.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

4 ottobre 2010

OPPOSIZIONE DE CHE?

“Il popolo viola organizza il No B Day 2, Micromega un’altra manifestazione, il Movimento a 5 stelle fa la sua Woodstock a Cesena: tre eventi a distanza di pochi giorni. Sono in molti che vorrebbero partecipare a tutte e tre le manifestazioni perché molte sono le cose in comune. Saranno molte anche le differenze, ma quelle non spaventano nessuno ed è giusto che ci siano… Per salvare il paese ora serve unirsi e fare pulizia”. Queste parole, tratte dalla pagina web del No B Day 2 e riprese dall’Unità, rappresentano bene lo spirito dei tempi.

Non c’è solo Fini all’opposizione, quindi, ma un sacco di altra gente un po’ sparpagliata. Il nuovo appuntamento con il popolo viola, quelli dell’opposizione dura e pura a Berlusconi, ha deciso di chiamarsi No B Day 2, come il seguito di un videogioco e, come tutti i sequel in tono minore, è stato accompagnato da polemiche, fraintendimenti e beghe interne inerenti la leadership (e che sennò?), il rapporto coi partiti, i quattrini.

“Vorrei riflettere a voce alta sul fatto che ogni qual volta s’incontrano centinaia di migliaia di persone?vanno in fumo decine di migliaia di euro, mentre c’è tanta gente in giro e sono sempre di più? coloro che non riescono ad arrivare a fine mese”. Domenico non è un provocatore infiltrato, assicura la sua partecipazione empatica, ma si mette a fare i conti in tasca ai professionisti della gita anti-premier. Chissà che anche qualcun altro non si metta a fare i conti politici in tasca ai professionisti dell’antiberlusconismo militante e ai partiti che ci hanno sguazzato. A che pro si va in gita contro Berlusconi, la sfiga e la nebbia, ogni autunno che gli dei mandano in terra?

Di certo è contento Di Pietro, che ha pure festeggiato gli anni in piazza e, a regola, anche Vendola, a cui l’ennesimo tentennamento borbottante del Pd ha concesso una passerella in solitaria in rappresentanza della sinistra tutta, piuttosto utile per le prossime primarie. E magari qualche malato di berlusconite avrà trovato nel No B Day 2 un balsamo momentaneo all’insopportabile rabbia che gli riempie la pancia tutte le volte che lo vede comparire alla tv da un numero sconcertante di anni. Poi, però, torna sempre il lunedì.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

11 aprile 2009

KILL B.


Tre anni fa collaboravo con un'agenzia di Bologna, che aveva mi commissionato la creazione di un videogioco per la campagna elettorale di UIivo e Ds (nella foto la pubblicità sull'Unità).
Poi
vinse Prodi (col voto determinante dei giovani), D'Alema divenne il suo vice e Bertinotti presidente della Camera. Diliberto, Giordano, Mastella, Di Pietro e Pecoraro Scanio già preparavano il manicomio.

Sembrano passati tre secoli e buona parte di questi cognomi già appartiene alle specie estinte, ma spegnere l'Avanzo di Balera giocando a "Kill B." da sempre una gran soddisfazione.

Per giocare clicca qui.

sfoglia
settembre        novembre