.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

15 giugno 2011

NON SONO UNA SIGNORA


“E neanche una blogger lesbica e sostenitrice della rivoluzione araba. Mi chiamo Tom Mac Master e vengo dalla Georgia.” Potrebbe cominciare così l’autobiografia di sicuro successo dell’uomo che ha finto per quattro mesi di essere Amina, icona dell’illuminismo arabo in Siria per tutti i fessacchiotti che ci sono cascati, ed è stato capace di inventarsi una vita talmente interessante e paradigmatica da catalizzare l’attenzione dei media di tutto il mondo e di una cerchia di persone che si sono considerate sue ammiratrici, sostenitrici, amiche, una addirittura la sua fidanzata.

Alla fine il buon Tom, in vacanza in Turchia con la moglie, si è sentito in dovere di dire la verità e di scusarsi proprio con loro, gli amici e le amiche di Amina, che l’hanno fatto sentire una sorta di ladro d’affetto. Per darsi un contegno l’ha anche buttata in politica.

“Non mi aspettavo un livello di attenzione del genere – scrive -. Mentre il personaggio era di fantasia, i fatti raccontati su questo blog sono veri e non fuorvianti rispetto alla situazione sul campo. Io credo di non aver danneggiato nessuno. Gli eventi vengono plasmati dalle persone che li vivono su base quotidiana. Ho solo cercato di gettare luce su di essi per un pubblico occidentale. Questa esperienza ha tristemente confermato il mio modo di sentire riguardo alla copertura spesso superficiale del Medio Oriente e la presenza pervasiva di forme di Orientalismo liberale. In ogni caso sono rimasto profondamente toccato dalle reazioni dei lettori”.

In realtà il cerchio intorno alla finta Amina si stava già chiudendo e la situazione è precipitata dopo le finte foto (segnalate dalla proprietaria della faccia, inglese) e con la traccia lasciata su un forum, il classico passo falso: l’indirizzo di una casa a Stone Mountain, in Georgia. Da anni il proprietario risultava essere Thomas MacMaster (che ci aveva pure invitato gli amici al barbecue su Facebook). Non è un bel periodo per chi gioca al Luther Blissett o comunque bisogna essere ancora più bravi di Tom e signora per reggere più di quattro mesi, nel sontuoso lusso di prendere per il naso tutti i New York Times del pianeta.

Nel suo articolo sul blog del Corriere, Viviana Mazza punta i fari sull’apparente contraddizione fra la sentenza fotografica di Peter Steiner (sopra), “Su Internet nessuno sa che sei un cane”, e la teorizzata fine dell’anonimato in Rete: “Su Internet tutti sanno che sei un cane”. Secondo la sociologa Zeynep Tufekci, nell’epoca di Facobook&co non si scappa più e in un modo o nell’altra la traccia di una grigliata alla fine salta fuori. La vicenda dei coniugi MacMaster è un buon argomento per l’una e per l’altra tesi: li hanno beccati, è vero, ma per tre mesi hanno preso per il culo il mondo intero.

L'articolo (con foto) è stato pubblicato su The FrontPage.

13 aprile 2011

TOKYODRAMA


“«Peppe, sei uno degli ultimi degli italiani rimasti a Tokyo. Ti prego, scappa». Sarebbe iniziata così la telefonata ricevuta martedì mattina da Giuseppe Erricchiello, in arte Peppe, pizzaiolo nato 26 anni fa ad Afragola, vicino a Napoli, e residente a Tokyo da cinque anni. Una telefonata fatta dall’ambasciata italiana nella città giapponese, secondo quanto riferisce lo stesso pizzaiolo, ma smentita dalle fonti consolari italiane di Tokyo tramite funzionari del ministero degli Esteri a Roma. Peppe è uno dei molti che hanno fatto grande l’Italia all’estero. La sua storia fa comprendere il valore, il coraggio, la dolcezza e la semplicità di questo ragazzo dal naso partenopeo. Peppe non padroneggia un italiano perfetto e l’inflessione dialettale è predominante, ma ciò che dice e racconta arriva sempre dritto al cuore”.

Tocca
ad Alessia Cerantola e Scilla Alessi su un blog della BBC l’onere di giustiziare, con dovizia di particolari scabrosi quasi quanto “Peppe, l’ultimo italiano a Tokyo” (comparso sul Corriere online e praticamente riscritto dopo poche ore di mail e messaggi di protesta), l’operato dei giornali italiani sul disastro giapponese. L’articolo su Peppe (con tanto di foto con sorriso e impasto in bella vista) è uno dei tre esempi fornite dalle due giornaliste di informazione catastrofista e dilettantesca, insieme alla galleria di foto sul Saitama (lo stadio-rifugio dei contaminati) e a “Tokyo capitale dell’agonia. ‘Qui non vivremo più’”, entrambi pubblicati da Repubblica.it.


“La gente si raduna a pregare e a bruciare incenso. I cibi confezionati, purché prodotti prima dell’11 marzo, sono introvabili e il loro prezzo è salito di sette volte. Invenduti i generi freschi. Migliaia di taxi sostano in attesa di clienti già lontani, mentre le stazioni dei treni scoppiano di viaggiatori carichi di scatole e valigie. Molti distributori di carburante sono chiusi e quelli aperti non vendono più di dieci litri di benzina a testa, da portarsi via in una tanica.” Come 28 giorni dopo, ma a distanza di sicurezza. Forse il pathos narrativo delle grandi testate italiane è stata una scelta di mestiere obbligata, visto che gli unici corrispondenti fissi da Tokyo scampati ai tagli di bilancio e al rinnovato interesse per la Cina sono rimasti quelli di Sky Tg24, del Manifesto e dell’Ansa.

O forse è più semplice raccontarla a cazzo di cane, come a Hollywood, così la gente capisce, si caga sotto e magari si vendono più copie. Invece secondo Mikihito Tanaka, Associate Professor at the Journalism School of Waseda University and research manager at the Science Media Center in Tokyo, la globalizzazione e la rivoluzione tecnologica stanno creando un pubblico di lettori professionisti dello scetticismo facile, specie quando il sensazionalismo cialtrone egemonizza il tono e i contenuti di grandi giornali, araldi a giorni alterni della libertà d’informazione made in Italy (minacciata dall’impero del male del premier).

E così quasi nessuno ha trovato un po’ di spazio per raccontare, senza stereotipi da rotocalco, la realtà di un popolo fiero e capace di autorganizzarsi al punto da creare reti civiche per monitorare le radiazioni nell’acqua, nei cibi e nell’ambiente, diventando così fonte diretta d’informazioni vitali per i media e soprattutto per i propri concittadini. Non stupisce, ma in qualche misura conforta, che la sostanziale correzione di rotta di una settimana di svacco hollywoodiano delle portaerei mediatiche nostrane sia arrivata grazie alle mail di protesta e al lavoro (in gran parte non pagato) di blogger, siti e social network. Che li hanno messi alla berlina senza pietà.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage (da cui è tratta anche l'immagine).

17 marzo 2011

DACCI OGGI LA NOSTRA APOCALISSE QUOTIDIANA


“Il Kojiki riporta un antico racconto che è chiaramente un esempio dell’occorrenza del tema della scomparsa del Sole. In seguito ad una discussione con il suo indisciplinato fratello, il dio della tempesta Susanoo, questi distrusse gli argini delle risaie piantate da Amaterasu e ne ostruì i fossati. Amaterasu ne fu così imbarazzata da ritirarsi nella caverna Ama-no-Iwato, precipitando il mondo nell’oscurità. Le altre divinità la pregarono di uscire fuori, ma senza successo. Quindi la dea Ama-no-Uzume ebbe un’idea: appese uno specchio ad un albero vicino ed organizzò una festa, esibendosi in una danza erotica di fronte alla caverna. Fece ridere talmente tanto gli altri dei da incuriosire Amaterasu e spingerla a sbirciare fuori. Vedere il proprio riflesso nello specchio la stupì talmente che gli altri dei riuscirono a tirarla fuori dalla caverna e a convincerla a ritornare in cielo.”

Uno dei racconti più antichi raccolti nel Kojiki (‘Memorie degli eventi antichi’), già utilizzato da Graham Hancock nel suo studio comparato sul mito del diluvio universale (presente in religioni e leggende di tutto il mondo), testimonia il carattere ciclico delle apocalissi nella terra del sol levante e, di converso, il carattere del suo popolo. Gente che non si arrende mai, che ha salvato la pelle grazie al tempismo disciplinato con cui ha calzato il caschetto e al libretto d’istruzioni anti-sisma del governo che ha letto per davvero, ed è sempre in grado di risorgere, come il sole dopo il temporaneo spadroneggiare del dio degli tsunami.

“Giappone, rischio Apocalisse”. Corriere.it si limita a citare il commissario Ue per l’energia Guenther Oettinger che ha definito “un’apocalisse” la situazione della centrale di Fukushima, dopo aver confidato ai cronisti che, a suo parere, le autorità giapponesi hanno perso il controllo della situazione. Un po’ come dare del pazzo a chi ha una crisi di panico e magari stupirsi se non migliora. Che abbia ragione o meno Oettinger farebbe bene a cambiare mestiere o a prendere silenziosamente esempio dall’opposizione politica giapponese, che si è detta pronta ad avallare il piano del governo senza battere ciglio, e/o dai colossi industriali dell’elettronica nipponica, che stanno rinunciando a ore di produzione per non assorbire l’energia che scarseggia e che serve di più in ospedale.

Monatti del business e untori del panico, intanto, si stanno scatenando in Rete e sui social network. Nelle periferie della Rete cominciano a spuntare le prime creatività numerologiche, mentre gli spammer bombardano di e-mail che pubblicizzano pillole allo iodio contro le radiazioni (che hanno soppiantato momentaneamente Viagra e Cialis) e presunti esperti, mitomani e sciacalli dichiarati annunciano piogge tossiche, malattie infettive, nuovi disastri in arrivo. Tutto ciò non riesce a far smuovere di un centimetro dal proprio decoro il segretario del governo giapponese, Yukio Edano: “Burle che vanno solo ad alimentare il senso di insicurezza collettivo”.

Nel Giappone ipertecnologico del 2011, terza potenza del mondo e storico esportatore di Goldrake e Mazinga, Twitter è diventato un vero e proprio salvavita. Dopo lo schianto delle reti di comunicazione è balzato a 1200 twit al minuto, solo da Tokyo, mentre in migliaia hanno preso d’assalto japan.person-finder.appspot.com, il motore di ricerca di Google per rintracciare le persone scomparse. Gli attimi più spaventosi di migliaia di vite – sovente gli ultimi – sono conservati tra le pagine di blog e social network. Intanto Amaterasu, ricacciata nella caverna dalle bizze del fratello-tempesta, aspetta pazientemente la danza gioiosa dell’ennesima resurrezione per riprendere il proprio posto in cielo.

L'immagine di Amaterasu l'ho presa qui.
L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

10 marzo 2011

ORA E SEMPRE APOCALISSE

“Dall’associazione nulla trapela sul loro stile di vita, né sui loro obiettivi, si sa solo che la «Quinta Essencia» punta a «preservare l’equilibrio ecologico». Le poche notizie sulla «colonia dell’apocalisse» trapelano sulla stampa locale attraverso gli abitanti del luogo, un migliaio in tutto, che hanno prestato la mano d’opera alla costruzione della «cittadella blindata». Quel che si sa è che si tratta di 38 nuclei familiari, che hanno eretto altrettante ville, dotate di fortificazioni, porte e finestre a prova di esplosivi, rifugi sotterranei e collegate tra loro da una rete di tunnel. Il complesso forma una specie di fortezza chiamata, come quelle degli antichi Maya, «La de los Aguilas», appunto, un rifugio delle aquile, per resistere all’apocalisse imminente.”

Le news di Corriere.it, come tante altre testate, assomigliano sempre di più a soggetti cinematografici. Sia nelle catastrofi umane e naturali che nelle bizzarre vie che l’estro creativo suggerisce a un gruppo di vips (vista l’entità dell’investimento si presume che si tratti di gente danarosa) che ha deciso di portare alle estreme conseguenze lo spirito, crepuscolare, dei tempi. Il frullatore mediatico di verità e flash mob, grazie alla Rete ci restituisce in tempo reale una realtà continuamente deformata da specchi distorti e interpretazioni diverse e insinua il germe del relativismo, da tempo oggetto di bolle papali e scomuniche intellettuali bipartisan.

La Rete in sé è uno strumento totale. La realizzazione della profezia di McLuhan – “il mezzo è il messaggio” – ha cambiato il mondo e, presumibilmente, impresso uno scatto d’evoluzione alla specie umana ma, contrariamente a chi l’immagina come una sorta di ideologia evangelizzatrice, tecno-buonista, contiene tutto e il suo contrario. Al Twitter strumento-simbolo della Rivoluzione Verde in Iran si contrappone il Facebook in Sudan, sfruttato dagli uomini del regime che hanno aperto un falso account per convocare una manifestazione-esca che ha fruttato un buon numero di arresti.

Ed anche in fatto di Apocalisse regna il relativismo più assoluto. Secondo Harold Camping, classe 1921 e presidente della Family Stations – network religioso californiano con circa 150 stazioni radio e tv sparse per tutti gli Stati Uniti – è possibile leggere la Bibbia come un calendario che permette di calcolare il giorno del giudizio universale. L’ingegner Camping, che studia la Bibbia da cinquant’anni, sostiene che il Giorno del giudizio comincia il 21 maggio 2011, tra poco più di due mesi, e finisce il 21 ottobre 2011, con il fuoco. Un anno e due mesi prima dell’ultimo giorno del calendario Maya per un evento fatto di t-shirt “21 maggio 2011” e macchine decorate con “Il ritorno di Cristo: 21 maggio 2011”. Per i suoi seguaci ci sono i segni evidenti dell’appropinquarsi della fine dei tempi, come ad esempio la misteriosa moria di corvi e pesci che ha colpito l’Arkansas e altre zone del mondo alla fine del 2010.

Se si dà un’occhiata al curriculum dell’ingegnere, che aveva già pronosticato il game over per il 6 settembre 1994, è facile liquidare il tutto con un’alzata di spalle. Rimane il fatto che sempre più spesso spunta sul web una qualche Apocalisse più o meno suggestiva, come proposta di exit strategy esistenziale o per un soggiorno mistico ed esclusivo. C’è da chiedersi cosa succederebbe se tanta gente cominciasse a crederci.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

23 febbraio 2011

TECNOBRIGATE


“Alcuni sono insegnanti, impiegati, studenti, ingegneri, dottori (per darti un’idea). Quindi, penso che non siamo stati capiti. Noi non siamo reietti della società. Noi siamo te e tu sei noi. Siamo uniti, uniti per i nostri scopi comuni, ma non so… se siamo le nuove Nazioni Unite. Ma mi piace come suona, e sono certo che a molti piacerebbe questo titolo. Ma non siamo…”. 
È il Corriere che s’incarica di offrire una strepitosa tribuna a “uno degli attivisti internet” di Anonymous, il gruppo diventato celebre per gli attacchi ai siti di Visa, Mastercard e PayPal in difesa di WikiLeaks e, recentemente, a quello del governo italiano ritenuto “una minaccia alla libera espressione”.

“Anonymous combatte per la libertà. Vediamo l’oppressione dei popoli come un attacco contro i diritti umani e la loro libertà. Perciò combattiamo per tutti loro. Non importa se si tratta di Wikileaks, l’Egitto, l’Iran, l’Algeria, eccetera. Siamo qui per difendere i diritti umani e la libertà di parola in tutto il mondo. Perché Anonymous non ha radici solo in un Paese, ma veniamo da tutto il mondo e combattiamo per una causa comune.” Qualunque nodo della rete può proporre un obiettivo al resto del gruppo, disseminato ai quattro angoli del pianeta. Se la causa viene adottata tutti gli attivisti, come l’intervistato @Anony_Ops, si muoveranno insieme per colpire il bersaglio, indipendentemente dalle opinioni “perché lavoriamo per il popolo.”

Dopo OpItaly, l’anonimo attivista di Anonymous ha recensito OpIran. “Vogliamo mostrare agli iraniani che la gente all’estero si preoccupa per loro e condivide i loro sentimenti. Attaccando i siti del governo iraniano, stiamo protestando al fianco dei nostri fratelli e sorelle iraniani.” E quando Viviana Mazzi, che ha realizzato l’intervista sul Corriere via Twitter, gli ha chiesto se la Rete non gli va un po’ stretta risponde che “sì, personalmente sento che quello che sto facendo non è abbastanza e che devo scendere in strada con altre persone per mettere in atto una vera protesta, ma penso che non sia molto pratico andare ovunque queste proteste stiano avvenendo.”

Anno di grazia 2011 (meno di ventidue mesi all’apocalisse Maya): un pugno di anarchici smanettoni tiene in scacco a mesi alterni le cancellerie del media-mainstream internazionale (che anzi li vezzeggiano come vere rock star), seminando il panico fra legioni di dignitari con la piuma sul cappello. Intanto la polveriera del Medio Oriente sta saltando per aria davvero e il Maghreb è in fiamme al grido di “libertà” e nel vuoto politico, tra il muto terrore dell’Occidente. Orde di disperati si apprestano a varcare i sacri bastioni di Lepanto come l’incubo realizzato di ogni Borghezio d’Europa, a sentire gli apocalittici sermoni di tutti i Borghezio d’Italia.

A leggere l’intervista all’anonimo attivista internet mi è venuto in mente Per chi suona la campana e le Brigate Internazionali, attivisti di mezzo mondo che misero sul piatto la pelle per salvare la democrazia spagnola dal colpo di Stato fascista del generale Franco. Senza neppure l’aiuto di Facebook.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

30 novembre 2010

È LA RETE, BELLEZZA

“È altissimo il costo delle utopie regressive, quei ghirigori tracciati sull’ordito della storia umana allo scopo di restaurare uno stato edenico, riaprendo le porte del paradiso terrestre per ricondurre il nostro ceppo a prima del morso della mela e a prima della cacciata. Wikileaks, ambigua e affascinante associazione bloggistica che scherza con il fuoco ormai da anni, nella pretesa di tutelare il mondo dall’oscurità di motivazioni e comportamenti dei governi (“we open governments” il loro slogan), è l’ultima incarnazione di questa idea che la politica possa essere comunionale e paciosa, priva di contraddizioni e conflitti, esente dal dovere del segreto e del doppio linguaggio (soprattutto in diplomazia e nei sistemi di difesa e di attacco).”

Il limite del consueto ragionar politico è tutto qui. Come se il fenomeno WikiLeaks condividesse anche solo una frazione delle categorie concettuali con cui solitamente s’incasellano movimenti, tendenze e rivoluzioni. Nessuno strumento di decodifica a disposizione, al contrario, è stato in grado di fornire a politici, cattedratici e giornalisti la chiave interpretativa per capire fino in fondo “l’11 settembre della diplomazia”, com’è stato definito il mega-scoop planetario messo a segno dal sito di Julian Assange. Non c’è nessun Afghanistan da invadere/liberare, nessuna guerra santa contro l’Occidente e, soprattutto, nessuna trattativa in corso.

“Ti offro la verità, niente di più”, diceva il Morpheus di Matrix a un Keanu Reeves piuttosto accigliato e così Assange. Forse la percezione che sia stato varcato un punto di non ritorno sta cominciando a serpeggiare e i tradizionali bastioni del potere, che si reggono da sempre sull’asimmetria di verità rispetto alla gente normale, devono aver passato proprio un brutto quarto d’ora. E se lo status continuasse ad assottigliarsi? E se l’asimmetria si finisse per ribaltare?

Ironia della sorte, il colpo di WikiLeaks avviene negli stessi giorni in cui uno dei padri della Rete, Vinton G. Cerf ha annunciato che, di qui a otto mesi, su Internet ci sarà il tutto esaurito (4,3 miliardi di varchi d’accesso raggiunti) e durante il primo suicidio virtuale di star a scopo benefico. Justin Timberlake, Serena Williams, Lady Gaga staccheranno la spina ai propri avatar su Facebook e Twitter e solo le donazioni per i bimbi malati di Aids riusciranno a farli tornare in vita. Ci vuole del coraggio, di questi tempi, a pensare di essere più potenti della Rete o forse è solo la metrica della potenza a essere cambiata e le rock star dei social network e gli hacker rivoltosi contano più di legioni di dignitari, con la piuma sul cappello.

Così nel sondaggio di Corriere.it, nonostante la domanda “La Casa Bianca scrive ad Assange: ‘Le rivelazioni di WikiLeaks mettono in pericolo vite umane. Non pubblicatele’. Sei d’accordo?”, il 45,6% dei lettori riesce a rispondere “no”.

L'articolo è stato pubblicato su The FronPage.

23 novembre 2010

CHI HA PAURA DEL SOCIAL ETICO?


“È guerra tra Lucía Etxebarría, una delle scrittrici spagnole più amate e detestate del suo paese, e Facebook: la più affollata comunità virtuale del mondo l’ha messa alla porta per aver mentito sulla sua identità e, assieme a lei, ha espulso lo spregiudicato protagonista di uno dei suoi ultimi romanzi, Lo verdadero es un momento de lo falso, “Il vero è un momento del falso”, Pumuky Guy Debord, che pure si era attivato un profilo sociale tutto suo; e, probabilmente, un po’ troppo piccante.”

Elisabetta Rosaspina sul Corriere.it rivela il dramma di una scrittrice, già perseguitata da un’usurpatrice legale della sua identità su Twitter (“non c’è modo di fermarla, perché l’ortografia del mio cognome all’anagrafe è leggermente diversa da quella che ho scelto per i miei libri”), abbastanza fricchettona da non farsi una copia di articoli, poemi brevi e scatti dell’iPhone con cui ha animato il suo popolarissimo profilo per un anno e mezzo. Facebook ha semplicemente e legalisticamente applicato il regolamento. “Il sistema scandaglia le bacheche dei 200 milioni di utenti a caccia di false generalità, di minori di 13 anni (l’età minima per accedere) o di eccessi (di amicizie o di impudicizia), pronto a bloccare la porta e buttare la chiave”, chiosa gelida la giornalista.

Il risultato paradossale è che, proprio mentre in Italia il ministro Maroni è riuscito a far approvare al Consiglio dei ministri la liberalizzazione delle connessioni wi-fi (sotto il giogo di pastoie burocratiche da Stato etico, senza paragoni nel pianeta, scattate a seguito degli attentati di Londra), mettendo per una volta tutti d’accordo (governo, opposizioni, intellettuali, giovanotti di belle speranze), il simbolo incarnato della nuova era 2.0, Facebook, si mostra ora in tutta la sua rigidità.

Forse gli amministratori del social network si sono rotti delle azioni virali a costo zero che pubblicitari, spin doctors e pr possono proporre ai propri clienti sfruttando gli intrecci relazionali e il volume di traffico attivabili da profili fake (fasulli almeno quanto quello della scrittrice spagnola), o forse hanno già sviluppato l’ortodossia dell’idolatria regolamentare, così diffusa tra cariatidi di Stati e partiti, e se ne fregano delle mail di una scrittrice disperata. La legge è uguale per tutti punto e basta, su Facebook.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

L'immagine l'ho presa qui.

16 novembre 2010

LARGO AI VECCHI


“I giovani residenti in Italia tra i 18 e i 30 anni (nati tra il 1980 – anno della storica rivendicazione dei quadri Fiat – e il 1992) sono 8 milioni 605 mila 654 (fonte Istat). E solo poco più di 728 mila (secondo i dati forniti dalla Cgil, Cisl, Uil e Ugl), per una percentuale inferiore al 10%, sono iscritti a una di queste quattro sigle sindacali.”.

I numeri non lasciano spazio a equivoci: di questo passo, oltre all’Inps, anche il sindacato rischia di chiudere i battenti, al massimo entro due generazioni. Forse per questo, nelle stesse ore in cui sono stati diramati i dati della ricerca che rivela l’impietosa realtà, il nuovo segretario della Cgil, Susanna Camusso, ha esordito mediaticamente rivendicando un’azione virale che ha fatto di nuovo alzare il pollice a Repubblica.

“Giovani disposti a tutto”, anzi, “non +”. A dirlo, con forza, è la Cgil, che oggi in una conferenza stampa “ha svelato il mistero”, presentandosi come autore della campagna che dal 30 ottobre ha suscitato interesse, curiosità e ottenuto oltre 70.000 visite sul sito Internet e quasi 6.000 fan su Facebook. “Non + 2? è anche la parola d’ordine, il motto della manifestazione indetta dal più grande sindacato italiano per il 27 novembre, a Roma.

La campagna è partita, anonima, il 30 ottobre, con affissioni in tutta Italia e banner in Rete, e pubblicizzava una serie di finti annunci di lavoro per giovani vittime della precarietà (tipo “Azienda leader nel largo consumo cerca giovane laureata bella presenza disposta a farsi consumare”). Era un teaser per la manifestazione della Cgil e Repubblica è stata la sua balestra. “Il tema della campagna è stato ripreso dal nostro sito con l’iniziativa “Racconta a Repubblica.it le ‘proposte indecenti’.” Sono arrivate centinaia di testimonianze da cui emerge una realtà sconcertante, di annunci veri molto simili a quelli finti”.

Dopo la manifestazione, il comizio, le telecamere, il tributo degli artisti, il bisticcio sul numero dei partecipanti e tutto ciò che prevede il menu mediatico e circense, si tornerà ai freddi numeri e alla realtà di una generazione che, semplicemente, il sindacato non sa bene cosa sia. Per spiegarlo (e tentare di evitare l’estinzione) bisogna parlare la stessa lingua (sui loro media) tutti i giorni, non soltanto in occasione delle feste comandate.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.
L'immagine è stata presa qui.

18 ottobre 2010

CHI VUOL ESSERE UN LIBERTARIO?

“C’è bisogno di una maggiore attenzione per risolvere questi problemi. La polizia è spesso vista in termini molto semplici, come poliziotti a caccia di ladri per rinchiuderli. Invece questa realtà rappresenta solo una piccola parte del lavoro, ci occupiamo di casi di bambini scomparsi, persone con problemi mentali e abusi sessuali. Spesso questi problemi sono difficili da affrontare e richiedono molto tempo. Non sto dicendo che non dobbiamo occuparci di queste cose, ma che questo lavoro non è riconosciuto”. Per far capire all’opinione pubblica la loro reale mole di lavoro e denunciare i tagli del governo Cameron (che metterebbero i poliziotti ancor più in difficoltà) il capo della polizia di Manchester, Peter Fahy, ha deciso di pubblicare le telefonate dei cittadini su Twitter.

Dall’altra parte dell’Oceano, a Colorado Springs, nel profondo sud americano, di fronte al bilancio comunale dissestato, nell’autunno 2009, la gente ha scelto la via dell’autogestione libertaria. Privatizzazione di tutto ciò che si poteva privatizzare e gestione volontaristica della cosa pubblica, versione radicale (e molto americana) della nostrana sussidiarietà, giunta a contemplare un programma di adozione lampioni (con cento dollari se ne tiene acceso uno tutto l’anno), hanno evitato alla città sia il default finanziario che l’elemosina di fondi federali (fumo negli occhi per la tradizione antistatalista del posto).

“Il budget per la polizia è stato tagliato di quattro milioni di dollari e due elicotteri sono stati venduti su Internet a un rancher dell’Ohio. Per sopperire ai tagli, il Consiglio della città ha lanciato a marzo il programma Cop – “Cab on patrol”, tassisti in pattuglia – che dà incarico ai tassisti di segnalare gli abusi alla polizia via radio.” La storia ha valicato le montagne rocciose e la sinistra liberal non l’ha presa bene (giustizieri della notte, ronde simil leghiste, ecc.), ma il giovane tassista se la ride: “Noi abbiamo sempre fatto questo lavoro, perché siamo sempre in giro per le strade e vediamo molte cose. La differenza è che prima chiamavamo la polizia con il cellulare, ora direttamente via radio. Niente di più”.

Ora, la crisi pare non arrestarsi e la nuova frontiera della speculazione finanziaria sono gli stati-nazione; con i tagli alla spesa pubblica come regola i social network come Twitter, oltre che strumento di protesta/sensibilizzazione, potrebbero diventare preziosi per risparmiare quattrini e accorciare la distanza tra cittadini e pubblica amministrazione (analizzando le telefonate su Twitter la polizia di Manchester forse può migliorare il servizio, per esempio). Libertari di tutto il mondo, meditate.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

6 luglio 2010

NINNANANNA 2.0


“Isaiah, l’uomo-cavallo cliccato 12 milioni di volte”. Il titolo
dell’articolo del Corriere.it sembra alludere a una sorta di cupo sequel di Tutti lo chiamano Alì (pellicola tristissima di Fassbinder sulla storia di un presunto uomo-cavallo nella xenofoba Germania anni ’70) più che, banalmente, all’ennesimo porno interracial. Invece si tratta del “modello Mustafa, sogno erotico delle americane, grazie agli spot che si prendono gioco del machismo”.

L’articolo tratta dei due pluripremiati spot di Old Spice, gel da doccia per maschietti prodotto da Procter&Gamble con protagonista Isaiah Mustafa (il “sogno erotico delle donne americane” secondo il Corriere.it, che si affida all’elegante doppio senso dell’uomo-cavallo perché nel primo spot l’attore afroamericano ne cavalca uno), che hanno fatto il botto su YouTube (titoli del genere su testate del genere, peraltro, danno una buona mano ai click).

YouTube è una vera miniera d’oro per gli sfaccendati giornalisti dei media-mainstream, a cui fornisce in tempo reale una panoramica sui video più cliccati del momento, solitamente fenomeni di costume mediatizzabili sempre in una maniera o nell’altra (basta aggiungerci un qualche sociologismo e “si porta a casa la giornata”). Fortunatamente, però, dentro il social network più pagato della storia (Google nel 2006 ha sborsato un miliardo e 650 milioni di dollari per comprarselo) non ci sono solo i tormentoni delle multinazionali pubblicizzati a gratis (?) dai giornali. Su YouTube c’è di tutto, persino le ninnananne.



Lullabies of the World” è un progetto del 2005, nei successivi tre anni ha vinto tutti i premi possibili, che mette in fila venti ninnananne animate di tutto il mondo, per cui Metronome Studio (supportata dalla Federal Agency for Culture and Cinematography of the Russian Federation) ha ricostruito mitologie, religioni, melodie tradizionali, usi, costumi, archetipi e stereotipi. Il risultato è un prodotto unico e sconosciuto ai più.


Eppure bastano pochi clic (e nessuna spesa) per far entrare i propri figli in una favola animista africana, mostrar loro le imprese di Krisna in India e quelle di Ulisse e Icaro in Grecia o gli stress subiti dalla
procace e occhiuta mamma andalusa e dalla coppia di esquimesi obbligati dal pargolo a farsi performers. Il tutto con eleganti esecuzioni musicali e illustrazioni di rara bellezza (e acume pedagogico), apprezzate innanzitutto dal piccolo/a aspirante dormiente (prima ancora che dagli speranzosi genitori aspiranti cosmopoliti). Così, quando gli occhi si chiuderanno e il respiro si farà regolare, non resterà che ringraziare San YouTube.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.
Le immagini sono state prese in prestito qui.

20 agosto 2008

PORNOCORRIERE


La terza news più cliccata di oggi sulla versione online dello storico quotidiano di Via Solferino è presa da un tabloid statunitense di proprietà di Rupert Murdoch, il New York Post. SI tratta di una presunta amicizia tra due attrici, Tera Patrick e Angelina Jolie. La prima - udite udite - è una pornostar, a cui la seconda avrebbe chiesto un cosiglio su come interpretare la parte di Catwoman nel prossimo film di Batman.

"Tera e Angelina sono amiche e si tengono in contatto via email. Hanno lunghe conversazioni. Dopo aver visto le notizie su questo nuovo ruolo, Angelina ha chiamato Tera e le ha chiesto cosa ne pensasse. La Patrick ha una conoscenza talmente approfondita sull'argomento che la Jolie ha esclamato: 'Dovresti farlo tu!'" ci rivela l'ineffabile Renato Franco, citando l'autorevolissima fonte d'oltreoceano.
Fine della (non)notizia.

Poi il Franco si avventura in una biografia di Tera Patrick che credo avesse qualche ambizione di ironia, ma che suona come una versione trash della moralina all'italiana in salsa Cesaroni, sessista e inconsapevole, infarcita da ammiccamenti e battute senza senso. In altri tempi neanche Chi l'avrebbe pubblicato
. Cito alcune perle, giusto per dare un'idea:

"Così torna a posare, questa volta — sarà stata l'estate — senza vestiti. Da lì all'hard il passo è breve."
Cioè?

"lavora come infermiera (niente battute sullo stereotipo dell'infermiera, please)"
'Please' a chi?

"che ha fondato con Evan Seinfeld, ex cantante e bassista della band hardcore (allora è un vizio)"
L'hardcore è un genere musicale. O era un'altra gag? 

Il finale poi è magistrale:
"E soprattutto: quali film di Tera avranno visto insieme Angelina e Brad?"

Tutto l'articolo di Renato Franco "Tera Patrick, la pornostar USA che da consigli ad Angelina Jolie" è qui.
Il sito ufficiale di Tera Patrick è qui.
L'immagine l'ho presa in prestito qui.

Morale della favola:
meglio il porno di Tera che il pornogiornalismo dei Franco.

sfoglia
maggio        luglio