.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

19 aprile 2011

LA TASSA DELLA LIBERTÀ


“Sono appassionata di questioni industriali e di ricerca, ho lavorato sul controllo dei bilanci. Mi interessano quasi tutte le questioni politiche. Per esempio, sono favorevole a un compromesso per risolvere l’annosa questione del copyright: imporre una
flat rate per poter scaricare tutto senza più questa insensata guerra tra consumatori e produttori di contenuti”.

Ci voleva Amelie Andersdotter, con i suoi 23 anni la più giovane eurodeputata di Strasburgo, per dare forma a un’ovvietà che mi ronzava in testa da parecchio tempo. Amelie è stata eletta in Svezia nelle file del Partito Pirata, arrivato alle elezioni del 2009 al 7,1% dopo l’arresto dei fondatori di The Pirate Bay, una delle più importanti piazze online per lo scambio di files (il cosiddetto peer to peer). Il sito è oscurato in Italia dal 12 febbraio 2010, come informa la sezione nostrana (che suggerisce alternative con tanto di banner grafici in diversi colori), dopo che il Tribunale di Bergamo ha obbligato tutti i providers italiani a bloccare l’accesso al server pirateschi.

Scaricare e condividere musica, film e altri file è una realtà contro cui ogni combattimento si sta dimostrando vano se si escludono, naturalmente, i paesi in grado di investire tanto denaro, mezzi e lavoro per mettere in piedi un apparato di censura degno di uno stato totalitario moderno. In tempi di crisi (e di svacco politico manifesto) prevalgono i ‘vorrei ma non posso’ di aspiranti fustigatori del libertinaggio informatico, che in Italia si riflettono in un pullulare di proposte di leggi all’insegna della tolleranza zero ma destinate a sicuro fallimento. Forse sarebbe ora di prendere in parola Amelie.

La sua proposta è l’uovo di Colombo. Introdurre una sorta di pay per peer, una tassa che permette di scaricare liberamente e legalmente, produrrebbe nuovo e insperato gettito oltre che un sospiro di sollievo dei potenziali criminali, svariate centinaia di migliaia di persone (forse qualche milione solo nel Belpaese) e delle forze dell’ordine, che probabilmente hanno di meglio e più utile da fare che mettersi a fiutare le tracce informatiche di quindicenni brufolosi al primo porno o di tranquille signore che si scaricano Bach o Lost.

Intanto il ministro Maroni, nel sostanziale silenzio dei grandi media, continua a sostenere che scaricare o condividere musica non è un reato, che non intende perseguire chi lo fa (al contrario dei compagni di guerre umanitarie, francesi e inglesi) e che sogna un sito nazionale da cui poter scaricare gratuitamente e legalmente grazie al sostegno di sponsor. Tra la proposta della deputata europea Amelie Andersdotter e quello che, con un certo sprezzo del pericolo, dice Maroni c’è lo spazio per un bel condono informatico tombale e preventivo. Un compromesso all’italiana di cui andare fieri, per una volta.

L'articolo è stato pubblicato (insieme alla foto) su The FrontPage.

9 dicembre 2009

PUNKAPITALISM

"C'è una leggenda popolare secondo la quale, se l'Inghilterra fosse mai in pericolo, battendo sul tamburo di Francis Drake, lo si farebbe ritornare in tempo per salvare la patria".

Tutte le volte che lacci e lacciuoli soffocano l'economia ci pensa la pirateria. Questa è l'opinione originale (ma non troppo) che Matt Mason enuncia in «Punk capitalismo. Come e perché la pirateria crea innovazione» (edito da Feltrinelli).

D'altronde è andata così ai tempi di Drake, nominato sir e viceammiraglio della flotta britannica - quella he sconfisse l'Invincibile Armada di Filippo II - dalla Regina Elisabetta per i servigi resi alla corona e - soprattutto - alle sue finanze. Si stima infatti che la metà (la parte che spettava all'Inghilterra) del carico di spezie e tesori catturati agli spagnoli dal corsaro del Devon, fosse superiore alle entrate della corona di un intero anno. Un secolo dopo toccò al corsaro Henry Morgan, che per la sua fedeltà alla corona arrivò ad essere nominato governatore della Giamaica.

L'istinto pirata, ribelle e arraffone, sembra essere la radice antropologica del capitalismo stesso, della sua brama di conquista, di ricchezza, di potere.
L'epica della nuova frontiera, perlustrata in lungo e in largo da centinaia di film western, la corsa all'oro, all'industrializzazione, al progresso scientifico e tecnologico e l'approdo alla società dell'informazione, in quest'ottica sembrano tutti atti della stessa commedia.
È curioso, quindi, sentire prediche contro la "pirateria informatica" (con questo slogan passa tutto ciò che è libera condivisione di conoscenza in Rete) sulla moralità e le buone ragioni del mercato "in chiaro", sciorinate da monopolisti, tycoon ai limiti del brigantaggio, finanzieri senza scrupoli e pseudoindustriali con le pezze al culo.

Secondo Mason si tratta semplicemente di un grossolano abbaglio, poiché le fortune del mercato del domani le decidono i pirati in azione oggi. Dinamiche, tendenze e direzione di marcia del capitalismo che verrà vanno quindi ricercati nell'attuale cono d'ombra dell'illegalità, nelle "Libertatia" dove operano i Francis Drake e gli Henry Morgan contemporanei.
Mason, che ha cominciato come dj in una radio pirata londinese, sostiene che la pirateria è destinata - nell'informatica, dell'informazione, nella cultura, nell'arte, nei videogame - a essere vincente. Per questo ha scritto la "nuova Bibbia per manager e uomini d'affari", premiata da BusinessWeek e tradotta in dieci paesi. La tesi è semplice: il copyright non è giusto o sbagliato, ma semplicemente vecchio.

Quando lacci e lacciuoli soffocano l'ansia predatoria del business la pirateria arriva in suo soccorso. Già nel XIX secolo i Padri fondatori negli USA fecero spallucce davanti ai brevetti depositati regolarmente e si accaparrarono senza vergogna le invenzioni europee, alla base della rivoluzione industriale che ha cambiato il corso della storia.
Perché oggi dovrebbe andare diversamente?

Intanto gli ingegneri dell'università di Bath, in Gran Bretagna, stanno sperimentando da qualche anno alcune innovazioni destinate ad avere un impatto dirompente, non solo da un punto di vista commerciale, come la stampante tridimensionale già usata da aziende come Adidas, Timberland, Bmw e Sony. A breve i ragazzini saranno in grado di autoprodursi prodotti come le All Star, personalizzandone del tutto il look con pochi euro di spesa.
Fino a quando stati e corporation si ostineranno a fare muro contro muro?
Quand'è che si metteranno - una buona volta - a studiare dove e come gli conviene partecipare?

L'articolo è tratto dal blog di Aprile.
L'immagine di Francis Drake l'ho presa qui.

18 novembre 2008

TECNORIVOLUZIONE


La limitazione del copyright alle opere intere (e la conseguente liberalizzazione della condivisione di files e remix creativi), l'eliminazione di tutte le tasse sui capital gains per gli startup (per favorire gli investimenti sulle imprese ad alto tasso d'innovazione), la diffusione capillare della banda larga e l'avvento della net neutrality sono solo alcune delle ipotesi di lavoro del nuovo corso obamiano.

Tutto l'articolo sull'ultimo Bianconiglio, pubblicato da Aprile.
L'immagine è stata presa in prestito qui.

sfoglia
marzo        maggio