.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

1 luglio 2009

ODE A LEONIDA / 2


24 giugno

Leon caro, caro Tato,
non mi son dimenticato;
è il tuo quarto complemese ;
ti saluta anche il marchese.
Lo zione ha lavorato;
forse ancora è un po' sudato.
Oggigiorno la questione
causa un po' preoccupazione:
son finiti i tempi belli
( io non parlo più di quelli );
dobbiam tutti lavorare
per trovare da mangiare.
Una volta era una storia
ben più degna di memoria
ma bisogna anche pensare
che di più non si puo' fare.
E pertanto ti saluto,
scappo come son venuto.
Tanti auguri dallo zio
che poi sarei io;
tanti auguri o mio fringuello
tu rimani buono e bello.

Zio Vicone


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. leonida vico orione

permalink | inviato da orione il 1/7/2009 alle 17:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

25 marzo 2009

LEONIDA!!! / 2


Ieri era il suo primo Complemese e l'ha festeggiato superando i 5 chili, tra poppate colossali, "ruttini" da osteria e scorreggie epocali (Vanessa si ostinava a credere che fossi io a tuonare, poi l'ha sentito e ha fatto la faccia a punto interrogativo / esclamativo).


Thor (11 chili) e Rebecca sembrano aver metabolizzato il nuovo acquisto e ogni tanto, con studiata parsimonia, si arrischiano ad annusare / zampettare il cucciolo umano di casa.
Quando si dorme però, spesso si dorme tutti insieme (come sopra).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. leonida vanessa orione thor rebecca

permalink | inviato da orione il 25/3/2009 alle 12:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 marzo 2009

IL MIO PRIMO ECOPANNOLINO


Ieri Vanessa ed io abbiamo imparato a usare i Prefold, i pannolini lavabili grazie ai quali abbiamo rottamato i Pampers.
Sull'argomento aleggiava un certo qual terrorismo, alimentato da leggende metropolitane e allarmi di amici autorevoli (pure il parafarmacista Flynt è intervenuto), sull'ingestibilità dei pannolini non usa e getta in particolare nei primi mesi.
Mica vero.

I Prefold sono comodissimi, anzitutto per Leonida, e piuttosto semplici da usare. Intanto il pargolo non si graffia più le gambe con gli arpioni anticacca dei Pampers, poi il tessuto è molto più morbido e - una volta imparata la piega giusta - l'installazione è molto rapida.
Certo, noi li abbiamo comprati online e nel pacco non c'erano neanche le istruzioni, ma basta farsi un giro su YouTube per trovare un gran numero di videocorsi per bambini di ogni età e taglia. Come al solito se ci si sbatte un po' la strada giusta alla fine si trova.

Adesso Leonida dorme qua di fianco a me, sul lettone. Stiamo ascoltando i Kjarkas - un gruppo di musica popolare boliviana - mentre io lavoro al mio mac. Ogni tanto tuona e il suo babbo sa che dovrà cambiarlo un po' più spesso - una / due volte in più al giorno - rispetto a quando portava i pannolini usa e getta.
Chissenefrega: se cambiare proprio figlio deve essere una rottura da sbrigare il prima possibile - costi quel che costi - forse il mestiere di babbo non è quello giusto.

Nella foto il babbo Orione e il bimbo Leonida, insieme nel lettone.

4 marzo 2009

LA MIA TRIBÙ


Vanessa sta dormendo di fianco a me, abbracciata a Leonida che scorreggia come un cannoniere.

Rebecca mi unisce a loro - sdraiata di schiena, appoggiata al mio piede e alla schiena di Leo - e ronfa della grossa pure lei.
Thor, l'incompreso in primo piano, naturalmente è in giro a far dei danni.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. leonida rebecca vanessa thor orione

permalink | inviato da orione il 4/3/2009 alle 23:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

31 ottobre 2008

HAPPY HALLOWEEN


Da
Vanessa, Thor, Rebecca, 4 millimetri.
E da me (anche se non sono stato disegnato).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rebecca vanessa thor halloween orione 4mm

permalink | inviato da orione il 31/10/2008 alle 20:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

6 ottobre 2008

REGRESSIONE DELLA SPECIE

 
Anche ieri sera ho guardato la tivù.
Ultimamente ho ripreso ad accenderla, per friggermi un po' il cervello dopo troppe ore passate sul mac a scrivere / navigare / cazzeggiare - dico io. Come faccio tutte le volte che vince le elezioni l'Avanzo di Balera - secondo Vanessa. Il fatto che mi soffermi sempre sui vari Santoro / Floris / Lerner / Mentana mi fa venire il sospetto che abbia ragione lei.

Ieri pomeriggio, al bar di Corso Farini (qui a Russi) sfogliavo la Stampa, quando ho visto uno speciale sulla decadenza della TV. Ascolti, qualità, investimenti pubblicitari: tutto in picchiata verticale, inesorabile.
L'articolo centrale diceva che finalmente l'adagio popolare "in tivù non c'è mai niente da vedere" ha trovato conferma nei dati di ascolto e nel parere di massmediologi e esperti vari (tra cui Enzo Bettiza - mitico - che diceva che l'unica cosa che riesce a guardare sono gli spot).

Forse per questo la sera ho acceso il vecchio Grundig (ereditato dalla nonna Venusta), con l'intenzione di vedere il programma di Fazio su Raitre - l'unica cosa guardabile per la guida tv - a cui danno con insistenza dell'intelligente. Boh.
Vedere Tronchetti Provera paladino dei consumatori contro gli speculatori - interrotto da scrosci di applausi - è stato già di per sé allucinante, la Littizzetto però forse è riuscita a fare peggio.

Dopo aver sruffianato senza vergogna il capo di Telecom, l'ex cabarettista ora testimonial di Tre - i peggiori cialtroni telefonici in circolazione a parere di chi le ha provate tutte (io) - si è lanciata in uno sproloquio contro "quei pirla che ogni estate invece di andare a Punta Ala si ostinano a scegliere posti rischiosi e quando vengono salvati non chiedono neanche scusa".
E quale sarebbe un paese non a rischio? L'Italia magari?

"Se due turisti vengono a Roma in bicicletta e si vanno ad accampare in un posto abbandonato da Dio e dagli uomini dopo aver chiesto consiglio su dove mettere la tenda a un branco di pastori immigrati, ebbene è difficile garantire loro la sicurezza: la loro è stata una grave imprudenza"
Per questa intervista il povero Alemanno neanche due mesi fa è stato crocifisso. Certo, lui è il sindaco di Roma "law and order" e lei la modella gracchiante della Tre, ciò non toglie che la gente - gli spettatori - è sempre la stessa. Che s'indigna contro il sindaco-balilla e sghignazza con la Littizzetto.

Fortuna che - se ha ragione la Stampa -  tra un po' finiscono le trasmissioni, del tutto.
Lo spot per tecnodementi di Tre / Littizzetto è stato preso in prestito qui.

5 giugno 2008

ANCHE GLI AYURVEDICI PIANGONO


Un mese fa ho letto questo sulla Pravda.
Temo che il medico ayurvedico protagonista della disavventura giudiziaria dell'articolo sia lo stesso G.S. che qualche mese fa, dopo il nostro primo consulto, è sparito. Erano i primi giorni da incubo (tra crisi d'asma e di ansia) della terapia, con la moglie (titolare dell'erboristeria ayurvedica che ha il monopolio delle medicine che prescrive il marito) che diceva di non portarmi all'ospedale e di continuare a chiamarlo.

Dopo che il marito quando è ricomparso ha detto il contrario (dovevi portarlo in ospedale), dopo che per tutto il week-end non ha risposto al telefono (avevo altro da fare) e dopo che ha scoperto che erano marito e moglie, ma si davano del lei in pubblico, Vanessa l'ha mandato a spendere.

Se è lui ora è sotto processo per omicidio colposo. Un bambino di sei anni ha interrotto la terapia tradizionale contro la fibrosi cistica, l'ha sostituita del tutto con le (a me ben note) pasticche (integratori, sali minerali, erbe) e c'è rimasto secco.

Io ho cambiato medico ayurvedico (il dottor Lisciani è un siciliano scapigliatissimo, bravo e disponibile) e ne ho preso uno tradizionale (dott. Avati, per par condicio) ma di polso, che mi ha bastonato di cortisone, antibiotici, antistaminici.
Adesso però non scrivo che sto meglio: l'ultima volta ha portato una discreta sfiga.

L'immagine l'ho presa qui.
Che cazzo è 'sta ayurveda? Qui.

11 marzo 2008

FROM RUSSI WITH LOVE



Oggi sono rimasto a casa a lavorare.
Dovevo scrivere trecento strategie di comunicazione diverse, tutte oggi, tutte per clienti miei/nostri: sto tirando di lungo da quasi dieci ore. Al piano di sotto, nel nostro nuovo studio, Vanessa disegna e fa la grafica di svariati lavori (alcuni li stiamo facendo insieme), intanto trangugia enormi cappuccini.

Thor e Rebecca (i gatti che vivono con noi) sono al settimo cielo, tutti questi metri quadrati da annusare, correre e pisciare non li avevano mai avuti tra le zampe. Ieri sera quando sono arrivato da Bologna, verso le 9mezza, il furbastro era riuscito a rimanere fuori  casa, non si sa come. Sentivo un miagolìo straziante e speravo fosse un altro micio che corteggiava Rebecca. Macché era Thor il tonto che, oltre a non trombare, fa l'esploratore poi si caga sotto: quando l'abbiamo fatto entrare si è precipitato sul letto, esausto, e non si è più mosso.

Vanessa ed io viviamo ancora tra i cartoni (che sono molto diminuiti però) e ci vestiamo come capita (almeno io). Oggi lei ha trovato le mie vecchie All Star rosse, che mi sono messo per andare in giro per il centro a scoprire che i macellai (tutti) sono chiusi il martedì-mercoledì-giovedì pomeriggio. NIente castrato stasera, vacca boia.
Ho già individuato il matto del paese e alcune cartoline non indifferenti, tra cui il pizzaiolo mesto (ma bravo) di Imola dietro casa, che abbiamo già ufficialmente adottato.

Ci stiamo ambientando, nella nostra Twin Peaks di Romagna si sta bene e c'è sempre un gran bel cielo. Domani però riparto alla volta di Bologna (prima), di Frosinone e Roma (giovedì-venerdì).
Le Lance Libere (nell'immagine il logo) sono in gran sfrombolo, non c'è che dire.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rebecca russi vanessa thor orione lance libere

permalink | inviato da orione il 11/3/2008 alle 19:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

23 ottobre 2007

TENGO FAMIGLIA AYURVEDICA

Quando lo sciamano di via Boldrini alla fine ha richiamato, lunedì mattina, ha avuto la sfiga di imbattersi in Vanessa.
"Sono passate le 48 ore e non è più un suo problema. Può
tranquillamente cancellare l'appuntamento del 2 novembre... ognuno va per la sua strada. Lei con i suoi clienti, noi con la nostra dieta ayurvedica che non abbiamo nessuna intenzione di smettere...".
Sabato aveva tentato di chiamarlo più volte, io stavo male, ma lui "aveva altri impegni".

Sabato pomeriggio, dal fornaio di via Riva Reno che tiene prodotti compatibili (a base di farro, farina d'avena, ecc.), Vanessa si era imbattuta nella commessa dell'erboristeria ayurvedica di via Galliera (300 bigliettoni di spesa e pasticche), dove la titolare ci aveva consigliato il medico di via Boldrini. Alla fine la bottegaia l'ha salutata con familiarità
"Ciao, salutami papà... come va lo studio? E la mamma... come va l'erboristeria?

Tra loro si chiamano dottore e dottoressa e fanno finta di niente (la figlia poi è una dissimulatrice straordinaria), con impersonale professionalità. Forse sospettano che "vai da mio marito, che con 110 bigliettoni ogni tre settimane fa meraviglie" suoni peggio di "le consiglio il dottor Sartori, questo è il suo biglietto".

DIsgraziatamente Bologna è piccola e i 500 bigliettoni spesi allo studio di papà e in bottega da mamma si pensava fossero
sufficienti per una telefonata. Specie quando si lascia in segreteria
"dottore, Orione ha gravi problemi respiratori e abbiamo già rischiato due volte di andare al pronto soccorso, la prego di richiamarmi appena possibile".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vanessa orione ayurveda famiglia

permalink | inviato da orione il 23/10/2007 alle 23:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 ottobre 2007

V-YEAR / 2

Mancano 71 giorni alla fine del 2007, era ora. Non che gli auspici per il 2008 siano entusiasmanti, almeno per adesso, ma peggio di così non può andare.

Questo sabato sera è l'esempio perfetto. Dopo il secondo giorno di dieta ayurvedica (niente alcol, pasta, pomodoro, pizza, pesce, poca carne, un sacco di pasticche misteriose) contro l'asma, inspiegabilmente riconparsa dopo 25 anni a seguito della puntura di un'ape a cui non sono mai stato allergico, sono letteralmente disperato. Ho avuto fitte in tutto il corpo, l'asma è peggiorata e si porta con sé attacchi d'ansia da mandarmi fuori di testa, in mezzo alla fronte mi sembra di avere uno spiedo che gira lentamente. Tra l'altro il medico, che ci ha già scucito 220 bigliettoni per due visite di un'ora, ha il cellulare spento da stamattina.
"All'inizio sarà dura"
non significa
"Guarda che i primi giorni avrai attacchi d'asma dalla mattina alla notte".
Ma tant'è.

Comunque c'è chi sta peggio. Vanessa ha cominciato la dieta con me, ma non ha neanche il tempo di mettere sù l'acqua per le sue tisane, tanto le rompo i coglioni. Se non ci fosse lei sarei già andato a strozzare lo sciamano di Via Boldrini e avrei festeggiato l'evento con 5 Big Mac e 8 birre.

Piesse
A scrivere sto bene, qualcosa vorrà pur dire.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. orione ayurveda vanessa

permalink | inviato da orione il 20/10/2007 alle 20:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto