.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

4 marzo 2013

PRIMA DELL'ESTINZIONE


Una decina di giorni prima del 25 febbraio 2013, dopo che una pioggia di meteoriti aveva provocato esplosioni nel cielo degli Urali, un asteroide di centotrentacinquemila tonnellate e quarantacinque metri di diametro era sfrecciato a circa ventisettemila chilometri dalla Terra, alle 20 e 25, ora italiana. Senza apocalissi di sorta. Anche i più tenaci apologeti dell’Armageddon Maya ritardato si erano dovuti arrendere alla noiosa evidenza della persistente sopravvivenza della, cocciuta, specie umana.

Dopo dieci giorni, più o meno alla stessa ora, era ormai chiaro che in Italia il Maya di turno non era nato tra le nebbie della bassa padana di Bettola. Di lì a qualche ora l’inviato di Porta a Porta, imbalsamato nel suo piumotto circonfuso dalle luci di scena e dalla spettrale quiete residenziale promanante dalla villa del timoniere di Sant’Ilario, avrebbe spalancato le braccia e il sorriso, disarmante e disarmato: “non abbiamo contatti con Beppe Grillo, né col suo staff… di nessun tipo”.

“Gli alieni sono invece introvabili, non sai con chi parlare, sono inafferrabili, interlocutori politici potenziali e media sono alla stessa stregua tenuti fuori dalla porta, anzi non c’è la porta, non si sa dove stanno e che fanno, vai fuori dalla casa di Grillo a Genova o vai a Bologna dove c’è un’esperienza in Comune o cerchi disperatamente di vedere se c’è un modello siciliano di omologazione, chissà, non hanno l’etichetta al citofono, vogliono fare le sentinelle della rete dentro le istituzioni, la delega ai capi è assoluta, nessuno si sente autorizzato nemmeno a fingere di avere una opinione per sé, spendibile politicamente, comunicabile senza passare per l’imbuto del web controllato dal blogger.”

E pouf. Passa una settimana e l’Italia è Mars Attacks. Alieni, setta, strategia diversiva di matrice neoliberista o forza di occupazione che dir si voglia: fatto sta che la prima parte del tanto sbandierato piano di Grillo&Casaleggio è andato magicamente in porto e l’Italia, le istituzioni repubblicane e tutta la baracca sono in ostaggio. Dopo anni passati a far le prove, scimmiottando le Br prima (sul blog venivano pubblicati i “comunicati politici” con un font tipo ciclostile anni ’70) e scippando poi senza vergogna Alan Moore, Anonymous e il movimento antagonista dell’icona di Guy Fawkes.

Appena si aprono le urne, come per magia, alcuni dei protagonisti della storia della Repubblica recente e meno recente non esistono più. La polizia del karma inghiotte subito Fini, Di Pietro, i comunisti e i verdi di ogni ordine e grado (già semi-morti), Ingroia, ma anche Casini e Monti scompaiono presto dai radar delle agenzie dopo le prime, pallidissime, dichiarazioni di rito. Come previsto dal Piano di Occupazione Stellare del Nexus 7 con gli occhialoni, rimangono in piedi solo l’uomo di Bettola e quello di Arcore, nati sotto il segno della Vergine. Lo stesso giorno.

Vendola, come da programma, comincia a sbarellare e attacca a dare segni di diserzione ad appena ventiquattrore dalla chiusura dei seggi. Aveva impiegato fior fior di sonetti e narrazioni per spiegare al popolo della sinistra e ai fratelli dei media di volta in volta convenuti che Grillo era un fascista della peggior risma, populista e maschilista becero, gemello del Berlusca brutto e cattivo, e ora la stessa passione gli sgorga con medesima ispirata naturalezza per sostenere l’esatto contrario. Naturalmente ha buon gioco, il timoniere, a prenderlo per il culo senza troppi complimenti.

“Vendola si è ingrillato all’improvviso dopo le elezioni. Si è vestito di nuovo come le brocche dei biancospini. Sembra un’altra persona. Ha un rinnovato linguaggio, comunque sempre variegato, e adopera inusitate e pittoresche proposizioni verso il M5S. Vendola ci ama: “Grillo non è un fantasma per il quale bisogna convocare l’esorcista, è un nostro interlocutore”. È lo stesso Vendola che il 20 febbraio 2013, a tre giorni dall’appuntamento elettorale, su La 7 spiegava: “Grillo è un populista di piazza. Grillo è il virtuoso della demolizione ma chi ricostruirà il Paese? Grillo è un’evoluzione di Berlusconi.”

Tra l’altro probabilmente è vero. Grillo è un’evoluzione di Berlusconi tanto quanto il MoVimento a 5 Stelle è un upload di Forza Italia del 1994. Quello era un partito-azienda e questo sembra assomigliarci parecchio, il timoniere è il leader carismatico assoluto tanto quanto (e forse ancor di più) il Cavaliere Nero dell’epoca. Casaleggio-Stranamore, poi, è molto più affascinante di Dell’Utri, anche se con l’ex braccio destro di Berlusconi condivide la passione bruciante per le cavalcate culturali d’annata.

Dice bene Ferrara: “il punto è che i grillini, nel bene e nel male, perché questa è la loro novità e la loro forza oltre che la loro controversa ambiguità, non sono un partito di plastica come fu Forza Italia, magari, e non sono un partito di terra e sangue come fu la Lega nord, magari. Non sono proprio, i grillini, un partito o un movimento materiale, che abbia luoghi di formazione comprensibili e solidi, radici culturali, un legame anche labile con una tradizione, magari da ribaltare. Sono leggeri come ultracorpi, body snatchers, invadono lo spazio pubblico clonandosi e moltiplicandosi con il consenso elettorale legittimo, ma lasciandosi alle spalle piazze, polmoni e comizi che non esprimono la loro autentica identità istituzionale, il loro carattere come soggetto politico, ormai delegato a un esercito di piccole figure scelte da piccole folle mediatiche sotto la occhiuta sorveglianza di una società di marketing, la Casaleggio & Associati.”

Sono tutto e niente, festeggiati nell’ultima novecentesca orgia un po’ lugubre da Dario Fo ed Ernesto Galli Della Loggia, Leonardo Del Vecchio e “Bifo” (leader del ’77 bolognese), Celentano e Goldman Sachs. All together. E blanditi e corteggiati, a suon di minacce spuntate e lusinghe idiote quanto inutili, dall’agonizzante non-vincitore delle elezioni. Lo scouting dei grillini è una sonora stronzata che permette al timoniere di gridare al mercato delle vacche, il giorno della richiesta di quattro anni di carcere a Berlusconi per la presunta compravendita di senatore.

Dopo aver sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare, dalle primarie blindate agli italiani ai giaguari sul tetto, a quel che resta del più grande partito della sinistra italiana rimane uno spazio di manovra molto limitato, ma decisivo. Essersi chiusi nella ridotta di un piccolo mondo antico immaginario, tra giovani-vecchi spartani molestatori di blogger e funzionari decrepiti che non rispondono a nulla se non a patetiche e suicide logiche di corrente, ha impedito sinora di mostrare al Pd la reale posta in gioco.

Il dopobomba ha l’innegabile vantaggio della nitidezza. E mentre il duo di Weimar gioca al Joker di Batman e soffia sul caos, aspettando l’ultimo rantolo di un sistema irriformabile per clonare definitivamente le istituzioni repubblicane in un software eterodiretto da una maggioranza di byte “eletti solo dalla Rete”, la gente in carne ed ossa comincerà presto a farsela sotto. Grillo ha scritto che di qui a sei mesi non ci saranno più i soldi per pagare pensioni e stipendi: significa che prevede che in sei mesi salti il banco.

Questo è, ragionevolmente, l’intervallo di tempo rimasto per far saltare il banco a loro. La seconda parte del geniale piano del timoniere e del guru capelluto prevede, dopo il blocco della democrazia repubblicana, il filotto. Si torna a votare, sbaragliano tutti e inizia Brazil. Per questo sono e saranno indisponibili a qualunque alleanza di governo, di qualunque genere, con qualunque programma. In questo sta l’evoluzione, l’upload, rispetto a Forza Italia: nella natura intrinsecamente totalitaria del loro movimento.

Ma c’è un ma, anche se tenue. La politica: qualcuno è in grado di portare in Parlamento alcune leggi (poche, radicali e in fretta) che rispondono all’incazzatura popolare e, rompendo l’incantesimo, mostrano che si può fare. L’aula sorda e grigia può riformare sé stessa e allora, si, Grillo potrà serenamente essere mandato affanculo dagli elettori. Che notoriamente non votano mai per gratitudine.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

18 dicembre 2012

VENERDÌ 21 DICEMBRE 2012


“Secondo questa avvincente teoria del complotto mista New Age in cui mi sono imbattuto questo pomeriggio, mentre cercavo di truccare un’asta su eBay, il nostro pianeta passerà attraverso questa immensa rete da pesca cosmica situata a largo delle Pleiadi. Ma che diavolo è questa Cintura Fotonica? Secondo lo scienziato russo Alexei Dmitriev, si tratta di una sorta di fascia di plasma magnetizzato (non mi chiedete spiegazioni, io riporto) che rischia di friggerci tutti come dei coleotteri maldestri nella lampada alogena.”

A un tiro di schioppo dalla Data basta dare una sbirciata su Google News per rendersi conto che, a prescindere dallo scetticismo di maniera e dall’impegno di esperti e scienziati a sgamare le bufale una in fila all’altra, il 21 dicembre 2012 non sarà un giorno come gli altri e “fortunatamente c’è anche l’ala moderata d’ispirazione cattolica. La Cintura Fotonica non sarebbe altri che “lo Spirito Santo” in persona: pucciandoci dentro di esso, la Terra ci traghetterebbe verso “l’Era della Luce”, cambiando per sempre il mondo materiale e la nostra coscienza.”

Non lo sarà per i cileni, il ventiquattro per cento dei quali quel giorno starà a casa dal lavoro per scaramanzia (o come scusa per allungare il ponte), né per i turchi. Il gran mufti Mehmet Gormez, la principale autorità religiosa musulmana del paese, si è dovuto scomodare per puntualizzare che le profezie catastrofiste sono solo frutto di ”superstizione” e ”falsi scenari apocalittici”.

L’allarme creato dalle predizioni sulla fine del mondo del 21 dicembre in base al calendario Maya e sul previsto (e smentito più volte) allineamento dei pianeti della Via Lattea non è una prerogativa turca e cilena. La Nasa ha scatenato un’offensiva antipanico su Facebook e Twitter per smontare una ad una tutte le teorie che hanno appassionato untorelli e giornalisti in questi anni, ma che ora minacciano di far danni veri.

“Proprio come il calendario che hai sul tuo muro della cucina non cessa di esistere dopo il 31 dicembre, il calendario Maya non cessa di esistere il 21 dicembre 2012.” Affermano dalla Nasa, mentre il governo Usa asserisce categorico che “il mondo non finirà il 21 dicembre 2012 o in qualsiasi altro giorno del 2012”, subito seguito a ruota da Messico, Francia e Russia, in cui un deputato propone di perseguire i sobillatori di dicerie, ma dal 22 dicembre in avanti.

Intanto arrivano i primi agghiaccianti annunci di suicidi di famiglie e adolescenti, vittime dello stalking mediatico, e si confermano gli affari d’oro previsti per le località di villeggiatura neo-millenaristica. Oltre ai siti Maya del Messico e del Guatemala, l’ultima moda sono alcuni microscopici paeselli presi letteralmente d’assalto: Bugarach in Francia, Cisternino in Puglia, la Val Pellice in Piemonte e Sirince in Turchia. Chi ha indagato ha scoperto che “i luoghi di salvezza dalla fine del mondo sono quelli che rappresentarono un rifugio per uomini che la pensavano diversamente dalla religione corrente.”

I nuovi catari e valdesi, assediati da raggi gamma, asteroidi, pianeti fantasma e (perché no) dagli alieni di Borghezio, stanno facendo la felicità delle agenzie di viaggi che hanno trovato in questo week-end fine-di-mondo un insperato contropiede alla crisi. Per 130 euro, invece, un’azienda svizzera ha commercializzato in Rete un kit di sopravvivenza per sopravvivere all’Armageddon.

“Vendiamo acqua e del riscaldamento a gas e altri prodotti destinati alla sopravvivenza quando non ci saranno più l’acqua potabile e l’elettricità” argomenta il produttore, reduce dal successo del kit in Siberia, dove ha venduto già più di novantamila pezzi. Niente in confronto al bunker semovente, confortevole e resistente all’acqua (e dunque agli ovvi maremoti previsti dal meteo apocalittico) messo a punto in Cina: una vera e propria arca di Noè in versione bilocale.

Insomma la psicosi dilaga. Nonostante sopracciglia alzate e battutine sarcastiche, dietro ogni caffè e in tutte le fermate dell’autobus non si parla che di questo benedetto venerdì 21 dicembre 2012. Tutti ci hanno fatto un pensiero, anche se in società giurerebbero il contrario e molti hanno il motivato timore che le paranoie del mondo, individuali e collettive, possano trovare nella Data il trampolino di lancio per esplodere. Poi i più saggi si chiuderanno in casa a scopare, fare le coccole e giocare coi bimbi oppure drogarsi, bere, ballare e mangiare in compagnia. L’offerta certo non manca.

“Menù fine del mondo per un ristorante di Hong Kong. Il Flagship Aqua Restaurant Group, ha deciso di organizzare per la sera del prossimo 21 dicembre, che secondo la profezia dei Maya dovrebbe coincidere con la fine del mondo, una cena di sei portate al costo di 2.112,12 dollari di Hong Kong a persona (211 euro circa), cifra che ricorda la data della profezia Maya. Il proprietario però ha fatto sapere che gli ospiti dovranno pagare il conto solo se il mondo non finirà quella sera. In caso contrario tutto sarà offerto dal ristorante stesso.”

L'ultima puntata di Spider Web è stata pubblicata su The FrontPage.

19 novembre 2012

KARMA POLICE

“La vita sulla Terra, come la conosciamo, non sarebbe possibile senza la protezione esercitata dal campo magnetico. Secondo studi recenti la magnetosfera sarebbe interessata da un processo d’indebolimento. Si tratta di un processo lento, ma progressivo”. Non è il solito buco web di untorelli new age (il capovolgimento dei poli magnetici era uno dei must apocalittici in vista del 21/12/2012) ma un comunicato dell’Esa, l’Ente spaziale europeo, che sta lanciando una nuova missione per capire che diavolo sta succedendo: “nei prossimi anni il campo magnetico potrebbe arrivare a un punto di non ritorno, a un livello mai conosciuto dall’uomo”.

A un mese dalla fine del calendario Maya, tutto si può dire fuorché il mondo scoppi di salute. Con gli occhi ancora colmi delle immagini della capitale dell’Occidente, sfregiata dagli elementi nell’intimo dei suoi muscoli architettonici lanciati contro il cielo, la puzza di guerra che arriva dal Medio Oriente lascia presagire un Natale all’insegna del terrore. Allo strazio delle vittime e alla disperazione dei bambini ebrei e palestinesi si aggiunge la paranoia di una guerra vera, con Israele da una parte, il mondo arabo dall’altra e alcune testate nucleari (vere e presunte) in mezzo.

Tutto questo dopo che il segretario di stato Usa, Hillary Clinton, ha annunciato la propria indisponibilità a ricoprire l’incarico nel nuovo governo di Obama. Gli occhi di tutto il mondo sono ancora una volta puntati su di lui, l’uomo del discorso del Cairo. Il Papa Nero è stato appena rieletto, non certo in pompa magna come hanno raccontato con consueta cialtronaggine paesana dalle nostre parti, ma pur sempre con un margine molto superiore ai pronostici della vigilia, sia nel voto nazionale che tra gli stati grandi elettori.

Naturalmente sono tante le ragioni della vittoria di Obama, a partire dall’inadeguatezza goffamente robotica del suo avversario, ma fra tutte spicca l’operazione Chrysler. Sergio Marchionne, il nemico giurato della sinistra italiana, è stato il protagonista dell’evento più atteso dalla sinistra worldwide: il beniamino dei liberal di tutto il mondo rieletto presidente grazie al salvataggio di Stato del colosso dell’auto americana, con i lavoratori a metà stipendio e il plauso unanime del sindacato.

In coincidenza con la fine del calendario Maya, o forse per via della perdita di vigore della corazza naturale del magnetismo terrestre, che impedisce alla Terra di trasformarsi in un Marte o in una Venere, pare che la polizia del karma si stia incaricando di recapitare i suoi paradossali verdetti con crescente impazienza. Non solo il Papa Nero made in Fiat, dunque, ma una serie di piccole scorribande di riequilibrio karmico che sembrano proprio non poter aspettare oltremodo.

“Milano è un villaggio. Tutti sapevano tutto di tutti. Lui arrestava, istruiva processi-bomba, percorreva in favore di telecamere corridoi fatali accompagnato da avvocaticchi con i quali concordava l’uscita degli arrestati dalle camere di sicurezza in cui si riscuoteva con la paura del carcere la confessione, ma già si sapeva tutto di quel coraggioso magistrato in carriera politica. Si sapeva che non era uno stinco di santo, che le sue cadute di stile erano piuttosto pesanti, che il tout Milan era pieno di gente di denari che aveva avuto rapporti spuri con l’ex poliziotto laureato di fretta e messo lì a fare da battistrada dei professorini dell’anticorruzione del pool, si sapeva quel che è venuto fuori pubblicamente dopo, e cioè che aveva avuto rapporti inconfessabili con un pezzetto dei servizi diplomatici (e altro) americani, che la sua storia di pm antipartito era la storia stessa di come veniva calando la cortina di ferro della guerra fredda.”

Il prosaico cade male, nella strapaesana italiana cosiddetta Terza repubblica (in fieri). La faccia di Di Pietro, davanti alla gendarmeria della “commissaria Gabanelli”, come la chiama Giuliano Ferrara nel suo articolo definitivo, sembrava proprio quella del “mariuolo” di craxiana memoria colto con le mani nella marmellata. Sadicamente, ma non troppo, in diversi hanno rievocato la bavetta di Forlani, in aula al processo Enimont: la giustizia infatti non solo (o non tanto) è uguale per tutti. Ma è – soprattutto – equilibrio.

E una volta che si mette in moto, il processo di assestamento non si arresta sino a quando non c’è un equilibrio nuovo. Così capita di assistere alla triste parabola discendente dell’ex Caimano dei caimani, ridotto a mitragliare a salve, a giorni alterni, il governo in carica e a ritrovarsi puntualmente svillaneggiato dai giornali (che un tempo non troppo lontano lo onoravano di una demonizzazione a nove colonne) a pié di pagina, in angoletti troppo angusti per l’ipertrofico ego che scalcia ancora dai titoli.

Oppure di scoprire che dopo tanto bla bla rottamatorio, tra i “Fantastici 5” candidati alle primarie l’unico che azzarda qualcosa di politico (la riforma fiscale capace di assorbire l’evasione = mettere i cittadini in contraddittorio finanziario = fare scaricare tutto a tutti) e scalda i cuori della sinistra del web si chiama Bruno Tabacci, ha centotrentacinque anni ed è un cazzuto di democristiano. Quelli che l’hanno capito per primi, gli agenti segreti della karma police, sono i Marxisti per Tabacci. Normale, poi, che il compagno Bruno sbugiardi le velleità nuoviste del giovane turco Renzi, menandogli calci negli stinchi per tutta la pallosissima versione-primarie dell’X Factor di Sky.

Il pallido Matteo ormai arranca palesemente e certo non aiuta che due tra i suoi economisti di riferimento – Alesina e Zingales – abbiano dichiarato di sostenere Romney. Un amico di tFP, pochi giorni prima del voto, mi ha scritto che “Obama è diventato lo spartiacque fra buoni e cattivi”. L’hanno spiegato anche a Renzi? Intanto Casaleggio, Grillo & associati, liberati ormai dallo stereotipo dei liberatori e ventre a terra nelle purghe d’autunno, continuano a scavare indisturbati, lasciando agli esodanti il continuo rimpallo della propria inconcludenza. Manco la legge elettorale sono riusciti a cambiare.

Per quadrare il cerchio, infine, il rottamator cortese si è candidato segretario del Pd, in Lombardia hanno candidato a furor di partito l’ennesimo “civico”, di sicuro spessore ma conosciuto dal grande pubblico solo per il tragico lutto (continuare a tirare in ballo orfani e vedove oltre a essere macabro e patetico inizia a risultare avvilente), che per prima cosa ha tentato di abolire le primarie e Crocetta neo-presidente della Sicilia ha annunciato Franco Battiato neo-assessore alla cultura. Quello di “mandiamoli in pensione i direttori artistici, gli addetti alla cultura”. Addavenì.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

3 gennaio 2012

MAYA O NON MAYA


Il 2012 è l’anno dei Maya e della loro presunta profezia sull’Armageddon. Il “presunta” è d’obbligo poiché l’unica cosa che ci assomiglia è l’interpretazione dei disegni dell’ultima pagina del Codice di Dresda (uno dei pochi documenti lasciati integri dalla furia evangelizzatrice) effettuata dall’antropologo Arlen F. Chase: una serie di gravi inondazioni della superficie terrestre e un periodo di oscuramento del Sole.

Per il resto l’unica certezza è che per i Maya il 21 dicembre 2012 (al volgere del baktun 12) finisce l’Età dell’Oro, la loro quinta era e la fine del Lungo computo di 5125 anni iniziato nel 3113 a.C. Quello che succederà, quindi, è oggetto di speculazione filosofica e/o commerciale esattamente come il resto delle previsioni e preveggenze in circolazione e la stessa comunità Maya contemporanea tenta di dissociarsi da anni da interpretazioni hollywoodiane dell’evento.

Di certo non è possibile prendere troppo alla leggera la capacità previsionale di tipo scientifico o, come direbbe Odifreddi (ateista militante), aristotelico degli antichi sciamani Maya: rispetto all’eclissi solare dell’11 agosto 1999 hanno sbagliato di una manciata di secondi. Ma per sancire il fatto che questa era umana stia volgendo al crepuscolo non c’è bisogno di abbuffarsi di tempeste solari, comete, sbarchi di alieni e/o inversioni dei poli magnetici. Basta accendere il focolare novecentesco all’ora del tg.

Crisi economica, politica, ambientale, tracollo energetico, guerre, odio, razzismo, intolleranza, fame e miseria possono ben essere interpretate come piaghe apocalittiche inferte a un’umanità indegna e disperata, mentre la storia e il tempo sembrano esser stati messi in pausa dall’atemporalità dell’artista creativo, collettivo e sociale, che demolisce certezze e memoria nel baluginare ipnotico di un futuro già presente. Al dio progresso si è sostituito un senso di precarietà esistenziale che diventa causa prima di ogni scelta individuale e collettiva e della via tecnologica alla salvezza.

In questo scenario l’ipotesi normalmente esotica dello showdown Maya (con tutte le analogie del caso con l’Apocalisse di San Giovanni e le profezie di santi e mistici di ogni tempo) sta creando gli ovvi cortocircuiti mediatici in grado di sbancare il botteghino. Sette e sabba, meditazioni e kolossal, bunker che spuntano come funghi, centinaia di migliaia di siti internet aperti e di copie di libri di genere venduti, cinquanta milioni di visitatori previsti nei più importanti siti archeologici latinoamericani da qui al Solstizio della verità.

Anche l’accanimento dei vari Cicap va al di là della comprensibile ubbia per lo scacco matto inferto dal disprezzato culturame new-age, che alligna nelle periferie della Rete ma grazie al brand 2012 esonda quotidianamente sul mainstream, e rivela l’ansia di ogni monoteismo sfidato sullo scivoloso terreno della metafisica. La Chiesa è in crisi, il mercato pure, la politica non ne parliamo, l’ortodossia misuratrice della scienza positivista potrebbe uscire con le ossa rotte da una stagione di ricerca spirituale, libera, metafisica e, pertanto, non ascrivibile ai soliti steccati.

Nessuno è in grado di predire il futuro, ma un po’ può aiutare il passato. Anche senza scomodare quello arcaico e lacunoso degli indigeni mesoamericani, la storia (personale e collettiva) insegna che ogni fase di profonda trasformazione porta con sé fatica e dolore. Non è detto, poi, che andrà meglio (come sostengono i santoni new-age), ma di certo nulla sarà più come prima. Per una semplice ragione: non lo è già più.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.
"As above, so below" mimato sulla cover di
"Pussy", singolo dei Rammstein uscito nel 2009, l'ho preso qui.

23 marzo 2011

APOCALISSE A ROMA


“Ad Albano Laziale, Comune che la voce dava come epicentro, molti cittadini si sono riversati sia all’URP che alla segreteria del sindaco per chiedere tutele e spiegazioni impauriti specie le mamme dei bimbi a scuola. Dal Comune il sindaco ha annullato tutti gli impegni per gestire la situazione hanno contattato tutti la Protezione civile e l’Ingv per chiedere spiegazioni e tutti gli organi di stampa che hanno potuto mettere in giro la notizia. Quindi è stato contattato il Tg3 regionale e Rds che hanno smentito la notizia.”

Si fa presto a dire “una bufala”. Basta non vivere ad Albano Laziale, nell’occhio del ciclone dei monatti dell’Apocalisse via web come possibile epicentro del terremoto devastante che dovrebbe radere al suolo la città eterna nel mese di maggio, tra due mesi. Se ogni mattina si accompagnano i figli all’asilo di Albano Laziale e la sera si guardano per televisione le immagini del terremoto/tsunami che ha messo in ginocchio la terza economia del mondo, probabilmente non è facile prenderla con la stessa, encomiabile, filosofia.

La “bufala” è in realtà una leggenda metropolitana antica, per chi vive nella capitale, che adesso è arrivata alla resa dei conti con la realtà. Maggio è alle porte, su Facebook ci si organizza, e la prova dei fatti potrà smentire il panico gratuito seminato dalla supposta predizione di Raffaele Bendandi. Secondo Giampaolo Giuliani, fisico in pensione assurto agli onori della cronaca per la serie di presunte previsioni del sisma d’Abruzzo del 2009 (messe a punto tramite lo studio del presunto gas radon, da lui individuato e utilizzato per i suoi “precursori sismici”) la configurazione astrale di quei giorni (11-13 maggio) rientra nella tipologia individuata da Bendandi per le sue previsioni (azzeccate, una persino registrata in anticipo dal notaio) durante tutto il Novecento.

Naturalmente non poteva mancare Nostradamus e due delle sue celebri quartine, che sembrano lo script di un filmone hollywoodiano, vengono messe in relazione col supposto sisma in arrivo. “Il Sole dentro i venti gradi del Toro così forte la terra trema, Il grande teatro riempito crollerà, L’aria, cielo e terra, oscurati e turbati, Quando l’infedele Dio e i santi invocherà”. I venti gradi del Toro corrisponderebbero al giorno 11 maggio (già oggetto di perversioni numerologiche) mentre il “grande teatro” sarebbe il Colosseo.

“Il terremoto così forte nel mese di Maggio, Saturno, Caper, Giove, Mercurio nel Toro: Venere, così nel Cancro, e Marte nella Vergine (Nonnay), Allora più grossa di un uovo la grandine cadrà.”

Tutto questo mentre andava in scena lo spettacolare perigeo lunare che ha dato adito, ovviamente, a ulteriori speculazioni. Secondo lo scienziato Arkady Tishkov “esiste una teoria secondo cui i cicli di attività sismica della Terra è strettamente correlata ai processi che si verificano sul Sole nonché alle fasi lunari. Attualmente la Luna si trova ad una distanza di circa 350 mila chilometri dalla Terra, ossia alla minimia distanza dal nostro pianeta. Naturalmente la sua massa ha un grande impatto sulla litosfera della Terra. A sua volta il Sole è all’apice della sua attività negli ultimi anni. La connessione tra questi fenomeni esiste realmente e si manifesta quasi sempre. I cicli dell’attività solare e lunare possono coincidere. Negli anni 2011 – 2015 è previsto il più alto ciclo di attività vulcanica e sismica sulla nostra Terra.” Insomma, buona Apocalisse a tutti.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.
L'immagine è stata presa qui.

17 marzo 2011

DACCI OGGI LA NOSTRA APOCALISSE QUOTIDIANA


“Il Kojiki riporta un antico racconto che è chiaramente un esempio dell’occorrenza del tema della scomparsa del Sole. In seguito ad una discussione con il suo indisciplinato fratello, il dio della tempesta Susanoo, questi distrusse gli argini delle risaie piantate da Amaterasu e ne ostruì i fossati. Amaterasu ne fu così imbarazzata da ritirarsi nella caverna Ama-no-Iwato, precipitando il mondo nell’oscurità. Le altre divinità la pregarono di uscire fuori, ma senza successo. Quindi la dea Ama-no-Uzume ebbe un’idea: appese uno specchio ad un albero vicino ed organizzò una festa, esibendosi in una danza erotica di fronte alla caverna. Fece ridere talmente tanto gli altri dei da incuriosire Amaterasu e spingerla a sbirciare fuori. Vedere il proprio riflesso nello specchio la stupì talmente che gli altri dei riuscirono a tirarla fuori dalla caverna e a convincerla a ritornare in cielo.”

Uno dei racconti più antichi raccolti nel Kojiki (‘Memorie degli eventi antichi’), già utilizzato da Graham Hancock nel suo studio comparato sul mito del diluvio universale (presente in religioni e leggende di tutto il mondo), testimonia il carattere ciclico delle apocalissi nella terra del sol levante e, di converso, il carattere del suo popolo. Gente che non si arrende mai, che ha salvato la pelle grazie al tempismo disciplinato con cui ha calzato il caschetto e al libretto d’istruzioni anti-sisma del governo che ha letto per davvero, ed è sempre in grado di risorgere, come il sole dopo il temporaneo spadroneggiare del dio degli tsunami.

“Giappone, rischio Apocalisse”. Corriere.it si limita a citare il commissario Ue per l’energia Guenther Oettinger che ha definito “un’apocalisse” la situazione della centrale di Fukushima, dopo aver confidato ai cronisti che, a suo parere, le autorità giapponesi hanno perso il controllo della situazione. Un po’ come dare del pazzo a chi ha una crisi di panico e magari stupirsi se non migliora. Che abbia ragione o meno Oettinger farebbe bene a cambiare mestiere o a prendere silenziosamente esempio dall’opposizione politica giapponese, che si è detta pronta ad avallare il piano del governo senza battere ciglio, e/o dai colossi industriali dell’elettronica nipponica, che stanno rinunciando a ore di produzione per non assorbire l’energia che scarseggia e che serve di più in ospedale.

Monatti del business e untori del panico, intanto, si stanno scatenando in Rete e sui social network. Nelle periferie della Rete cominciano a spuntare le prime creatività numerologiche, mentre gli spammer bombardano di e-mail che pubblicizzano pillole allo iodio contro le radiazioni (che hanno soppiantato momentaneamente Viagra e Cialis) e presunti esperti, mitomani e sciacalli dichiarati annunciano piogge tossiche, malattie infettive, nuovi disastri in arrivo. Tutto ciò non riesce a far smuovere di un centimetro dal proprio decoro il segretario del governo giapponese, Yukio Edano: “Burle che vanno solo ad alimentare il senso di insicurezza collettivo”.

Nel Giappone ipertecnologico del 2011, terza potenza del mondo e storico esportatore di Goldrake e Mazinga, Twitter è diventato un vero e proprio salvavita. Dopo lo schianto delle reti di comunicazione è balzato a 1200 twit al minuto, solo da Tokyo, mentre in migliaia hanno preso d’assalto japan.person-finder.appspot.com, il motore di ricerca di Google per rintracciare le persone scomparse. Gli attimi più spaventosi di migliaia di vite – sovente gli ultimi – sono conservati tra le pagine di blog e social network. Intanto Amaterasu, ricacciata nella caverna dalle bizze del fratello-tempesta, aspetta pazientemente la danza gioiosa dell’ennesima resurrezione per riprendere il proprio posto in cielo.

L'immagine di Amaterasu l'ho presa qui.
L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

10 marzo 2011

ORA E SEMPRE APOCALISSE

“Dall’associazione nulla trapela sul loro stile di vita, né sui loro obiettivi, si sa solo che la «Quinta Essencia» punta a «preservare l’equilibrio ecologico». Le poche notizie sulla «colonia dell’apocalisse» trapelano sulla stampa locale attraverso gli abitanti del luogo, un migliaio in tutto, che hanno prestato la mano d’opera alla costruzione della «cittadella blindata». Quel che si sa è che si tratta di 38 nuclei familiari, che hanno eretto altrettante ville, dotate di fortificazioni, porte e finestre a prova di esplosivi, rifugi sotterranei e collegate tra loro da una rete di tunnel. Il complesso forma una specie di fortezza chiamata, come quelle degli antichi Maya, «La de los Aguilas», appunto, un rifugio delle aquile, per resistere all’apocalisse imminente.”

Le news di Corriere.it, come tante altre testate, assomigliano sempre di più a soggetti cinematografici. Sia nelle catastrofi umane e naturali che nelle bizzarre vie che l’estro creativo suggerisce a un gruppo di vips (vista l’entità dell’investimento si presume che si tratti di gente danarosa) che ha deciso di portare alle estreme conseguenze lo spirito, crepuscolare, dei tempi. Il frullatore mediatico di verità e flash mob, grazie alla Rete ci restituisce in tempo reale una realtà continuamente deformata da specchi distorti e interpretazioni diverse e insinua il germe del relativismo, da tempo oggetto di bolle papali e scomuniche intellettuali bipartisan.

La Rete in sé è uno strumento totale. La realizzazione della profezia di McLuhan – “il mezzo è il messaggio” – ha cambiato il mondo e, presumibilmente, impresso uno scatto d’evoluzione alla specie umana ma, contrariamente a chi l’immagina come una sorta di ideologia evangelizzatrice, tecno-buonista, contiene tutto e il suo contrario. Al Twitter strumento-simbolo della Rivoluzione Verde in Iran si contrappone il Facebook in Sudan, sfruttato dagli uomini del regime che hanno aperto un falso account per convocare una manifestazione-esca che ha fruttato un buon numero di arresti.

Ed anche in fatto di Apocalisse regna il relativismo più assoluto. Secondo Harold Camping, classe 1921 e presidente della Family Stations – network religioso californiano con circa 150 stazioni radio e tv sparse per tutti gli Stati Uniti – è possibile leggere la Bibbia come un calendario che permette di calcolare il giorno del giudizio universale. L’ingegner Camping, che studia la Bibbia da cinquant’anni, sostiene che il Giorno del giudizio comincia il 21 maggio 2011, tra poco più di due mesi, e finisce il 21 ottobre 2011, con il fuoco. Un anno e due mesi prima dell’ultimo giorno del calendario Maya per un evento fatto di t-shirt “21 maggio 2011” e macchine decorate con “Il ritorno di Cristo: 21 maggio 2011”. Per i suoi seguaci ci sono i segni evidenti dell’appropinquarsi della fine dei tempi, come ad esempio la misteriosa moria di corvi e pesci che ha colpito l’Arkansas e altre zone del mondo alla fine del 2010.

Se si dà un’occhiata al curriculum dell’ingegnere, che aveva già pronosticato il game over per il 6 settembre 1994, è facile liquidare il tutto con un’alzata di spalle. Rimane il fatto che sempre più spesso spunta sul web una qualche Apocalisse più o meno suggestiva, come proposta di exit strategy esistenziale o per un soggiorno mistico ed esclusivo. C’è da chiedersi cosa succederebbe se tanta gente cominciasse a crederci.

L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

11 gennaio 2011

LA TASSA DELL'APOCALISSE


I primi giorni del 2011, in poco meno di una settimana, in Arkansas e Lousiana sono piombati dal cielo migliaia di merli stecchiti, in Svezia è toccato ai corvi mentre in Romagna migliaia di tortore hanno fatto la stessa, apparentemente misteriosa, fine. Stesso copione per i pesci-tamburo dell’Arkansas e del Maryland, per le ombrine, i pesci-gatto e sardine brasiliane e per i ‘Pagro Rosa’ della Nuova Zelanda, buona parte dei quali, giallo nel giallo, non avevano più gli occhi quando sono stati trovati.

Appena hanno cominciato a strillare le fanfare dell’apocalisse sul web, gli esperti si sono mobilitati per tranquillizzare la gente, sostenendo che è normale, che è sempre successo e che ognuno degli episodi singoli ha una spiegazione ben precisa (fuochi d’artificio per i merli dell’Arkansas e poi pure per i corvi svedesi, indigestione di semi di una fabbrica del faentino per le tortore, ecc.), ma piazzando tutto nel frullatore mediatico si è creato il solito panico ingiustificato (anche se confinato agli appassionati del genere apocalittico). Colpa dei media e dei blogger untori, insomma, tempo una settimana e la notizia sarà sparita dai titoli di testa delle portaerei del media-mainstrseam.

Il brivido di paura, intuitivo e irrazionale, forse ha fatto vibrare un nervo scoperto dell’opinione pubblica, già frustrata dalle continue notizie circa lo stato dell’economia, dell’ambiente, della salute, dell’ordine pubblico, squassato da periodiche esplosioni di violenza che mettono a ferro e fuoco intere città (Atene, Parigi, Roma) o sparano ai nemici politici. L’incertezza del futuro si sta mutando in vero e proprio, sordo, terrore e la paranoia sulla fine del mondo sembra inventata apposta per canalizzare tutta la potenza autodistruttiva di una civiltà che ha paura della sua ombra. Gli esperti, poi, riescono quasi sempre ad essere ancora più inquietanti delle news. Secondo LeAnn White, specialista di malattie che colpiscono la fauna selvatica: “A volte si capisce che il fenomeno è legato ad eventi particolari, altre volte all’inquinamento e altre volte ancora il fatto è rimasto misterioso”.

Ironia della sorte, nelle stesse ore le streghe della Romania annunciavano una originale protesta anti-tasse: “La maga ha detto che guiderà un gruppo di “colleghe” intonando un maleficio accompagnato da una pozione ricavata da escrementi di gatto e un cane morto. Altre fattucchiere si riuniranno sulle rive del Danubio per gettare in acqua velenose piante di mandragora al grido di “affinché il male li colga”, come ha potuto precisare una di loro, Alisia.” Pare che la riforma salterà, il presidente Basescu e i suoi principali collaboratori d’altronde sono soliti vestirsi di viola, in alcuni giorni della settimana, proprio per scacciare il malocchio.

Un minuto prima di spedire l’articolo scopro che anche nel modenese sono state trovate decine di tortore morte. Come a Faenza, sempre tortore. Mi sa che da qui al 2012, almeno, bisognerà farci l’abitudine all’Apocalisse.

L'immagine è stata presa qui.
L'articolo è stato pubblicato su The FrontPage.

sfoglia
febbraio        aprile