.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

16 gennaio 2012

DISORDINI PROFESSIONALI

#bloccotaxi ma sì, fate pure la serrata. Quanto durate? 1, 10, 30 giorni? Dopodiché diventiamo un paese normale.” Uno dei vantaggi della società dell’informazione è il pluralismo contestatario. Dopo l’annuncio della serrata nazionale dei taxi per il 23 gennaio e il proliferare di “assemblee spontanee” (o interruzioni di pubblico servizio, a seconda) contro le liberalizzazioni del governo Monti, su Twitter è partito lo sciopero degli utenti tre giorni prima. Il 20 gennaio, dunque, #menotaxipertutti.

Gli umori della gente, già bastonata per bene dalle prime misure anti-deficit oltre che dagli aumenti di benzina e bollette, sembrano tutt’altro che solidali con le categorie ritenute privilegiate e magari in odore di evasione. A parte qualche nostalgico del Far West fiscale, infatti, anche un’azione drastica (da “Stato di polizia tributaria” come piace declamare con enfasi un po’ dark) a uso e consumo dei media come quella di Cortina ha ottenuto il plauso della grande maggioranza degli elettori di centro, destra e sinistra.

Non è solo per la speranza che le liberalizzazioni di Monti & Co. portino più concorrenza e lavoro, soprattutto ai giovani senza parenti/amici da cui farsi cooptare in una delle varie corporazioni fortificate, ma per una paradossale questione di equità. Se bastonate devono essere, che arrivino per tutti e quelli che per una ragione o per l’altra tentano di scamparla, e finora ce l’hanno fatta, vengono guardati in cagnesco. Non sarà molto elegante ma forse è l’unica maniera per scrostare un po’ di Medioevo, magari evitando i forconi.

Un altro modo, ancora più efficace degli scioperi anti-corporazioni via Twitter (e forse persino delle liberalizzazioni per decreto), è la tecnologia. Groupon, celebre e celebrato sito di vendita di prodotti/servizi di varia natura (dai parrucchieri agli alberghi) super scontati, ha cominciato a pubblicare annunci di professionisti iscritti ai vari ordini.

Dentisti e avvocati, in particolare, hanno cominciato a pubblicizzare la propria attività su Groupon a tariffe ben più basse di quelle “consigliate”. Gli ordini professionali, infatti, già dai tempi delle famose lenzuolate dell’allora ministro Bersani non hanno più facoltà di imporre tariffe minime e massime vincolanti ai propri iscritti che una volta erano una loro prerogativa, per via delle menate sulla deontologia professionale sotto assedio.

Devono però aver interpretato il termine “consigliate” in modo assai restrittivo, perché negli ultimi mesi sono fioccati i richiami ai professionisti rei di essersi messi online a prezzi di saldo. A giorni si attende il verdetto dell’Antitrust, interpellata da Groupon sulla vicenda. Il richiamo non è solo un atto formale, ma l’anticamera dell’espulsione. Gli ordini hanno dunque dichiarato definitivamente guerra alla contemporaneità, subodorando forse aria di estinzione.

Sarà anche vero che “a New York i tassisti poveracci sfruttati del Bangladesh dormono in macchina”, come sostiene il capo dei tassisti romani, secondo dei non eletti nel 2008 nel partito della rivoluzione liberale all’amatriciana, ma siamo sempre lì: bastonate per tutti (più forti per chi non le ha mai prese) oggi è l’unica giustizia sociale possibile. In un paese normale un tassista non guadagna il doppio (dichiarato) di un ricercatore.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

9 novembre 2011

DO SOMETHING


In tempi in cui l’Italia rischia l’11 novembre dei conti pubblici a causa dell’impotenza dei suoi timonieri, l’azione in quanto tale assume connotati rivoluzionari. A guardarci bene il rovescio di popolarità del premier, sia tra gli elettori che sui mercati finanziari (oltre che tra le élites cosmopolite che lobbeggiano sull’economia globale, ma questa non è una novità), è dovuto proprio a questa percezione d’impotenza. Che per “l’uomo del fare” significa la pietra tombale sul suo carisma.

Così sono saltato sulla sedia quando ho aperto il sito del Corriere e mi sono imbattuto nell’azione di Giuliano Melani, che ha speso oltre ventimila euro per comprarsi una pagina del Corriere con un accorato (e molto ben scritto) appello agli italiani perché si comprino il debito, prendendo esempio dai giapponesi (il doppio del nostro e tutto in casa). “Io non sono Diego Della Valle, ma voglio essere uno dei portatori sani della soluzione. Questo appello mi è costato un botto, per favore non fatene carta da macero!”

“Sono circa 4.500 euro a testa: lo so che le medie ci fanno fessi ma state sicuri che molte persone dispongono di queste cifre”. Melani non ha fatto il vago, ma si è messo a fare i conti in tasca agli italiani entrando nel merito dell’investimento. “Vi giuro che ci conviene, negli ultimi due anni sono state poste in essere manovre per 200 miliardi, sono andati tutti perduti perché nel frattempo sono saliti i tassi d’interesse sul debito”. Impeccabile, e subito ipercitato da politici e banchieri. Sicché mi son detto: pensa se l’avesse detto Bersani a Piazza San Giovanni.

Invece la ditta, in compagnia dei soci di Vasto, era impegnata nell’operazione antipatia contro Renzi, uno che sgomita quando i giovani dovrebbero stare a cuccia e aspettare il proprio turno. Mettersi a disposizione. Troppo decisionista/protagonista questo Renzi, sembra Craxi o Berlusconi (ci è pure andato a cena, l’infingardo) a sentire gli umori della base del Pd, prontamente riportati dai segugi di Repubblica. Il Fatto l’ha paragonato al Duce, per non sapere né leggere né scrivere. Per la Bindi è un provocatore.

Secondo Bersani alla manifestazione del Pd “c’è stato solo un battibecco. È stata una cosa spiacevole. Ma vorrei ricordare che Renzi è uno del Pd e io sono anche il suo segretario.” E poi, naturalmente, bisogna pensare all’Italia, non ai destini personali, che non coincidono mai con le ambizioni di chi sta fuori dal cerchio magico. Poi arriva la rasoiata di Prodi: “Bersani è una persona eccellente, di grandi capacità, posso dirlo, è stato un mio ministro, ma non riesce a “uscire”… Non è confortante leggere che, con quel che succede, nei sondaggi il Pd non riesce a crescere come ci si aspetterebbe”.

Certo l’inazione snervante e inutilmente parolaia del centrosinistra, quella sinistra sensazione di “indecisi a tutto” che con il governo dell’Unione aveva rapidamente raggelato ogni speranza di cambiamento dell’elettorato, contribuisce non poco ai crucci del Professore. Anche Prodi non fa il vago e presenta il conto al “manico” della ditta, con tutta la crudele cortesia di cui un bolognese (acquisito) è capace.

L'articolo, con foto, è stato pubblicato su The FrontPage.

15 ottobre 2011

RAGE AGAINST THE MACHINE


“15 ottobre rivolta globale” scandisce un performer hip-hop indiavolato da uno dei tanti sound-system del corteo, in sottofondo gli spari dei lacrimogeni, le bombe carta, le sirene della polizia, le urla. Non è più tempo di indignarsi contro i violenti o di questionare su slogan, adesioni, partiti e non partiti: tutto l’armamentario politico novecentesco non serve a spiegare questo 15 ottobre. 951 città in 82 paesi del mondo, gli Indignati di tutto il mondo lanciano la loro sfida a banche, finanza, politica, presunti colpevoli della crisi e del caos, di cui la guerra di Roma resterà una delle icone indelebili.

“È una giornataccia per Roma…” la diretta video di Nino Luca sulla videochat del Corriere, su RaiTre c’è il ciclismo e su La7 un film con Pozzetto (per la televisione italiana non succede niente), trasforma la capitale nel set di “V for Vendetta”, il film-cult di questo movimento tratto dalla graphic novel di Alan Moore. Su tutte le testate online, a fianco delle gallerie di roghi e cariche vengono pubblicate le immagini del resto del mondo, da Seul a Sarajevo e da Varsavia a Hong Kong. Gli unici scontri sono quelli di Roma, come se l’Italia sentisse l’esigenza di ambire anche a questo, di primato.

“Un attimo di calma irreale”. Dopo un po’ di silenzio inquietante e di fuori-onda allarmati, l’anarco-diretta di Corriere.it riprende. “Siamo messi male, Andrea… siamo messi male”. Silenzio, sirene, allarmi e vetri in frantumi. La flemma di Nino Luca s’incrina leggermente “siamo stati costretti ad arretrare… siamo proprio dietro i poliziotti che vengono presi d’assalto… siamo in mezzo al guado, il corteo è spaccato in più tronconi. Adesso c’è del fumo a via Merulana, ci sono altri scontri a Piazza San Giovanni… E adesso è dura anche per noi lavorare, sono arrivati i fumogeni, anzi i lacrimogeni… urticanti”.

Sciamano maschere di Guy Fawkes, l’uomo che il 5 novembre del 1605 tentò di far esplodere il Parlamento inglese (reso da Alan Moore l’icona di “V”), in mezzo alle decine di migliaia di persone che continuano a invadere la capitale per tutto il pomeriggio. A Piazza San Giovanni arriveranno in pochi. Il cronista del Corriere riesce a intervistare una ragazza di Salerno, nascosta dietro la maschera, la stessa indossata dagli Anonymous per le loro scorribande sul web. Il tempo di pensarlo e sulla home del Corriere compare Julian Assange, abbarbicato sui gradini della chiesa di Saint Paul, a Londra, con un megafono in mano. La polizia gli appena impedito d’indossare la maschera.

“Si stanno disponendo per preparare la carica. Stiamo vivendo con voi questa emozione, vorremmo che fosse finito tutto da un pezzo… Cerchiamo una via di fuga, ma da qui non la vediamo. I capi-pattuglia richiamano i propri uomini, vedete? Siamo proprio dietro i carabinieri”. I carabinieri però non sono contenti. “Perché non andate a riprendere quelli che lanciano le bottiglie? Non dovete stare dietro le guardie! Ve ne dovete andare!! Per motivi di sicurezza, ve ne dovete andare!”

Nino Luca abbozza, un po’ mesto. “È che ci sentivamo più sicuri dietro i carabinieri… c’è nervosismo, è comprensibile, però noi qui siamo per fare il nostro lavoro…”. Poi sbotta in una riflessione a voce alta, che vale cento editoriali. “Sorprende… Sembra quasi, tutto pianificato… Da una parte i black bloc dall’altra le forze dell’ordine, in mezzo centinaia di giornalisti, telecamere, ragazzi con le macchine fotografiche…”.

Come se fosse l’ennesimo atto di una commedia/tragedia col copione già scritto. A sera una cupa conferma, alcuni manifestanti hanno assaltato un blindato dei carabinieri e sono riusciti a darlo alle fiamme. Prima che esplodesse, sopra, non hanno trovato altro di meglio che scrivere “Carlo vive”. Come se fosse vero, come sa la vendetta riguardasse ragazzi in divisa a millecinquecento euro al mese, come se dieci anni non fossero mai passati. Allora come oggi è la rabbia, moltiplicata dalla crisi, che dà le carte.

La foto l'ho presa qui.

23 marzo 2011

APOCALISSE A ROMA


“Ad Albano Laziale, Comune che la voce dava come epicentro, molti cittadini si sono riversati sia all’URP che alla segreteria del sindaco per chiedere tutele e spiegazioni impauriti specie le mamme dei bimbi a scuola. Dal Comune il sindaco ha annullato tutti gli impegni per gestire la situazione hanno contattato tutti la Protezione civile e l’Ingv per chiedere spiegazioni e tutti gli organi di stampa che hanno potuto mettere in giro la notizia. Quindi è stato contattato il Tg3 regionale e Rds che hanno smentito la notizia.”

Si fa presto a dire “una bufala”. Basta non vivere ad Albano Laziale, nell’occhio del ciclone dei monatti dell’Apocalisse via web come possibile epicentro del terremoto devastante che dovrebbe radere al suolo la città eterna nel mese di maggio, tra due mesi. Se ogni mattina si accompagnano i figli all’asilo di Albano Laziale e la sera si guardano per televisione le immagini del terremoto/tsunami che ha messo in ginocchio la terza economia del mondo, probabilmente non è facile prenderla con la stessa, encomiabile, filosofia.

La “bufala” è in realtà una leggenda metropolitana antica, per chi vive nella capitale, che adesso è arrivata alla resa dei conti con la realtà. Maggio è alle porte, su Facebook ci si organizza, e la prova dei fatti potrà smentire il panico gratuito seminato dalla supposta predizione di Raffaele Bendandi. Secondo Giampaolo Giuliani, fisico in pensione assurto agli onori della cronaca per la serie di presunte previsioni del sisma d’Abruzzo del 2009 (messe a punto tramite lo studio del presunto gas radon, da lui individuato e utilizzato per i suoi “precursori sismici”) la configurazione astrale di quei giorni (11-13 maggio) rientra nella tipologia individuata da Bendandi per le sue previsioni (azzeccate, una persino registrata in anticipo dal notaio) durante tutto il Novecento.

Naturalmente non poteva mancare Nostradamus e due delle sue celebri quartine, che sembrano lo script di un filmone hollywoodiano, vengono messe in relazione col supposto sisma in arrivo. “Il Sole dentro i venti gradi del Toro così forte la terra trema, Il grande teatro riempito crollerà, L’aria, cielo e terra, oscurati e turbati, Quando l’infedele Dio e i santi invocherà”. I venti gradi del Toro corrisponderebbero al giorno 11 maggio (già oggetto di perversioni numerologiche) mentre il “grande teatro” sarebbe il Colosseo.

“Il terremoto così forte nel mese di Maggio, Saturno, Caper, Giove, Mercurio nel Toro: Venere, così nel Cancro, e Marte nella Vergine (Nonnay), Allora più grossa di un uovo la grandine cadrà.”

Tutto questo mentre andava in scena lo spettacolare perigeo lunare che ha dato adito, ovviamente, a ulteriori speculazioni. Secondo lo scienziato Arkady Tishkov “esiste una teoria secondo cui i cicli di attività sismica della Terra è strettamente correlata ai processi che si verificano sul Sole nonché alle fasi lunari. Attualmente la Luna si trova ad una distanza di circa 350 mila chilometri dalla Terra, ossia alla minimia distanza dal nostro pianeta. Naturalmente la sua massa ha un grande impatto sulla litosfera della Terra. A sua volta il Sole è all’apice della sua attività negli ultimi anni. La connessione tra questi fenomeni esiste realmente e si manifesta quasi sempre. I cicli dell’attività solare e lunare possono coincidere. Negli anni 2011 – 2015 è previsto il più alto ciclo di attività vulcanica e sismica sulla nostra Terra.” Insomma, buona Apocalisse a tutti.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.
L'immagine è stata presa qui.

16 febbraio 2011

GIOVANI RIVOLTOSI CRESCONO

“Le motociclette nere dei bassiji sono tornate nelle strade di Teheran, ieri, per disperdere la manifestazione organizzata dall’opposizione al regime degli ayatollah. Lacrimogeni, spari, un morto secondo l’opposizione, decine di arresti hanno scandito il pomeriggio della capitale iraniana, mentre le strade si riempivano di giovani e meno giovani”. Alla faccia di chi gridava al pericolo islamista è proprio l’Iran, i cui leader si erano affrettati a sostenere le rivolte in Tunisia ed Egitto nella speranza (speculare ai pruriti kissingeriani di casa nostra) di accaparrarsene la paternità, a scontare il nuovo contagio.

Il Medio Oriente, ora sì, è una polveriera rivoluzionaria che ad ogni istante ribolle di nuove proteste e nutre così altre turbe rivoltose. Sono i giovani, protagonisti del panorama anagrafico di questi paesi, il motore del cambiamento ed è la libertà il mito rivoluzionario che li spinge a rischiare la pelle, la famiglia e il lavoro. Se poi l’eclissi di libertà che ha impedito loro sinora di votare, pregare e scopare come meglio credono si chiama Mubarak, sovrano-fantoccio di una ultratrentennale democrazia familiare, utile agli interessi occidentali e d’Israele, o Ahmadinejad, leader di una sanguinaria teocrazia antimoderna (prima ancora che antisemita e antioccidentale) non fa differenza.

Il che la dice lunga sulla distanza che separa la realtà dalle categorie dell’analisi, ferme alla guerra fredda o al massimo ai suoi postumi, appunto, kissingeriani. L’Occidente sconta il logoramento della propria leadership innanzitutto come credibile guida del mondo libero, prima ancora che come guerra dei Pil, vittoriosamente condotta dai paesi emersi (Cina, India, Brasile, ecc.). Gli scheletri nell’armadio, la cui sola evocazione ha reso Julian Assange il nemico pubblico numero uno (e non a caso ‘adottato’ in tempo reale da Putin e oggetto delle ironie antioccidentali dello stesso Ahmadinejad), e i riflessi condizionati del vecchio mondo hanno reso l’Europa e gli Stati Uniti vecchi pugili stonati.

Prima l’America del Sud, in cui senza troppi casini sono stati i cittadini a incaricarsi di mandare al potere Morales, Lugo, Chàvez, Lula, Dilma Roussef, Cristina Kirchner, Michelle Bachelet, senza remore rispetto al ruolo di abitanti del “cortile di casa” che era stato assegnato loro dai potenti vicini del nord, ora il Medio Oriente. Intanto le blasonate democrazie della vecchia Europa si sono incartate sulla crisi e su come fare davvero l’Europa (che sembra sempre un po’ il Pd, una cosa ‘da fare’ ma da cui tutti tirano il culo indietro il prima possibile) e gli Stati Uniti, dopo l’Hope di Obama sono di nuovo al palo.

Altre Atene, Parigi, Roma ci aspettano, altre fiamme attendono l’Occidente, troppo vecchio per sperare in belle insurrezioni generazionali rivitalizzanti ma (ancora) troppo ricco per illudersi che gli esclusi dal banchetto rimangano educatamente fuori, con le facce spiaccicate sulla vetrina del ristorante.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

11 gennaio 2011

LA TASSA DELL'APOCALISSE


I primi giorni del 2011, in poco meno di una settimana, in Arkansas e Lousiana sono piombati dal cielo migliaia di merli stecchiti, in Svezia è toccato ai corvi mentre in Romagna migliaia di tortore hanno fatto la stessa, apparentemente misteriosa, fine. Stesso copione per i pesci-tamburo dell’Arkansas e del Maryland, per le ombrine, i pesci-gatto e sardine brasiliane e per i ‘Pagro Rosa’ della Nuova Zelanda, buona parte dei quali, giallo nel giallo, non avevano più gli occhi quando sono stati trovati.

Appena hanno cominciato a strillare le fanfare dell’apocalisse sul web, gli esperti si sono mobilitati per tranquillizzare la gente, sostenendo che è normale, che è sempre successo e che ognuno degli episodi singoli ha una spiegazione ben precisa (fuochi d’artificio per i merli dell’Arkansas e poi pure per i corvi svedesi, indigestione di semi di una fabbrica del faentino per le tortore, ecc.), ma piazzando tutto nel frullatore mediatico si è creato il solito panico ingiustificato (anche se confinato agli appassionati del genere apocalittico). Colpa dei media e dei blogger untori, insomma, tempo una settimana e la notizia sarà sparita dai titoli di testa delle portaerei del media-mainstrseam.

Il brivido di paura, intuitivo e irrazionale, forse ha fatto vibrare un nervo scoperto dell’opinione pubblica, già frustrata dalle continue notizie circa lo stato dell’economia, dell’ambiente, della salute, dell’ordine pubblico, squassato da periodiche esplosioni di violenza che mettono a ferro e fuoco intere città (Atene, Parigi, Roma) o sparano ai nemici politici. L’incertezza del futuro si sta mutando in vero e proprio, sordo, terrore e la paranoia sulla fine del mondo sembra inventata apposta per canalizzare tutta la potenza autodistruttiva di una civiltà che ha paura della sua ombra. Gli esperti, poi, riescono quasi sempre ad essere ancora più inquietanti delle news. Secondo LeAnn White, specialista di malattie che colpiscono la fauna selvatica: “A volte si capisce che il fenomeno è legato ad eventi particolari, altre volte all’inquinamento e altre volte ancora il fatto è rimasto misterioso”.

Ironia della sorte, nelle stesse ore le streghe della Romania annunciavano una originale protesta anti-tasse: “La maga ha detto che guiderà un gruppo di “colleghe” intonando un maleficio accompagnato da una pozione ricavata da escrementi di gatto e un cane morto. Altre fattucchiere si riuniranno sulle rive del Danubio per gettare in acqua velenose piante di mandragora al grido di “affinché il male li colga”, come ha potuto precisare una di loro, Alisia.” Pare che la riforma salterà, il presidente Basescu e i suoi principali collaboratori d’altronde sono soliti vestirsi di viola, in alcuni giorni della settimana, proprio per scacciare il malocchio.

Un minuto prima di spedire l’articolo scopro che anche nel modenese sono state trovate decine di tortore morte. Come a Faenza, sempre tortore. Mi sa che da qui al 2012, almeno, bisognerà farci l’abitudine all’Apocalisse.

L'immagine è stata presa qui.
L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

2 giugno 2008

SERIE A


Questo è il nostro Gay Pride...!
Dopo tutti questi anni passati a prenderlo nel culo...

Così Andrea Mingardi, artista di punta della mia città (sfighé e gisto e cesira tra le hits più popolari), ieri sera su èTv, visibilmente alticcio. Come simbolo di ripresa (anche mentale) certo non è il massimo.
Ma, da bolognese (anche se romanista), sono contento. Spero che la serie A possa significare qualcosa anche di extracalcistico per Bologna: è un'iniezione di energia di cui aveva bisogno.

L'ha capito bene il SIndaco (interista), che ha scelto questa simbolica giornata per rilanciare alla grande la propria (ri)candidatura.

Nella foto (presa in prestito qui) la formazione con cui il Bologna ha vinto il suo ultimo scudetto, nel 1964 all'Olimpico di Roma, nello spareggio con l'Inter: 2 a zero (mio babbo c'è andato!).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bologna mingardi ètv cofferati roma inter lambri

permalink | inviato da orione il 2/6/2008 alle 19:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

11 maggio 2008

IL KARMA, LO SCUDO E GLI STUPIDI / 2


Mi sa che l'ha presa proprio male il Karma.
Alla fine del giro in bicicletta con Vanessa, sull'argine del Lamone (tra Russi e Bagnacavallo), ci siamo fermati nel bar di fronte all'Eridania (lo zuccherificio) dove la barista mi ha confermato che l'Inter ha pareggiato in casa col Siena e la Roma ha battuto l'Atalanta.

Mo' so' cazzi loro.

Piesse
Per gli ultimi novanta minuti di campionato il Karma si chiamerà così.

9 maggio 2008

IL KARMA, LO SCUDO E GLI STUPIDI


Feltri oggi racconta su Libero una favola triste, ma vera, sull'ignoranza che si crede potere.
Hanno soppresso il treno che dovevo prendere (nonostante lo sciopero finisse alle 13) e il call center di Trenitalia dice che per i treni regionali l'unica è andare a vedere in stazione, così ho tempo di segnalarla.

C'era una volta un gatto che viveva ad appiano gentile, dove si allena l'Inter.
Non aveva mai fatto del male nessuno, ma aveva un brutto difetto: era nero e alcuni analfabeti che corrono dietro al pallone in mutande, con la maglia nerazzurra, avevano deciso che doveva per forza essere lui la causa della sfortuna che li perseguitava.

Così hanno cercato in tutti modi di cacciarlo, rendendogli la vita un inferno, alla fine Figo l'ha schiacciato col suo classico gippone da coatto e l'ha ammazzato.
Tutti contenti, lo jettatore se n'è andato, o no?
La partita dopo Figo è entrato in campo e s'è rotto una gamba, stagione e (forse) carriera finita. Poi l'Inter ha perso in casa con la Juve e noi siamo arrivati a -3 nella rincorsa per lo scudo.

Secondo la Teoria generale della stupidità di Carlo Maria Cipolla lo stupido è
una persona che causa un danno ad un'altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita.

Tutto l'articolo di Feltri: qui,

28 aprile 2008

FORZA SOROS


Dunque in Champion's League le abbiamo prese, lo scudetto non lo vinciamo, al Campidoglio ci va Alemanno con la celtica al collo e quelli di ordine nuovo che festeggiano per strada.
Il laziale papalino se ne va affanculo stavolta, almeno?

Ci rimane solo Soros, che tra l'altro è un gran figo.
Ancora per poco, però.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma rutelli alemanno soros as roma campidoglio

permalink | inviato da orione il 28/4/2008 alle 18:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio