.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

26 maggio 2010

PEACE AND LOST

“Il medico Jack Shephard riesce a salvare l’isola di Lost. L’ultimo episodio della serie culto si è concluso nello stesso modo con cui era cominciato sei anni fa: un primo piano dell’occhio di Jack, steso sulla spiaggia dopo avere salvato l’isola dal tentativo del perfido «Uomo in Nero» di farla inabissare con tutti i superstiti.” Il finale nascosto pubblicato criptato dal Corriere.it ha il dono della sintesi e segnala un tasso di “rispetto della suspence” piuttosto inusuale (di solito giornalisti e critici non si fanno scrupoli nello spifferare colpi di scena e/o a brutalizzare happy end). Ulteriore segno del timore reverenziale che incute la serie-evento giunta domenica scorsa all’epilogo, preceduto (e seguito, a occhio e croce) da un fiume di parole senza precedenti sui media di tutto il mondo.

Il secondo paragrafo criptato descrive l’inevitabile amaro in bocca. Secondo il Corriere.it “gli autori della serie hanno scelto un finale più ambiguo per la realtà alternativa centrata su Los Angeles: tutti i personaggi si riuniscono sorridenti in una chiesa, dopo avere ritrovato il ricordo del loro passato nell’isola, per una cerimonia soffusa di luce dove i confini tra morte e vita appaiono incerti. Come era prevedibile gran parte degli interrogativi della serie non sono stati risolti.” Marzia D’Elia, sulla fan-page italiana su Facebook, sintetizza: “e anche stavolta nn si è capito un bel niente!!!”.

“LOST!!!!!!!!!!!!! CHE FINALE INCREDIBILE anche se ho capito ben poco… e devo aspettare i sottotitoli…. però ho pianto lo stesso!!!!!!!!!!!!!!!!!! mi mancherete…” Antonella Stirpe coglie il sale dello spirito comunitario che ha fatto da lievito a sei anni d’intrighi, misteri, realtà parallele, viaggi nel tempo, input pan-religiosi (l’ultima location dell’ultimo episodio, per dire, è una chiesa in cui Jack Shepard viene fatto entrare dalla sagrestia, ricolma di icone di tutte le religioni, disposte minuziosamente una di fianco all’altra).

Nessuna verità definitiva rivelata (neanche alla fine), quindi, ma molte suggestioni al confine tra scienza e mistero, condivise con crescente trepidazione da milioni di persone in tutto il mondo, innanzitutto online (nelle centinaia di siti-forum-blog dedicati). Un’ottima ragione per litigare e fare amicizia, per riuscire a dire – dopo sei anni – “mi mancherete”.

L'articolo è stato pubblicato su The Front Page.

sfoglia
aprile        giugno