.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

8 ottobre 2009

BUON PRO(ZAC) VI FACCIA!

"We must govern for five years with or without law"

Così l'Avanzo di Balera sul sito del New York Times. Spaghetti western senza più sfumature, le news dall'Italia.
Con Le Monde, il Time e tutte le altre vacche sacre e meno sacre del giornalismo mondiale che dicevano tutte la stessa cosa, anche in questo caso senza troppe sfumature:

"e mo' so' cazzi tui..."


Alle 18 e 56 di ieri un amico, noto per l'understatement, mi ha mandato un sms
"Godo Alfanooo!!!"
Stasera sono a Bologna e ne ho approfittato per chiedergli se veniva a cena con noialtri banditi.
Mi ha risposto all'istante

"Alla grande. Porto anche le manette, che se incontriamo il papi lo arrestiamo... Ora vado a farmi una sega davanti a Minzolini"

Domani ho paura. Buona parte delle persone che conosco sarà in preda a una frenesia irrazionale inarrestabile. Il Lodo Alfano è stato vissuto come l'ultimo e decisivo schiaffo a tutto quello in cui credevano, in compagnia di un buon numero di italiani - legalità, onestà, rispetto delle istituzioni, decoro, dignità, senso dello stato - assestato dall'Avanzo di Balera e dalla sua compagnia di ventura.
Coll'opposizione messa così poi - e mobbizzata selvaggiamente dai media, anche e soprattutto da quelli "amici" - la crisi, i licenziamenti e tutto

Invece. Cazzo e cazzotti per anni, il 25 aprile da star poi... Bum.

Dall'annuncio del divorzio in poi l
'Avanzo di Balera è in caduta libera e la Legge di Murphy è contro di lui: "tutto va male contemporaneamente". I segnali più impercettibili - La Malfa che se va dal Pdl - sono le spie di questa lenta ed inesorabile erosione.
Oggi lo schiaffone della Corte Costituzionale, oltre a ridare fiducia e speranza nelle istituzioni repubblicane assesta un poderoso calcio nei coglioni all'omaccio e una botta di adrenalina a mezza Italia.

L'odio contro l'Avanzo di Balera da tempo ha a che fare con la psicanalisi, più che con la politica. Spero che la sentenza di ieri sera sia un buon Prozac (o Tavor, a seconda).
Domattina la sveglia suona di nuovo...

5 febbraio 2008

BOIA CHI VOTA


Boia chi vota chi mente

Marini ha fallito (com'era ovvio) e l'Italia sia avvia verso le elezioni anticipate con il sistema elettorale che ben conosciamo. Poi si faranno gli accordi dice l'Avanzo di Balera. Dopo essere passato all'incasso in compagnia del balilla (ma non era un referendario di ferro?) e di tutti gli allegri cloni di Ruini che si apprestano ad ammorbarci di nuovo.

Il referendum, indetto per il 18 maggio, slitterebbe di un anno in caso di elezioni anticipate.
Belle facce da cazzo: l'unica cosa certa che gli italiani hanno chiesto di votare slitta di un anno, nonostante il parere positivo della Corte Costituzionale, che ha ammesso i referendum, sia arrivato poco prima delle mastelliadi (strano eh?) e della conseguente caduta del governo.
Poi si lamentano dell'antipolitica.

Boia chi vota Hollywood
Ma stasera si vota negli USA, in 22 stati, per decidere i candidati alle presidenziali di novembre. McCain sembra già il repubblicano designato, tra Hillary e Obama si profila invece una guerra all'ultimo delegato. Stanotte sapremo il verdetto.

I sondaggi (spesso contraddittori) danno Obama in forte rimonta e Hillary a rischio in California e (addirittura) in Massachussets, New Jersey e New York (!). All'appuntamento dei vipps con l'endorsement pro-Obama mancano solo Paperoga e l'orso Onofrio (quello che rubava la torta a Nonna Papera, che si è espressa in favore di Obama ieri pomeriggio, dopo la moglie di Schwarzenegger e prima di De Niro).
 
Gli ultimi sondaggi, stato per stato: qui:

Domani
parto per il Marocco. Per una settimana circa mi sa che non potrò aggiornare il blog, me ne scuso in anticipo.

sfoglia
settembre        novembre