un po' che sono incazzato con Bologna.
Alla domenica è tutto chiuso, da casa mia il posto più vicino per buttare la plastica è la stazione e i bolognesi stanno diventando dei musoni come i milanesi. Tutti che si lamentano del Sindaco o del governo ma sono troppo puttane per non limitarsi a continuare a sorridere melliflui ai clienti/affittuari, troppo avidi per riuscire a smettere di insinuare
...altro...?

Ma troppo pigri per tirar sù la serranda quando in giro ci sono i turisti o per inventarsi qualsiasi qualcosa.

L'Alba, mia nonna, l'altro giorno si è messa a leggere il blog e quando ha visto l'ultimo post su Bologna s'è incazzata
anche se su alcune cose puoi aver ragione non devi usare quel tono lì,
non gli fai del bene alla tua città.

Forse ha ragione.

Così ho messo su Flickr una galleria su Bologna, per mettere in mostra quanto è bella: qui.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bologna flickr psi russi pri alba ravenna lugo

permalink | inviato da orione il 3/2/2008 alle 0:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo